Crea sito

Cicirata di Capodanno dolce tipico lucano

La cicirata è un dolce tipico lucano che si preparara in occasione delle feste natalizie, ma in particolare nella mia zona, per la festa del Capodanno.

E’ immancabile come dessert dopo il cenone di capodanno e fa sempre il suo gran figurone, oltre ad essere buonissima è anche molto bella da vedere.

La cicirata è un dolce tipico anche calabrese, e come capita per molte altre ricette tipiche, ogni regione ha la sua ricetta, anzi addirittura ogni famiglia ha la sua ricetta della cicirata perfetta.

Gli ingredienti di base comunque sono gli stessi, ovvero la farina, le uova, lo strutto ed il miele sono quelli principali, e nelle varie ricette troverete più o meno farina, più o meno uova, vino bianco o altri liquori.

Preparare la cicirata non è difficile ma abbastanza impegnativo.

Per prima cosa si dovrà impastare la pasta sulla spianatoia, dopo di che formare con le mani tanti bastoncini da cui ricavare tanti piccoli pezzetti della dimensione di un cece da cui prende il nome la cicirata.

Successivamente le piccole palline create andranno fritte nell’olio per friggere ed in seguito amalgamate con il miele e un pò di zucchero.

Infine si darà la forma a ciambella tipica della cicirata che sarà poi guarnita con le semenzelle colorate o codette arcobaleno.

Cicirata di Capodanno dolce tipico lucano

Cicirata
  • Difficoltà:
    Media
  • Preparazione:
    1 ora
  • Cottura:
    20 minuti
  • Porzioni:
    circa 10 porzioni
  • Costo:
    Basso

Ingredienti

  • Farina 00 500 g
  • Sale 1 cucchiaino
  • Zucchero 1 cucchiaino
  • Strutto 1 cucchiaio
  • Grappa o vino bianco (circa 50 ml) 1 bicchierino
  • Lievito in polvere per dolci 1 cucchiaino
  • Scorza grattugiata di metà arancia 1
  • Uova ( ) 4
  • Olio di semi (per friggere) q.b.
  • Miele (per la finitura) 250 ml
  • Zucchero (per la finitura) 1 cucchiaio
  • Palline o codette colorate (per la decorazione) q.b.

Preparazione

  1. Preparazione.

  2. Per preparare la cicirata, per prima cosa versate la farina a fontana su una spianatoia, aggiungete lo zucchero, il sale ed il lievito.

  3. Unite anche le uova e con una forchetta sbattetele lievemente.

    Dopo di che, incorporate lo strutto, la grappa, e la scorza grattugiata della metà di arancio.

  4. Impastate fino a raggiungere una consistenza abbastanza elastica.

  5. Adesso, formate con le mani dei piccoli bastoncini e tagliateli a pezzetti della grandezza di un cece.

  6. Posate tutti i cicirotti su un piano con un canovaccio o carta da forno, cercando di non metterli troppo vicino l’uno con l’altro per non farli attaccare e spolverando un pò di farina sopra.

  7. Quando avrete finito di formare tutte le palline o cicirotti, fate riscaldare in una padella abbondante olio.

  8. Dopo di che friggete i cicirotti pochi alla volta finchè non saranno dorati.

  9. Con l’aiuto di una schiumarola alzateli dall’olio man mano che li preparate, poi posateli possibilmente in uno scolapasta messo nel lavello e ricoperto con carta assorbente da cucina.

  10. Scaldate il miele con lo zucchero in una casseruola, dopo di che immergete i cicirotti tutti insieme.

  11. Mescolate energicamente con un cucchiaio di legno, quando il miele sarà amalgamato per bene con tutti i cicirotti.

  12. In seguito, posizionate il composto direttamente su di un piatto da portata rotondo dandogli la classica forma a ciambella.

  13. Decorate con le semenzelle colorate e fate raffreddare.

  14. Dopo di che, la vostra cicirata sarà pronta per essere gustata!

  15. Altre ricette natalizie tipiche:

    Crespelle di Natale dolci tipici lucani

    Panzerotti con castagnaccio dolci natalizi della Lucania

     

  16. Potrebbero interessarti altre ricette delle feste come:

    Albero di Natale con girelle di pasta sfoglia

    Alberello di Natale di pancarrè nutella e nocciole

    Albero di Natale con il Pandoro farcito con ricotta e cioccolato

     

  17. Se vi è piaciuta questa ricetta, seguitemi anche sulla pagina Facebook del Blog per essere aggiornati sulle ultime novità in corso.

     

  18. Alla prossima ricetta amici!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.