Anno nuovo vita nuova

Flower image created by Kaboompics – Freepik.com

Capodanno è tempo di bilanci dell’anno appena trascorso e di pianificazione per l’anno che verrà.

Al bando l’autocommiserazione

Il tuo anno non è andato come volevi? C’è qualcosa che rimpiangi? Avresti voluto fare diversamente da come è andata? Basta demoralizzarsi! L’insoddisfazione deve al contrario diventare la spinta per migliorare e cambiare le cose.

Tempo di pianificare

Una buona pianificazione permette di delineare un progetto, definire le tempistiche, mettere a punto le soluzioni e i metodi per affrontare gli imprevisti, alzando di molto la probabilità di realizzare i propri obiettivi.

E soprattutto aiuta a vincere la pigrizia e a mettersi subito a lavoro!

Quali obiettivi

Individua 3 o 4 macro obiettivi (che siano privati o lavorativi) che vuoi raggiungere nel prossimo anno. Prendi carta e penna e butta giù idee e possibili soluzioni. Farlo manualmente ti aiuterà a focalizzarli meglio e a lavorare di fantasia.

Non esagerare con il numero di progetti da prefissarti e ricorda che ogni obiettivo deve essere S.M.A.R.T., secondo il sistema sviluppato da Peter Druck nel 1954 per la definizione degli obiettivi. Per stabilire se gli obiettivi sono validi, Druck ha definito 5 criteri, che corrispondono ai termini anglosassoni che compongono l’acronimo S.MA.R.T.:

  • S = Specific (Specifico)
  • M = Measurable (Misurabile)
  • A = Achievable (Raggiungibile)
  • R = Realistic (Realistico)
  • T = Time-Based (Temporizzabile)

Vediamoli nel dettaglio:

Specifico vuol dire ben definito (esempio: non “voglio perdere peso”, ma “voglio perdere peso mangiando sano e facendo sport”);

Misurabile vuol dire quantificabile numericamente (esempio: voglio risparmiare tot euro);

Raggiungibile vuol dire essere nelle condizioni di procurarmi gli strumenti e le risorse per raggiungere l’obiettivo;

Realistico vuol dire raggiungibile in relazione alla propria situazione e condizione;

Temporizzabile vuol dire definire la realizzazione di un progetto in un tempo definito (esempio: entro il 1 novembre). Questo permette di assegnare una priorità agli obiettivi e programmare tutto l’anno sin dall’inizio.

Tra il dire e il fare… c’è di mezzo l’azione!

Una volta definiti gli obiettivi non ci resta che agire. Come?

Accanto ad ogni obiettivo, assegna un tempo di realizzazione ben definito e cosa fare per raggiungerlo. Inizia con il segnare in agenda il primo passo da compiere per ogni obiettivo.
Così facendo lo renderai più raggiungibile e lo vedrai realizzarsi senza che tu te ne accorga e con poco sforzo.

Gli strumenti giusti

Importantissimo è anche dotarti di tutti quegli strumenti utili come l’agenda, il taccuino per le idee, un account Google o iCloud per utilizzare Calendar, Dropbox o e Google Drive, ecc.

Prenditi qualche giorno, magari approfittando delle feste, per definire i tuoi obiettivi e mettere a punto il tuo piano d’azione per il nuovo anno.

Buone feste e un felice anno nuovo!

Se ti è piaciuto questo articolo seguimi anche sulla mia PAGINA FACEBOOKe  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Scopri cosa può fare per te una PROFESSIONAL ORGANIZER CLICCA QUI

Print Friendly, PDF & Email
Precedente Applesauce o salsa di mele Successivo 5 consigli per un buon riposo