Nuvole (senza uova) ripiene di crema al latte

Conoscete le nuvole? Sono delle piccole brioche preparate senza uova e farcite con una golosa crema al latte, anch’essa senza uova. Sono talmente leggere che sembrano appunto delle “nuvole”. Attenzione però: possono creare dipendenza!

Ringrazio Clara Varriale per la fantastica ricetta che trovate al link  http://www.sciuesciue.ifood.it/.

nuvole foto blog 2 comp
  • Difficoltà:
    Bassa
  • Preparazione:
    tempi di lievitazione + 30 minuti
  • Cottura:
    10/15 minuti
  • Porzioni:
    Per circa 18 pezzi

Ingredienti

  • 90 g Latte intero
  • 40 g Acqua
  • 10 g Lievito di birra fresco
  • 40 g Zucchero
  • 250 g Farina Manitoba
  • 40 g Burro
  • 1 pizzico Sale

Per la crema al latte

  • 200 g Latte intero
  • 40 g Zucchero
  • 20 g Amido di mais (maizena)
  • 1 cucchiaino Miele (liquido)
  • 100 ml Panna fresca liquida
  • 1/2 cucchiaio Zucchero a velo
  • 1 Aroma alla vaniglia (fialetta)

Preparazione

  1. Mescolare acqua e latte e scaldarli leggermente. Quando il liquido sarà tiepido, scioglierci il lievito mescolando con una forchetta e aggiungendo un cucchiaio di zucchero preso dal totale.

  2. Mettere la farina, lo zucchero rimanente e il pizzico di sale nella ciotola della planetaria e mescolare con il gancio a foglia.

  3. Aggiungere l’acqua e il latte alla farina e lasciate impastare per circa 10 minuti a velocità bassa fino a che non otterrete una palla che si stacca dalle pareti della ciotola.

  4. Dividere il burro (morbido ma non sciolto) in tre parti e aggiungetele una alla volta all’impasto, facendolo assorbire bene. Fate lavorare bene, deve risultare un panetto morbido ed elastico, leggermente appiccicoso.

  5. Mettere il panetto in una ciotola di vetro, coperta con pellicola, a lievitare dentro il forno spento fino al raddoppio. Io ce l’ho lasciato tutta la notte.

  6. N.B. Io ho utilizzato la planetaria per comodità, ma se non l’avete, potete tranquillamente impastare a mano.

  7. Nel frattempo preparare la crema. In un tegame dai bordi alti, mescolare l’amido setacciato con lo zucchero e stemperare con 50 gr di latte freddo.

  8. Aggiungere l’aroma alla vaniglia e mescolare bene con una frusta a mano. Portare a bollore i restanti 150 gr di latte, scioglierci il miele e versarlo nel tegame con l’amido e lo zucchero.

  9. Continuando a mescolare per evitare che si attacchi, portare di nuovo il composto a bollore. Da quando inizia ad addensarsi, fare cuocere per 3/4 minuti, poi spegnere la fiamma.

  10. Coprire la crema con la pellicola a contatto per evitare che si formi la crosta e lasciare raffreddare.

  11. Quando la crema sarà ben fredda, frullarla con le fruste elettriche per riammorbidirla (l’amido le conferisce una consistenza un po’ gelatinosa).

  12. Dopodiché, montare la panna a neve ben ferma con un mezzo cucchiaio di zucchero a velo e incorporarla delicatamente alla crema con una spatola, mescolando dal basso verso l’alto per non farla smontare.

  13. Riprendere l’impasto ormai lievitato, reimpastarlo a mano per circa 5 minuti e poi suddividerlo in pezzi da circa 25 gr l’uno.

  14. Fare rotolare ogni pezzo di impasto tra le mani per formare delle palline perfettamente sferiche e metterle in uno stampo da muffin precedentemente imburrato.

  15. nuvole 1

    A questo punto inizierà la seconda lievitazione: mettere la teglia con le palline nel forno spento e lasciate lievitare fino al raddoppio (ci vorrà più o meno un’ora).

  16. Togliere la teglia dal forno, preriscaldare a 190° e infornare per 10/15 minuti (il tempo varia sempre da forno a forno. Controllare che risultino appena ambrate in superficie e verificare la cottura con la prova stecchino).

  17. Una volta cotte, le nuvole sono pronte per essere farcite. Mi raccomando: la farcitura deve avvenire quando le nuvole sono ancora calde, in modo che la mollica interna ceda e lasci lo spazio alla crema al latte.

  18. Mettere la crema in una sac à poche con il beccuccio liscio, praticare un forellino alla base di ogni nuvola e farcire.

  19. nuvole 2

    Le nuvole, a contatto con la crema, si raffredderanno subito. A questo punto, metterle nei pirottini da muffin, spolverizzare con abbondante zucchero a velo e lasciare riposare per almeno un’ora a temperatura ambiente.

  20. Buon appetito con le vostre Nuvole ripiene di crema al latte!

  21. nuvole FOTO BLOG 1 comp

Il consiglio de la Tati pasticciona

Come sempre, se realizzate questa o qualsiasi altra mia ricetta, vi invito a farmi avere la foto: la inserirò con grande piacere nell’album FATTI DA VOI.

*** Se vi piacciono le mie ricette, seguitemi anche sulla mia pagina facebook “la Tati pasticciona” Grazie! ***

Precedente Plumcake salato farcito Successivo Crema al latte con panna

8 commenti su “Nuvole (senza uova) ripiene di crema al latte

    • latatipasticciona il said:

      Si… Però ricordati di metterle dentro a un contenitore a chiusura ermetica e in frigorifero. Ovviamente facendo così, il giorno seguente saranno ugualmente buone ma rimarranno più morbide. Buon lavoro!

      • Ma tu veramente credi che aumentare o diminuire le grammature di 5 grammi facciano diventare una ricetta la proprio ricetta?? E poi suppongo che questa genialata anche l’abbia inventata tu ” la farcitura deve avvenire quando le nuvole sono ancora calde, in modo che la struttura della mollica interna ceda e lasci lo spazio alla crema al latte.” (tecnica a cui sono arrivata dopo varie sperimentazioni della ricetta per ottenere il ripieno giusto delle nuvole),
        Ma non si fa più bella figura a citare invece di mentire?? Bah, contenta tu!

        • latatipasticciona il said:

          Ciao Clara,

          mi dispiace che si sia creato questo malinteso, non voglio certo appropriarmi di una cosa non mia. La ricetta in questione me l’ha passata una mia amica e sinceramente non ho pensato (mea culpa) a controllare se ci fosse una ricetta uguale o simile su altri blog. Rimedio subito. Grazie della segnalazione. Buona serata. 🙂

  1. Donatella il said:

    Ciao.. Inanzitutto complimenti… Vorrei fare questi stupendi dolcetti… Quanti ce ne escono CN questa dose? X la seconda lievitazione posso metterli solo nei pirottini? Vorrei fare doppia dose ed ho solo una teglia x maffin da 12….. Ma sono pochi.. ..grazie

    • latatipasticciona il said:

      Ciao Donatella, con questa dose ne escono circa 18… si puoi metterle nei pirottini per la seconda lievitazione, non dovrebbero esserci problemi.. 🙂 Mi raccomando, aspetto la foto se le fai! 😉

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.