Parmigiana di Melanzane

Le melanzane sono ortaggi appartenenti alla famiglia delle Solanacee, originarie dell’India e della Cina furono introdotte in Italia intorno alla fine del 1300, inizialmente in Sicilia,Calabria e Campania, tre regioni che a tutt’oggi rivendicano la paternità della ricetta della Parmigiana di Melanzane o Melanzane alla Parmigiana.

La ricetta base prevede la frittura delle fette di melanzane e una successiva cottura in forno con passata di pomodoro, formaggio parmigiano aglio e basilico.
Esistono poi svariate versioni a partire da quella più impegnativa calabrese, che prevede l’aggiunta di uova sode, a quella che ogni famiglia ha perfezionato e arricchito a seconda dei propri gusti utilizzando per esempio mozzarella, scamorza o prosciutto cotto.

Esistono poi vari metodi di trattare le melanzane prima della frittura, il più comune è quello di tagliarle a fette cospargerle di sale e lasciarle riposare per eliminare l’acqua amarognola contenuta nel ortaggio.
Altra scelta è lo spessore della fetta che varia dai 2 cm circa a fette molto sottili tagliate con l’affettatrice.

In questa ricetta vi propongo un metodo innovativo, una versione molto semplice che vi permetterà di ottenere una frittura leggera e veloce grazie proprio alla grande quantità d’acqua contenuta nelle melanzane e che non andrò quindi ad eliminare.
Durante la frittura sarà proprio l’acqua contenuta che, cercando di evaporare, contrasterà la penetrazione dell’olio. Questo processo permetterà di mantenere le melanzane morbide all’interno con una crosticina croccante esterna, una vera prelibatezza e sicuramente un ottimo espediente per mangiare più sano e leggero.

Un ultimo suggerimento: scegliete melanzane fresche non troppo grandi per evitare che siano troppo spugnose e ricche di semi.







  • DifficoltàMedia
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione2 Ore
  • Porzioni6/8
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 3melanzane (medie)
  • 200 gparmigiano Reggiano DOP
  • 800 gsalsa di pomodoro (aromatizzata con aglio e basilico)
  • Qualche fogliabasilico
  • q.b.amido di mais (maizena) (farina 00)
  • q.b.sale
  • q.b.olio di arachide (per friggere)

Preparazione

  1. Lavare le melanzane, eliminare le estremità e sbucciarle parzialmente con un pelapatate, ottenendo un effetto a strisce.

    Con un coltello a lama seghettata tagliare delle fette spesse circa 1.5 cm.

  2. Cospargere le fette con un po’ di sale su entrambi i lati e lasciare riposare 1 minuto fino a quando inizierà ad uscire l’acqua sulla loro superficie.

  3. Una volta che si saranno inumidite spolverarle uniformemente con la farina o con l’amido, sempre su entrambi i lati ed eliminando la polvere in eccesso.

    Lasciare riposare 5 minuti fino a quando no si formerà naturalmente una sorta di pastella grazie all’acqua assorbita dalla farina.

  4. Friggere poco per volta le melanzane in abbondante olio bollente (180°) e cuocere fino a doratura.

  5. Scolare man mano le fette ed adagiarle su un vassoio ricoperte con carta assorbente e lasciare raffreddare.

    In questa fase constaterete quanto poco olio abbiano assorbito!

  6. Preparare sul piano di lavoro una teglia da forno e tutti gli ingredienti da assemblare: le melanzane fritte e raffreddate, il formaggio grattugiato, la salsa di pomodoro fredda e le foglie di basilico.

  7. Coprire il fondo dello stampo con la salsa di pomodoro, disporre un primo strato di melanzane, cospargere con il formaggio e poi ancora uno strato di salsa e alcune foglie di basilico spezzettate.

  8. Proseguire con un secondo strato di melanzane, premere sulla loro superficie con le mani, poi versare uno strato di formaggio, la salsa ed infine ancora il formaggio rimasto.

    Cuocere in forno preriscaldato a 160° per 50 minuti.

  9. Una volta cotte saranno perfette se lasciate riposare anche un giorno in frigorifero e prima di servirle riscaldate in forno alcuni minuti a 120°-130°gradi.

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da lastefyincucina

Stefania, mamma e casalinga full-time. Sono curiosa, amo viaggiare e sperimentare. La mia cucina è fantasia, improvvisazione e semplicità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.