OLIVE SCHIACCIATE

Olive schiacciate

Ho scoperto le olive schiacciate venendo a vivere in Calabria…è stato amore a primo assaggio. Le olive schiacciate sono un antipasto sfiziosissimo che hanno origini nel Sud Italia ma che si stanno diffondendo anche nelle altre regioni della penisola.
Sapete perché si chiamano così? Perché, come il nome lo dice, vengono schiacciate e aperte con un peso che può essere un batticarne oppure un sasso…
Questo è il periodo giusto per preparare questo meraviglioso antipasto per poi servirli insieme a formaggi e affettati…
  Il primo ingrediente di questa ricetta è la pazienza perché le olive schiacciate hanno bisogno di tempo per acquistare quel sapore unico che le rende così speciali… Vediamo adesso quali sono gli altri ingredienti

Olive schiacciate
  • CostoMolto economico
  • Tempo di riposo8 Giorni
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • q.b.Olive verdi
  • q.b.Sale grosso
  • q.b.Semi di finocchietto
  • q.b.Peperoncino
  • q.b.Aglio
  • q.b.Origano
  • q.b.Olio extravergine d’oliva

Strumenti

  • Barattoli
  • Batticarne

Preparazione delle olive schiacciate


  1. Per preparare le olive schiacciate partiamo proprio dall’ingrediente principale: le olive. Dobbiamo scegliere, se possibile, delle olive verdi di media grandezza, le laviamo e le mettiamo a scolare.
    Prepariamo una ciotola capiente (oppure un contenitore più grande se avete una grande quantità di olive) riempita per metà di acqua di rubinetto che utilizzeremo per metterci le olive schiacciate e denocciolate per evitare di farle annerire.

  2. Prepariamo adesso il piano da lavoro coprendolo, possibilmente con un telo di plastica, dato che sporcheremo un po’ ed iniziamo a schiacciare le olive leggermente, in modo che si aprano  ma che il nocciolo non si rompa. Schiacciamo un piccolo mucchietto, dopodiché le denoccioliamo e le mettiamo subito nella ciotola d’acqua. Procediamo così fino a completare le olive.
    Una volta finito di schiacciare e denocciolare tutte le olive, le rilaviamo e le mettiamo in dei sacchetti a rete (tipo quelli delle patate, che io conservo sempre), mettiamo un peso sopra in modo da tenere le olive schiacciate sott’acqua. In questo modo le olive non saranno a contatto con l’aria che le farebbe annerire…
    Le olive devono stare a bagno per qualche giorno finché non perderanno l’amaro che le contraddistingue. Per velocizzare il processo dovremmo cambiare l’acqua due, tre volte al giorno. Ad ogni lavaggio dobbiamo ricordare  di tenerle ben coperte con acqua.


  3. Una volta che le olive avranno perso l’amaro (che potremo verificare assaggiando un’oliva), possiamo procedere alla seconda tappa.
    Prendiamo le nostre olive e le lasciamo scolare bene e, se necessario, le strizziamo, poco per volta, tra le mani. Le mettiamo in un contenitore abbastanza capiente e ci dedichiamo adesso alla preparazione del condimento.
    Affettiamo  l’aglio, tagliamo il peperoncino a pezzettini e gli aggiungiamo alle olive insieme al finocchietto, all’origano. A questo punto possiamo aggiungere anche il sale, regolandosi a gusto. Basta mettere poco per volta, mescolare bene e assaggiare.
    Facciamo riposare nel contenitore per un paio di giorni mescolando ogni tanto. Finalmente, dopo tutta questa attesa possiamo invasare. Prima però dobbiamo lasciare scolare le olive tenendole su di un piano per qualche ora.

  4. Adesso possiamo adagiare le olive schiacciate nei barattoli di vetro già sterilizzati , pressandole per bene con un peso oppure con il batticarne. Copriamo con olio extravergine di oliva. Li  lasciamo aperti fino all’indomani, in modo che l’olio possa scendere fino in fondo, poi, se necessario, aggiungiamo dell’altro olio per coprire le olive. Dopodiché mettiamo il coperchio e capovolgiamo i barattoli per mezz’ora in modo tale da creare il sottovuoto.
    Le olive così preparate si conservano a lungo, anche più di un anno…
    Una volta aperto un vasetto le dobbiamo conservare in frigo.
     

  5. Olive schiacciate

I consigli di Aly

Di solito, per schiacciare le olive, si usa una pietra, ma possiamo usare anche il batticarne.
Non dimenticate di usare i guanti per evitare che le vostre mani diventino nere.
Potete aggiungere gli aromi anche a strati, alternandoli alle olive anziché mescolare tutto.
Se vi piacciono i pomodori secchi sott’olio, conservateli nello stesso barattolo delle olive e otterrete un antipasto ancora più saporito.

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.