Focaccia di patate e erbe di campo

Focaccia-patate-erbe di campo

Da tanto tempo volevo provare questa focaccia di patate e erbe di campo, ma mai avrei pensato di preparare una focaccia così bella da volerla incorniciare. Le focacce fiorite mi sono sempre piaciute tanto: crude sono la fine del mondo, ma anche cotte hanno il loro fascino. Per essere sicura di ottenere un risultato ottimale, ho impastato la mia base con le patate ed ho aggiunto una buona manciata di groviera grattugiato, in modo da avere una focaccia morbida e abbastanza alta, che fosse buona già così, con la sola aggiunta delle erbe di campo, ma anche farcita, ad esempio con fiori di zucca, stracchino e mortadella.
Questo progetto-focaccia (rendere un buon impasto bello come un quadro, e molto buono) mi ha appassionato molto; così tanto che, prima di realizzarla, ho disegnato un bozzetto. Ho pensato con cura come condirla, che erbe di campo adoperare. Ho raccolto le foglie tenere del tarassaco in montagna, e le ho portate a casa con fiori di trifoglio e margherite, poi ho comperato un mazzo di carote biologiche con un magnifico ciuffo, barba del frate e fiori zucca. Quindi ho aggiunto basilico e menta del mio terrazzo e fiori di maggiorana.
Insomma la focaccia di patate e erbe di campo non è solo buona da mangiare, è anche bellissimo prepararla: mettete una buona musica.

Se ti piacciono le focacce e se anche tu vai per prati a raccogliere le erbette, leggi:
Prebuggiun e focaccine – Alle origini della cucina ligure
Focaccia genovese nel forno di casa
Lavanda e Limone: focaccia luglienga
Focaccia con la salvia – Ricetta tradizionale genovese

  • DifficoltàMedia
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di riposo1 Giorno
  • Tempo di cottura30 Minuti
  • Porzioni8
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana
  • StagionalitàTutte le stagioni

Cosa occorre per preparare la focaccia di patate e erbe di campo

Le erbe di campo cambiano a seconda della stagione in cui prepareremo la focaccia. In primavera e in estate avremo senz’altro più possibilità, ma anche le meravigliose foglie dei cavoli, i broccoletti e le cipolle e la catalogna potrebbero dare grandi soddisfazioni.

Con questo impasto ho preparato due focacce da 24 cm di diametro.

Ingredienti per l’impasto

300 g semola rimacinata di grano duro
200 g farina Manitoba
200 ml acqua (La quantità varia, a seconda della farina)
5 g lievito di birra fresco
50 ml olio extravergine d’oliva
5 g zucchero
3 g sale fino
1 patata (abbastanza grande)
100 g groviera (grattugiato)

Per decorare con erbe di campo

50 g tarassaco (dente di leone)
100 g carote (solo le foglie più tenere)
100 gambi agretti (da usare crudi, privati dei gambi)
20 g basilico (fresco, qualche cimetta)
20 g menta (fresca, qualche cimetta)
10 g fiore di zucca (solo qualche petalo)
3 rametti maggiorana (fiorita)

Strumenti

Ho impastato la mia focaccia di patate con la planetaria. Per avere una bella focaccia tonda e precisa ho adoperato uno stampo antiaderente a cerniera da 24 cm, così da non doverla girare una volta cotta e da evitare di romperla.

Consigli per gli acquisti

Sai che puoi ricevere tutte le ricette nuove sul canale Telegram del mio blog? È gratuito e per iscriverti ti basterà semplicemente aprire questo link: in questo modo sarai sempre aggiornato su ricette, segreti, consigli e novità. Potrai ricevere sul tuo telefono tutte le ricette, senza rischiare di perderne alcuna e senza bisogno di inserire nessun numero di telefono o indirizzo mail; se poi dovessi desiderare uscire dal canale, sarà sufficiente eliminarlo.

Come preparare la focaccia di patate e erbe di campo

Con l’aiuto della planetaria faremo prestissimo, ricordiamoci solo di bollire la patata in anticipo, di schiacciarla con uno schiaccia patate e di lasciarla brevemente raffreddare. Inoltre grattugiamo grossolanamente il groviera in modo da averlo pronto.

