Risotto ai funghi porcini

Il Risotto ai funghi porcini è un primo piatto semplicissimo e davvero gustoso. Con l’arrivo delle piogge e delle basse temperature i funghi iniziano a far da padroni. Ecco un risotto semplice ma dal gran gusto, vediamo cosa ci occorre per preparare il Risotto ai funghi porcini.

  • Preparazione: 15 Minuti
  • Cottura: 30 Minuti
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni: 4 persone
  • Costo: Medio

Ingredienti

  • 200 g riso per risotti
  • 200 g Funghi porcini
  • 60 g Parmigiano reggiano
  • q.b. Olio extravergine d'oliva
  • 2 spicchi Aglio
  • q.b. Timo
  • q.b. sale e pepe
  • 1 cucchiaino Burro
  • 1 l brodo vegetale

Preparazione

  1. La preparazione del Risotto ai funghi porcini è davvero semplice. Iniziate la preparazione del Risotto ai funghi porcini pulendo i funghi porcini. Eliminate la terra con un coltellino, poi passateli sotto acqua corrente e asciugateli. Si, avete letto bene, passateli sotto acqua corrente. I funghi vengono dal bosco, e come tale sono alimenti sporchi. Mangereste mai una zucchina sporca di terra? Lo stesso vale per i funghi. Certo non bisogna lavarli ore e ore, basta una passata veloce sotto l’acqua corrente fredda per togliere le impurità superficiali.

     

  2. Una volta lavati i porcini, asciugateli con carta assorbente e tagliateli a dadini di circa 1/2 cm. Rosolate in un filo di olio evo lo spicchio si aglio, una volta pronto allontanate l’aglio e inserite il riso. Molti usano la cipolla, io trovo che l’aglio con i porcini stia meglio. Iniziate a sfumare il riso con il brodo vegetale. Quando il riso è a metà cottura, aggiungete i funghi porcini tagliagli e mescolate.

     

  3. Continuate ad aggiungere il brodo caldo fino a che il riso non arriva a cottura. Una volta pronto aggiustate di sale e pepe, quindi aggiungete il burro e il parmigiano grattugiato. Mantecate fuori dal fornello, quindi unite una spolverata di timo fresco. Servite il Risotto ai funghi porcini ai vostri commensali ben caldo.

Note

UNA PICCOLA AVVERTENZA, SE ACQUISTATE FUNGHI SPONTANEI DAL VOSTRO COMMERCIANTE DI FIDUCIA, SE SONO CONFEZIONATI NON CI SONO PROBLEMI. SE SONO VENDUTI SFUSI, ASSICURATEVI SEMPRE CHE ABBIANO IL TALLONCINO DI VERIFICA DELLA COMMESTIBILITA’ DA PARTE DEI MICOLOGI DELLE ASL. SE NON E’ VISIBILE RICHIEDETELO AL COMEMRCIANTE.

SE INVECE RACCOGLIETE FUNGHI SPONTANEI IN NATURA, PRIMA DI CONSUMARLI PORTATELI A VISIONE AL MICOLOGO DELLA VOSTRA ASL, LA CERTIFICAZIONE E’ GRATUITA E VI ASSICURA CHE LE SPECIE DI FUNGHI CHE AVETE RACCOLTO SIANO REALMENTE COMMESTIBILI, SCONGIURANDO COSI RISCHI DI FUNGHI VELENOSI RACCOLTI PER SBAGLIO.

NON VI FIDATE DEGLI ESPERTI DI QUARTIERE, PARENTI O AMICI SACCENTI. L’UNICO CHE PUO’ DIRVI CHE UN FUNGO E’ COMMESTIBILE O MENO E’ SOLO IL MICOLOGO DELLA ASL.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!
Precedente Zuppa di cannellini e pancetta Successivo Crostini di pane con aglio e santoreggia

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.