Crea sito

Pignolo o Strufoli

Per chi non avesse mai sentito parlare del pignolo o degli strufoli, basti dire che sono dei piccoli tocchetti di pasta dolce fritti, amalgamati nel miele e decorati con confettini colorati. Strufolo, deriverebbe da “strofinare”, il gesto che compie chi lavora la pasta, per arrotolarla a cilindro prima di tagliarla in tocchetti, nonostante sia una preparazione molto conosciuta ed apprezzata, gli struffoli hanno una larga diffusione solo nell’Italia meridionale dove ne esistono diverse versioni, tutte più o meno simili ma con nomi diversi: a Napoli “struffoli” in Calabria “cicirata” o “turdiddi” , in Umbria ed Abruzzo “cicerchiata” a Palermo “strufoli” ( a Marettimo nelle isole Egadi, “il pignolo” è un dolce tipico che si prepara per la festa del patrono san Giuseppe).

  • DifficoltàMedia
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione1 Ora
  • Tempo di riposo30 Minuti
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti per l’impasto

  • 1 kgfarina 00
  • 150 gzucchero
  • 150 gstrutto o burro
  • 4tuorli
  • 1scorza di limone (grattugiata)
  • 500 mlcirca di vino bianco o marsala
  • q.b.olio di arachide

ingredienti per completare il pignolo

  • 4 cucchiaizucchero
  • 10 cucchiaiabbondanti di miele
  • 1scorza d’arancia (tagliata a dadini)
  • 1scorza di limone (tagliata a dadini)
  • q.b.confettini colorati

Preparazione del pignolo

Mettete la farina su un piano da lavoro nella classica forma a fontana e aggiungete al centro i tuorli, lo strutto, lo zucchero, la scorza grattugiata del limone e un pizzico di sale. Impastate con il vino bianco o il marsala, nella quantità che richiede la farina ,una volta ottenuto un composto omogeneo e abbastanza compatto, dategli la forma di una palla e lasciatelo riposare per qualche ora avvolto nella pellicola in frigorifero. Trascorso il tempo del riposo, lavorate l’impasto ancora per qualche minuto e dividetelo in tanti bastoncini spessi meno di un dito, tirandoli su un piano leggermente infarinato. A questo punto, tagliate i bastoncini a piccoli pezzettini e disponeteli su un telo, facendo attenzione a non sovrapporli. Una volta pronti, mettete l’olio di arachidi in una padella e friggeteli un po’ alla volta: prelevateli gonfi e dorati ma non particolarmente coloriti per evitare che si possano bruciare, quindi sgocciolateli e fateli raffreddare su carta assorbente da cucina. Sciogliete prima lo zucchero dolcemente in una pentola abbastanza capiente, quindi aggiungete il miele, la scorza tagliuzzata di un limone e di una arancia, quando il miele con lo zucchero si sarà leggermente caramellato aggiungete i tocchetti di pasta fritta nel tegame, mescolando delicatamente fino a quando non si saranno ben impregnati di miele. Versate quindi il pignolo con un cucchiaio nei pirottini di carta e decorateli con i confettini colorati.( con questa dose si ottengono circa 50 pirottini di pignolo, ovviamente il numero può variare in base alla dimensione dei pirottini)

come conservare il pignolo

Il pignolo sistemato dentro una scatola di latta si può conservare per più di un mese. Inoltre potete anche congelarlo per gustarlo quando desiderate.

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.