Impastiamo la focaccia

Chi non avesse la planetaria può impastare a mano, il procedimento è identico. Montiamo il gancio a foglia della planetaria e cominciamo dagli ingredienti liquidi. In un po’ di acqua tiepida sciogliamo il lievito, aggiungiamo lo zucchero e mescoliamo. Quindi azioniamo la planetaria e uniamo l’olio e le farine, poi a filo l’acqua che serve ad impastare. Quando l’impasto ha preso corpo, uniamo la patata schiacciata, il formaggio e il sale. Lasciamo che la macchina lavori per circa 5 minuti. Dovrà essere mollo e abbastanza appiccicoso: è un impasto con poco lievito, a lenta lievitazione e ad alta idratazione. Riposerà ventiquattr’ore coperto in fondo al frigorifero, ed avrà tutto il tempo di lievitare e rassodarsi il giusto. Dopo le prime 12 ore io consiglio una piegatura, e poi, poco prima di mettere in teglia, un’altra. La piega a tre è un’operazione facile che favorisce notevolmente la lievitazione degli impasti.
Trovi tutte le indicazione nella ricetta delle Brioches alle noci pecan e qui c’è breve video dimostrativo.
Una volta estratto dal frigo, dividiamo l’impasto a metà e allarghiamone una parte sul fondo di una teglia tonda da 24 cm, foderata di carta forno. Per ottenere un bell’effetto, ritagliamo la carta con precisione, della stessa misura del fondo della teglia. Quindi lasciamo riposare la pasta 30 minuti prima di decorarla.

Focaccia di patate e groviera, con erbe spontanee e fiori commestibili. Bella come un quadro
Una focaccia così bella da desiderare di incorniciarla

Disegniamo un bozzetto della nostra decorazione

Sai che gli chef fanno veramente così? Preparano un progetto per il loro piatto, disegnando la disposizione degli ingredienti, e decidendo i colori, per avere un risultato estetico e cromatico sorprendente Si chiama food design e questa volta l’ho fatto anche io. Va da sé che il cibo dev’essere prima di tutto buone, ed il miracolo è proprio questo: riuscire ad ottenere un piatto meraviglioso come un’opera d’arte, e anche molto buono. Quindi ad esempio, quando ci presentano un piatto in cui un bellissimo tentacolo di polpo si sposa, con perfezione geometrica, con pomodorini e patate, non pensiamo che sia un caso. È frutto di studi attenti e precisi. I cuochi che conoscono questi segreti sono spesso veri e propri artisti. Oggi ho provato anche io, e mi sono divertita tantissimo

Tutti i passaggi di un progetto di food design: disegnare un bozzetto, studiare i colori, realizzare il piatto e, infine, fotografarlo
Tutti i passaggi, il bozzetto, i colori e la focaccia finita

Come decorare la focacia di patate con erbe di campo

Dopo aver lavato tutte le erbette ed aver eliminato i gambi più duri dovremo solo lavorare con precisione e dare libero sfogo a fantasia e creatività. Prepariamo uno strofinaccio leggero e pulito con cui tamponare fiori ed erbe prima di adoperarle. Io volevo ottenere un prato verde, con diverse tonalità diverse altezze e qualche fiore. Proprio come quelli che si vedono in questa stagione sia in montagna che in campagna, prati verdissimi con l’erba alta ancora da tagliare. E cercavo di ottenere una certa tridimensionalità.
Quando ho finito di comporre la focaccia di patate e erbe di campo, seguendo il mio disegno, ho creduto che fosse bene fotografarla cruda, perché l’effetto era magnifico. Ho avuto ragione, ma, con una cottura lenta e gentile, le erbette sono rimaste ferme al loro posto in modo sorprendente. Ho cotto a 180° per circa venti minuti, dopo aver condito pasta ed erbe con olio e sale.

Focaccia di patate e groviera con erbe di campo, fiori di maggiorana e di zucca
La focaccia è pronta, bella anche dopo la cottura

Consigli della Regina per adoperare gli avanzi

Spero di aver convinto tutti a cimentarsi in un piccolo progetto da food designer.
La focaccia fiorita è buonissima da sola e farà bella figura in una cena, anche a buffet, ma sarà perfetta anche per un pic-nic.
Mi sono avanzate moltissime erbette, che ho pulito con cura e ho cotto velocemente in padella con uno spicchio d’aglio. In una ciotola ho rotto quattro uova, ho aggiunto sale e pepe, una macinata di pepe e tutti i petali gialli del tarassaco. Poi ho preparato una frittata. Nel mio forno, intanto, cuoceva l’altra metà di impasto nella solita teglia tonda da 24 cm, ben condito con olio e sale.
Quando tutto è stato cotto e tiepido ho tagliato la focaccia e l’ho farcita con la frittata, poi l’ho fatta a metà e poi in quattro: quattro panini spaziali con cui cenare su terrazzo, con un tovagliolo di carta ed una buona birra.

Torna alla HOME per conoscermi meglio leggendo Chi sono, scopri i Piatti vegetariani, le Ricette liguri, e tutte le cose buone che prepara la Regina in cucina.
Seguimi su Facebook, su Instagram, e d’ora in poi anche su Telegram: vedrai che non ti capiterà più di essere senza idee per cena!

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da lareginadelfocolare

Mi chiamo Silvia e vivo a Genova. Da tanti anni cucino per amore. Se volete conoscermi meglio, venite a fare quattro chiacchiere in cucina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.