Pandoro vegano al profumo di mandorle

Volete realizzare un ottimo pandoro vegano fatto in casa? Venite con me: oggi prepariamo un buonissimo pandoro vegano al profumo di mandorle!

pandoro vegano FOTO BLOG 1comp
  • Difficoltà:Bassa
  • Preparazione:Tempi di lievitazione + 1 ora
  • Cottura:45 minuti
  • Porzioni:Per stampo da 750 gr

Ingredienti

Per il burro di mandorle

  • 80 g Mandorle pelate
  • 1 cucchiaino Olio extravergine d’oliva
  • 1 cucchiaino Acqua

Per il lievitino

  • 50 g Farina
  • 50 g Acqua
  • 1/2 bustina Lievito di birra secco
  • 2 cucchiaini Zucchero

Per il primo impasto

  • 150 g Farina
  • 40 g Latte di mandorle (oppure acqua)
  • 2 cucchiai Amido di mais (maizena) (rasi)
  • 2 cucchiai Acqua
  • 100 g Patate (lessate e schiacciate)
  • 80 g Zucchero
  • Burro di mandorle (preparato il giorno precedente)

Per il secondo impasto

  • 250 g Farina
  • 40 g Latte di mandorle (oppure acqua)
  • 4 cucchiai Amido di mais (maizena) (rasi)
  • 4 cucchiai Acqua
  • 120 g Zucchero
  • 1 pizzico Sale
  • 1 cucchiaino Aroma alla mandorla (facoltativo)

Preparazione

  1. Ore 17.30 del giorno precedente – preparazione del burro di mandorle

    Prima di tutto preparate il burro di mandorle. In una padella antiaderente, fate tostare le mandorle a fuoco alto per circa 5/6 minuti, mescolando in continuazione. Non appena avranno assunto un bel colore ambrato, togliete la padella dal fuoco e versate le mandorle ancora calde nel mixer.

  2. Iniziate a frullare alla massima velocità  avendo l’accortezza, ogni tanto, di rimandare al centro l’impasto di mandorle che si attaccherà ai lati del boccale. Noterete che la mandorle inizieranno a rilasciare il loro olio; continuate a frullare e aggiungete l’olio evo e l’acqua, fino ad ottenere un composto malleabile.

    Tenete il vostro burro di mandorle in un luogo fresco fino al giorno seguente.

  3. pandoro vegano 1comp

    Ore 18.00 del giorno precedente – preparazione del lievitino

    Preparate il lievitino (io l’ho fatto direttamente nella ciotola della parietaria per comodità). Mescolate la farina con il lievito e lo zucchero. Aggiungete l’acqua tiepida e lavorate bene per ottenere un composto liscio e privo di grumi.  Coprite la ciotola con la pellicola trasparente e mettete a lievitare dentro al forno spento per 3 ore.

  4. Ore 21.00 del giorno precedente – preparazione del primo impasto

    Trascorso il tempo di lievitazione del lievitino, riprendete la ciotola e aggiungete la farina, il latte di mandorle e la patata lessa, schiacciata e lasciata raffreddare. Impastate bene con il gancio fino a che non si saranno amalgamati tutti gli ingredienti.

  5. Unite il primo cucchiaio di maizena e il primo di acqua e, solo quando saranno completamente assorbiti, aggiungete gli altri due. Inserite lo zucchero poco alla volta e infine il burro di mandorle, a più riprese. Continuate ad impastare fino a quando non otterrete una palla che si stacca dalle pareti della ciotola, poi coprite con la pellicola trasparente e lasciate a lievitare dentro al forno spento per circa 12 ore (io ce l’ho lasciato tutta la notte).

  6. Ore 9.00 del giorno successivo – preparazione del secondo impasto

    La mattina successiva, riprendete la ciotola con il primo impasto lievitato e aggiungete la farina e l’aroma. Fate impastare poi aggiungete il latte di mandorle e il pizzico di sale e continuate a impastare. Unite il primo cucchiaio di maizena e il primo di acqua e, solo quando saranno completamente assorbiti, aggiungete gli altri, uno per volta. Unite infine lo zucchero a più riprese, poco alla volta e fate lavorare bene.

    Rovesciate l’impasto sul piano di lavoro e procedete alla pirlatura, fino ad ottenere una sfera totalmente liscia e rotonda.

  7. pandoro vegano 2comp

    Posizionate l’impasto del vostro pandoro vegano nello stampo apposito unto con l’olio evo e lasciatelo lievitare dentro al forno spento fino a che l’impasto non avrà raggiunto il bordo (ci vorranno circa 2 ore, ma controllate che non strabordi troppo).

  8. ORE 12.00 del giorno seguente – Cottura

    Scaldate il forno a 170° (modalità statico) e infornate nella parte più bassa  aggiungendo un pentolino con acqua, per avere l’umidità necessaria a una cottura uniforme.

    Dopo 15 minuti abbassate la temperatura a 160° e continuare la cottura per 35 minuti (controllate sempre, se si scurisce troppo la cupola, coprite con carta stagnola e proseguite la cottura).

    ATTENZIONE: ogni forno é a sé, quindi il tempo di cottura potrebbe leggermente variare. Fate sempre la prova stecchino prima di estrarre lo stampo dal forno.

  9. pandoro vegano 3comp

    Lasciate raffreddare completamente e sformate; poi spolverizzate con zucchero a velo e buon appetito, con il vostro pandoro vegano al profumo di mandorle!

Il consiglio de la Tati pasticciona

Se volete, potete realizzare un pandoro vegano al profumo di nocciole, basterà sostituire le mandorle con nocciole tostate e il latte di mandorle con latte di soia o acqua.

*** Se vi piacciono le mie ricette, seguitemi anche sulla mia pagina Facebook “la Tati pasticciona” Grazie! ***

Precedente Bruschette prosciutto ricotta e kiwi Successivo Pappardelle rosa con barbabietola

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.