Crea sito

Tortillas

La tortilla è un tipico pane messicano, non lievitato, preparato con acqua e farina di mais. Il nome in spagnolo significa “piccola torta”, di forma tonda può avere vari diametri a secondo della ricetta a cui è destinata.
Solitamente vengono piegate a metà e farcite con ingredienti vari, prendendo il nome generico di tacos e accompagnate da particolari salse.
Questa preparazione era conosciuta già al tempo degli aztechi che consumavano quotidianamente questo pane molto proteico intingendolo in salse piccanti “mole” a base di peperoncino.
Per ottenere un impasto lavorabile il mais viene pretrattato tramite un trattamento chiamato nixtamalizzazione che elimina la parte più esterna del chicco e lo precuoce.
Per realizzare le tortillas per prima cosa occorre procurarsi la farina idonea chiamata Masa Harina che è possibile trovare anche nel reparto etnico dei grandi supermercati o facilmente acquistabile in internet.
Le tortillas per avere una forma perfettamente tonda vengono pressate da un’apparecchio apposito che può essere in ferro o in legno, questa operazione può essere sostituita con un’ altro semplice procedimento che avrete spiegato nella sottostante ricetta.
La cottura tradizionalmente viene effettuata su una piastra chiamata comal, voi potrete tranquillamente utilizzare la piastra per cuocere le piadine o le crepes.

  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMolto economico
  • Porzioni3
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaMessicana

Ingredienti

Ingredienti per circa 6 tortillas di 14 cm di diametro
  • 200 gfarina di mais bianco (precotta)
  • 300 mlacqua (circa – tiepida)
  • 1 pizzicosale (facoltativo)

Preparazione

  1. Versare in una ciotola la farina di mais, salare e mescolare, versare poco alla volta l’acqua tiepida amalgamando con la mano fino ad ottenere un impasto omogeneo e morbido. Se risultasse friabile aggiungere altra acqua o se risultasse troppo morbido e appiccicoso altra farina.

  2. Dividere l’impasto in sei parti formando delle palline, lasciare riposare una ventina di minuti coperto.

  3. Prendere due fogli di carta forno e posizionare nel centro una pallina, con il fondo di un piatto premere sull’impasto schiacciando verso il basso.

    Lo spessore della tortilla deve essere sottilissimo circa 1 mm, utilizzare eventualmente anche il mattarello facendo attenzione a non rompere l’impasto.

    Qualora i bordi non fossero rifiniti ritagliare i bordi con la punta del coltello, lo scarto può essere inglobato nelle altre palline da modellare.

  4. Al posto della carta forno potete utilizzare anche dei sacchetti per il sottovuoto alimentare, aperti sui i tre lati, più pratici e resistenti.

  5. Cuocere le tortilla su una piastra calda , circa 40/50 secondi per lato, quando si gonfiano significa che sono pronte toglierle dal fuoco e metterle in un canovaccio di cotone per conservarne umidità e calore.

    Se non si utilizzano subito si possono conservare circa 3 gg in frigorifero avvolte nel canovaccio.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da lastefyincucina

Stefania, mamma e casalinga full-time. Sono curiosa, amo viaggiare e sperimentare. La mia cucina è fantasia, improvvisazione e semplicità. Ho lavorato come dirigente sportivo nel settore giovanile del rugby per molti anni, e penso che in cucina si vivano i “terzi tempi” più importanti della vita. Nel 2019 è nata la mia prima collaborazione con il gruppo cameo in qualità di Brand Ambassador, che mi ha permesso di realizzare degli work shop di "My Dolce Casa". Nel 2021 ho ricevuto l'attestato di "Cesarina" della regione Lombardia per la salvaguardia e la divulgazione dei piatti della tradizione italiana.

2 Risposte a “Tortillas”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.