Capesante gratinate con pesto goloso al pistacchio

capesante1

Le capesante gratinate sono un piatto molto semplice da preparare ma di grande effetto, da servire come  antipasto per una cena importante.

La classica panatura, con la quale si è soliti presentare le capesante gratinate, può essere ulteriormente esaltata da un pesto al pistacchio che arricchisce la cromaticità del piatto e ne conferisce un sapore inedito e molto particolare.

Le capesante sono tra i molluschi più apprezzati in cucina, per la loro bontà ma anche per la loro leggerezza essendo poco caloriche e povere di grassi, pur essendo particolarmente gustose. Presentano inoltre notevoli proprietà nutritive: in particolare sono ricche di sodio, sali minerali, calcio, vitamina A e di Omega 3, che stimola la produzione di colesterolo “buono”.

Si ritiene anche che le capesante siano un cibo afrodisiaco: non ci sono prove scientifiche che lo confermino, ma, le note cromatiche del bianco e del corallo e la caratteristica conchiglia che le racchiude, rendono questo frutto di mare elegante e raffinato e contribuiscono a creare un’atmosfera particolare e ricercata.

Se si considera poi che le capesante richiedono una preparazione davvero molto semplice, vale la pena prenderle in considerazione per mettere rapidamente in tavola un antipasto goloso e d’effetto.

Ricetta per preparare le capesante gratinate

Ingredienti per le capesante:

capesante fresche o surgelate

– q.b. pangrattato

– q.b. pistacchi 

– q.b. olio evo

Procedimento

– Disporre le conchiglie con le capesante su una teglia foderata con carta forno

– Cospargere sulla superficie un po’ di pangrattato e di pistacchi tritati finemente

– Aggiungere sale e pepe a piacere

– Irrorare con un filo di olio evo

– Infornare a 200° per 15 minuti

– Servire con il pesto di pistacchio

Ingredienti per il pesto di pistacchio:

– 100 gr di basilico

– 50 gr di pistacchi

– 20 gr di mandorle pelate

– 20 gr di pinoli

– 1 spicchio d’aglio

– 50 gr di parmigiano

sale e pepe nero q.b.

– 4 cucchiai di olio evo

Procedimento

– Lavare e asciugare le foglie di basilico e frullare a immersione aggiungendo l’olio un po’ alla volta

– A parte frullare a immersione i pistacchi, le mandorle, i pinoli, l’aglio e il parmigiano e aggiungere il sale e pepe

– Unire il composto al basilico precedentemente frullato e mescolare

Il consiglio di leBriciole

Se sei intollerante a frumento e glutine, prova questo pangrattato senza glutine per la panatura, a base di riso, mais, miglio e grano saraceno.

Se sei intollerante al nichel per te è meglio evitare la granella di pistacchio e il pesto. Limitati alla gratinatura a base di pangrattato, con l’aggiunta di erbe aromatiche.

capesante2

Print Friendly, PDF & Email
Precedente Equilibrio: la mostra gioco del MUBA a Milano Successivo Bicchierini monoporzione