Bavette al pesto di rucola

Bavette al pesto di rucola

Oggi avevo tanta rucola del mio campo da consumare ma non mi andava di utilizzarla per la solita insalata. Così ho pensato di realizzare questo delizioso piatto di bavette al pesto di rucola, una valida alternativa al classico pesto di basilico ma dal gusto così delicato che ve ne innamorerete. Parola de la Tati pasticciona! 😉

Bavette al pesto di rucola

Bavette al pesto di rucola

Ingredienti (per 4 persone):

  • 320 gr di bavette
  • 90 gr di rucola fresca
  • 40 gr di pinoli
  • 1 spicchio di aglio fresco
  • 50 gr di parmigiano reggiano grattugiato*
  • 170 gr di olio evo
  • Sale q.b.

* se amate il gusto un po’ più deciso, potete utilizzare 25 gr di parmigiano reggiano e 25 gr di pecorino stagionato.

Procedimento:

Mettete a bollire abbondante acqua in una pentola dai bordi alti.

Nel frattempo, preparate il pesto di rucola.

Lavate bene la rucola e poi asciugatela con un canovaccio, facendo attenzione a non strofinare troppo forte. Mettetela nel boccale del robot da cucina con le lame inserite, aggiungete i pinoli, l’aglio, il parmigiano reggiano grattugiato (oppure il parmigiano e il pecorino) e metà dell’olio evo. Azionate il robot a scatti, (in modo da non surriscaldare troppo le foglie, altrimenti perdono il loro bel colore verde), poi aggiungete a filo l’olio rimasto e continuate a frullare sempre a scatti, fino ad ottenere la consistenza desiderata. Regolate di sale secondo i vostri gusti.

Appena l’acqua bolle, salatela e buttate le bavette. Cuocete per il tempo indicato nella confezione (in genere la cottura delle bavette è abbastanza rapida: 6/7 minuti).

Scolatele bene al dente, conditele con il pesto di rucola e servire calde.

Buon appetito con le vostre bavette al pesto di rucola!

*** Se vi piacciono le mie ricette, seguitemi anche sulla mia pagina facebook “la Tati pasticciona” Grazie! ***

Precedente Tiramisù di ricotta in guscio di pastafrolla al caffè Successivo Petto di pollo pinoli e pomodorini

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.