Crea sito
LaVitainunPortaSpezie

Culurgiones – Ravioli tradizionali sardi

Oggi vi voglio presentare un piatto della tradizione sarda, che a mio parere ha qualcosa di magico e romantico.
E’ una pasta ripiena con patate, pecorino e menta, ma nella forma racchiude tutta la sua sostanza.

La cucina è un’arte che riesce a farti vivere dei viaggi spettacolari e la pasta ripiena è la sua più alta forma di bellezza, una preparazione fantastica, che se abilmente preparata raggiunge livelli di amabile perfezione.
In Italia abbiamo tantissime qualità di pasta ripiena e sono una più buona e bella dell’altra!

Io adoro la pasta ripiena, ogni volta torno bambina a quando con mia nonna preparavamo i ravioli ripieni. Credo che l’ingrediente segreto di ogni preparazione sia il cuore e l’amore che ci si mette ❤️

In questo caso si raggiungono livelli elevati, in quanto questo tipo di raviolo ha una forma affascinante data dalla chiusura, quasi ricamata. Li avevo fatti decenni fa e ricordo che erano venuti fantastici ed ero riuscita nell’impresa. Ho voluto riprovare e devo dire che sono sempre più innamorata. Inoltre sono identici ai cugini orientali, i Dumplings, ripieni di cipollotto e proteine varie, dai gusti più decisi, ma senza dubbio ottimi!

Provate a mettervi alla prova, magari la prima volta non ci riuscirete, ma dalla seconda diventerete dei maghi…tutta questione di pratica!

  • DifficoltàMedia
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione2 Ore
  • Tempo di riposo30 Minuti
  • Tempo di cottura10 Minuti
  • Porzioni2
  • Metodo di cotturaBollitura
  • CucinaItaliana

Ingredienti

Per l’impasto

  • 110 gsemola di grano duro rimacinata
  • 40 gfarina 00
  • 75 gacqua
  • Mezzo cucchiaioolio extravergine d’oliva
  • 1 pizzicosale

Per il ripieno

  • 180 gpatate rosse
  • Mezza tazza da caffèolio extravergine d’oliva
  • 1 spicchioaglio
  • 30 gpecorino (grattugiato)
  • 10 ggrana Padano DOP (grattugiato)
  • 4 fogliementa

Per il condimento

  • 10pomodori piccadilly
  • q.b.olio extravergine d’oliva
  • q.b.mandorle (lamelle)
  • q.b.pecorino (grattugiato)
  • q.b.timo
  • 3 fogliebasilico

Strumenti

  • Sfogliatrice
  • Frullatore a immersione

Preparazione

  1. Per prima cosa dobbiamo preparare il ripieno che dovrà raffreddare, quindi lessare le patate e preparare l’olio aromatizzato all’aglio. Quando le patate saranno pronte schiacciarle ancora calde. Successivamente unire l’olio aromatizzato all’aglio, il formaggio grattugiato e la menta tritata. Far raffreddare.

  2. Ora proseguiamo con l’impasto. Uniamo le farine, l’acqua, l’olio e il sale. Lavoriamolo per 5/7 minuti. Inserire in un sacchetto di plastica e far riposare per 30 minuti prima della stesura.

    Riprendiamo la pasta e stendiamo la sfoglia, una alla volta, ricavando una parte dal totale, il resto lo manteniamo sempre all’interno del sacchetto altrimenti si secca.

    Con l’aiuto di un bicchiere o di un coppa pasta, ricaviamo dei dischetti della stessa dimensione.

  3. Inserire il ripieno e richiudere secondo tradizione (https://youtu.be/rHNCU6uNJrE). Proseguire con tutti i dischi mancanti.

  4. Io con la pasta rimanente ho ricavato delle tagliatelle…

  5. Infine possiamo preparare il condimento. Considerando che il ripieno è bello saporito, il condimento dovrà essere molto leggero e delicato, quindi utilizziamo una semplice salsa di pomodoro fresco.

    Mettiamo quindi un pentolino con dell’acqua a bollire, facciamo una croce sul fondo dei pomodori dopo averli puliti e quando l’acqua comincerà ad arrivare a bollore, immergiamoli e lasciamoli sbianchire per qualche minuto.

    Proseguiamo sbucciandoli e mettiamoli nel boccale del minipimer, frulliamo tutto e poi passiamo a setaccio per togliere i semi. Regoliamo di sale.

    In un padellino mettiamo un pò di olio e lo spicchio d’aglio che abbiamo utilizzato per insaporire il ripieno e accendiamo il fuoco.

    Aggiungiamo la salsa di pomodoro, delle foglie di basilico e cuociamo per qualche minuto, fino a quando l’acqua residua sarà evaporata.

  6. Prepariamo la pentola (capiente) per la cottura dei ravioli, con acqua leggermente salata.

    Una volta raggiunto il bollore immergiamoli e facciamoli cuocere per 3 minuti.

    Impiattiamo e mangiamoci sto tripudio di sapori!

Ti è piaciuta questa ricetta? Vieni a trovarmi su Instagram e diventa follower della mia pagina, scoprirai tante altre ricette e potrai chiedermi qualunque chiarimento.

Torna alla HOME per leggere altre ricette.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da lavitainunportaspezie

Sono un ingegnere con una forte passione per cucina. Con il passare degli anni ho capito che preferisco di gran lunga cucinare al disegnare case. Credo che sia anche questa una forma di arte, un qualcosa di innato che una persona scopre di avere. Io trascorrevo sin da piccola le ore a guardare mia nonna cucinare, amavo gli odori che si sprigionavano in cucina e la passione che ci metteva. Cucinare non è solo mettere insieme qualche ingrediente o seguire una ricetta, ma per me è ascoltare quello che gli ingredienti mi comunicano. L'idea nasce spontanea da qualcosa e man mano prende forma, sempre più arricchendosi di sfaccettature diverse. E' così, cucinare per me vuol dire seguire il cuore.