Baba ganoush

Babaganoush

Il baba ganoush è una delle preparazioni più diffuse della cucina mediorientale. Si tratta di una crema a base di polpa di melanzane, e tahin, una salsa derivata dai semi di sesamo.

Il baba ganoush è tradizionalmente gustato in accompagnamento ai falafel, le tipiche polpette a base di fave o ceci tritati, oppure insieme alla pita, il pane tondo e morbido, diffuso anche in Grecia oltre che in Medioriente.

A me piace servire il baba ganoush durante cene con gli amici – anche a buffet – insieme a delle polpettone di carne o verdure e al pane non lievitato (o carasau).

Da provare anche insieme alle verdure crude (carote, sedano, finocchio) tagliate a listarelle da intingere nella crema (al posto del pinzimonio).

É possibile conservare il baba ganoush in frigo in un contenitore ermetico per 3-4 giorni, o congelarlo e scongelarlo in frigorifero il giorno prima di utilizzarlo.

É un piatto molto economico e facile da preparare, vediamo insieme come fare.

Ricetta per preparare il baba ganoush

Ingredienti

– 600 gr di melanzane (2 medie)

– 1 spicchio d’aglio

– 50 g tahin

– succo di 1 limone

Olio extravergine d’oliva q.b.

Sale q.b.

Pepe q.b.

– Semi di sesamo

 Procedimento

– Lavare e asciugare le melanzane

– Disporre le melanzane su una teglia foderata con carta forno

– Cuocere le melanzane in forno statico preriscaldato a 180° per 1 ora e mezza (in microonde alla massima potenza per 20 minuti), rigirandole un paio di volte

– Una volta fredde eliminare il peduncolo

– Incidere la buccia con un coltello per aprire le melanzane e scavarne la polpa con un cucchiaio

– Trasferire la polpa in una terrina e schiacciarla con i rebbi di una forchetta

– Aggiungere olio, sale e pepe a piacere

– Aggiungere anche l’aglio tritato e il succo di un limone filtrato

– Infine aggiungere la tahina e mescolare

– Guarnire con semi di sesamo

Il consiglio di leBriciole

La melanzana, protagonista di questa ricetta, è in assoluto il mio ortaggio preferito. Poverissima di calorie (16 per 100 grammi), ma ricchissima di fibre la melanzana è molto ricca di acqua (elemento che costituisce circa il 93% della sua essenza) e per questo motivo stimola l’attività dei reni. Può vantare proprietà depurative, drenanti e lassative, e aiuta anche a regolarizzare e stimolare l’attività del fegato contribuendo ad aumentare la produzione e l’eliminazione della bile.

Altro protagonista della ricetta è la tahina, la crema ai semi di sesamo, che costituisce una fonte eccellente di calcio (in 100 g di sesamo è contenuto quasi 1 g di calcio, mentre 100 g di latte ne contengono solo 117 mg) per le donne in menopausa con problemi di osteoporosi, ma anche per chi soffre di spasmi muscolari involontari e crampi notturni.
I semi di sesamo sono anche un’ottima fonte di fosforo, magnesio e acido folico (prezioso nelle primissime settimane di gravidanza per evitare il rischio di malattie al tubo neurale nel nascituro).

Utilizza questa ricetta per comporre il tuo menu settimanale!

Se ti è piaciuto questo articolo seguimi anche sulla mia PAGINA FACEBOOK e  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

 

Print Friendly, PDF & Email
Precedente Edo: la nuova food app che ti dice cosa stai mangiando Successivo Pranzo in ufficio: il galateo della schiscetta perfetta