Crea sito

Torta alla nocciola Piemonte

La torta alla nocciola Piemonte è un dolce molto conosciuto e apprezzato nelle Langhe e del Monferrato: Territorio piemontese,rinomato per la ricca produzione di eccellenti vini e patria della produzione delle nocciole. La tonda gentile del Piemonte, o nocciola Piemonte, è una varietà di nocciola IGP prodotta nel Basso Piemonte, comprendente alcune aree delle province di Cuneo, di Asti e di Alessandria. Questa varietà di nocciola è ormai considerata la migliore per uso dolciario.La torta che vi propongo oggi è un dolce veramente buono,ottima a colazione,o per una golosa merenda,va benissimo anche come dessert di fine pranzo,magari accompagnata con una coppa di moscato!

Torta alla nocciola Piemonte

Ingredienti:

  • gr. 150 di nocciole Piemontesi sgusciate
  • gr.100 di burro
  • gr.200 di zucchero
  • 3 uova intere
  • gr.200 di farina bianca 00
  • 1 bustina di lievito
  • un pizzico di sale
  • buccia grattugiata di un limone
  • un cucchiaio di olio di oliva
  • 2/3 cucchiai di latte

Preparazione:
Disponete le nocciole su una placca e infornatele a 160° per 10 minuti circa,facendo essiccare solo la pellicina che le riveste,quindi spellatele,strofinandoli in un canovaccio(la pellicina in questo modo verrà via molto facilmente,quindi tritatele finemente.
In una terrina montate il burro morbido con lo zucchero,unite uno alla volta le uova,poi la farina a cucchiaiate,il lievito,la buccia del limone grattugiata e le nocciole tritate,l’olio e il latte necessario per ottenere un impasto morbido.Versate il composto ottenuto in una tortiera con la cerniera di
24/26cm. imburrata e infarinata.Infornate a180°C per 30 minuti circa,facendola dorare,per controllare che sia pronta fate la prova stecchino, infilzandolo nel centro della torta,se ne uscirà pulito,la torta è pronta.

Ti piacciono le mie ricette? Seguimi sulla pagina Facebook La Zia Anna Cucina clicca qui per non perderti nessuna novità!

Torta di nocciole piemontesi senza farina

La torta di nocciole piemontesi senza farina è un dolce tipico del Piemonte che nasce, tra le colline delle Langhe dove cresce la nocciola tonda gentile, prodotto di eccellenza di queste zone. La torta di nocciole piemontesi senza farina è fatta di semplici ingredienti,la sua particolarità sta nel fatto che non viene utilizzata alcuna farina (non contiene glutine quindi possono mangiarla tranquillamente i celiaci,va bene anche per gli intolleranti al lattosio perché non contiene latte o burro) ma solo un composto di nocciole tritate, uova e zucchero. il profumo e la fragranza di questa torta unica permette di assaporare il vero gusto delle nocciole.Viene solitamente accompagnata da una crema di zabaione o semplicemente da un bicchiere di Moscato d’Asti.

torta di nocciole piemontesi senza farina (2)

Torta di nocciole piemontesi senza farina

Ingredienti:

  • gr.200 di nocciole tritate
  • gr.200 di zucchero
  • 4 uova

Preparazione:
Montate a neve gli albumi,a parte montate i tuorli con lo zucchero,aggiungete le nocciole tritate,e,infine gli albumi poco per volta mescolando delicatamente,versate il composto in una teglia ricoperta di carta forno e infornate a 180° per 15 minuti circa.torta di nocciole piemontesi senza farina

  • Ti piacciono le mie ricette? Seguimi sulla pagina Facebook La Zia Anna Cucina clicca qui per non perdere nessuna novità!

Marmellata di uva moscato d’Asti e nocciola del Piemonte

Marmellata di uva moscato d’Asti e nocciola del Piemonte:senza dubbio due fiori all’occhiello del Monferrato e delle Langhe,due prodotti di alta qualità che uniti in questa deliziosa confettura creano un tripudio di gusto e di profumi,se avete la possibilità di procurarvi questi ingredienti vi consiglio vivamente di preparare questa marmellata,non rimarrete delusi.

marmellata di uva moscato e nocciola del Piemonte

Marmellata di uva moscato d’Asti e nocciola del Piemonte

  • Ingredienti:
  • kg.1 di uva moscato (solo gli acini)
  • gr.500 di zucchero
  • il succo di un limone
  • gr.200 di nocciole tostate
  • Preparazione:
    Lavate gli acini di uva,scolateli e asciugateli,metteteli in una pentola e lasciateli cuocere a fuoco basso per 30 minuti circa,mescolando ogni tanto con un cucchiaio di legno cercando di rompere la buccia degli acini,nel frattempo tritate le nocciole,toglietele il trito dal frullatore lasciandone dentro due cucchiai,continuate a tritare fino ad ottenere una crema.Togliete dal fuoco l’uva e passatela nel passaverdura con il disco più sottile che avete eliminando così la buccia e i semini,mettete il succo ottenuto in una pentola e aggiungete lo zucchero,il succo del limone,le nocciole tritate e la crema di nocciole,fate cuocere riducendo della metà il liquido o finchè non ha raggiunto la densità desiderata,la prova densità si verifica versando un cucchiaino di marmellata su un piatto inclinato,se scivola molto lentamente e raffreddandosi si solidifica la marmellata è pronta,versatela nei barattoli ancora calda,chiudeteli e metteteli capovolti fino al raffreddamento.marmellata di uva moscato e nocciola del Piemonte (2)

Ti piacciono le mie ricette? Seguimi sulla pagina Facebook La Zia Anna Cucina clicca qui per non perdere nessuna novità!

Risotto al barbera e robiola di Roccaverano

Oggi vi posto una ricetta con ingredienti tipici del Monferrato,territorio piemontese,ricco di prodotti buoni e prelibati:il risotto al Barbera e robiola di Roccaverano; Per prepararlo ho usato una barbera del Monferrato.La Barbera è un vitigno a bacca nera molto diffuso in Piemonte, di origine antichissima.Ottimo come vino da pasto,si presta molto come ingrediente per molti piatti della tradizione come ad esempio questo delizioso Risotto al barbera e robiola di Roccaverano!questo formaggio che ho usato per arricchire il gusto del risotto è tipico delle province di Asti e Alessandria, si ottiene con latte crudo di capra.La robiola di Roccaverano DOP è un formaggio a pasta morbida, privo di crosta, la struttura della pasta è finemente granulosa e di colore bianco latte. L’aroma e il sapore sono delicati e saporiti,questo formaggio si presta moltissimo per  mantecare i risotti,ma vediamo come prepararlo.

risotto alla barbera

Risotto al Barbera e robiola di Roccaverano

  • Ingredienti:
  • gr.350 di riso carnaroli
  • ml.250 di vino Barbera
  • 1 scalogno
  • sale,pepe
  • brodo vegetale q.b.
  • gr.150 di robiola morbida di Roccaverano
  • burro,olio evo
  • Preparazione:
    Tritate finemente lo scalogno e fatelo dorare a fuoco dolce in una pentola,con una noce di burro e un giro di olio evo,aggiungete il riso e fatelo tostare,bagnate quindi con la Barbera,quando il vino sarà evaporato aggiungete del brodo vegetale e portate a cottura,bagnando ancora con del brodo se necessita,quando è pronto togliete dal fuoco e mantegate con una noce di burro e la robiola,se lasciate riposare il risotto 5 minuti prima di servirlo sarà ancora più buono.risotto al barbera Collage
    Se ti piacciono le mie ricette seguimi su facebook
    per non perdere tutte le novità.
    clicca qui