Lavanda e Limone: focaccia luglienga

Focaccia luglienga limone e fiori di lavanda

Ho rivisitato una ricetta dolce e l’ho trasformata in una focaccia luglienga con lavanda e limone. Perfetta con il salame, ma anche con un ripieno di fichi fioroni, che maturano adesso. Avete mai provato un panino con i fichi? O con i fichi e due fettine di salame? Provate, e innaffiate tutto con una buona birra o con un vino bianco fresco.
La ricetta dolce me l’ha passata mio figlio Alberto, che sta leggendo un libro sull’America: Portland souvenir – Gente luoghi e stranezze del Pacific Northwest.
Stranezza appunto, chiamare focaccia una torta dolce con latticello e uova, soprattutto per una genovese.
L’abbinamento lavanda e buccia di limone, però, mi stuzzicava tantissimo, così ho provato in versione salata.
Se vuoi conoscere la versione dolce, ugualmente buona, leggi Focaccina dolce di limone e lavanda
Se ti piace cucinare con il profumo della lavanda puoi guardare anche:
.⁕ Marmellata di albicocca alla lavanda – Ricetta aromatizzata ai fiori
.⁕ Panna cotta alla lavanda – Ricetta con infusione a freddo

  • DifficoltàMedia
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di riposo3 Ore 30 Minuti
  • Tempo di cottura30 Minuti
  • Porzioni8
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana
268,64 Kcal
calorie per porzione
Info Chiudi
  • Energia 268,64 (Kcal)
  • Carboidrati 46,72 (g) di cui Zuccheri 0,65 (g)
  • Proteine 6,08 (g)
  • Grassi 8,24 (g) di cui saturi 1,27 (g)di cui insaturi 0,92 (g)
  • Fibre 8,27 (g)
  • Sodio 1.215,09 (mg)

Valori indicativi per una porzione di 100 g elaborati in modo automatizzato a partire dalle informazioni nutrizionali disponibili sui database CREA* e FoodData Central**. Non è un consiglio alimentare e/o nutrizionale.

* CREA Centro di ricerca Alimenti e Nutrizione: https://www.crea.gov.it/alimenti-e-nutrizione https://www.alimentinutrizione.it ** U.S. Department of Agriculture, Agricultural Research Service. FoodData Central, 2019. https://fdc.nal.usda.gov

Ingredienti per la focaccia

  • 500 gfarina (mista, manitoba e 00)
  • 300 mlacqua (tiepida)
  • 2 cucchiaiolio extravergine d’oliva
  • 3 cucchiainisale fino
  • 1 bustinalievito di birra compresso (e un cucchiaino di zucchero)
  • 1limone ( biologico, scorza grattugiata)
  • 4 ramettifiori di lavanda (più o meno un cucchiaio raso)

Per la salamoia

  • 3 cucchiaiolio extravergine d’oliva
  • 6 cucchiaiacqua (tiepida)
  • 1 cucchiaiosale grosso (raso)

Preparazione della focaccia luglienga con lavanda e limone

  1. La mia focaccia con lavanda e limone è stata impastata con cura dalla macchina del pane, che ha molti programmi, tra i quali uno che impasta e poi tiene al calduccio. Dura un’ora e mezza. Io l’ho fatto andare due volte, quindi la focaccia ha fatto due lievitazioni.

Come impastare la focaccia nel robot da cucina

  1. In alternativa potete usare il robot da cucina (mio fido aiutante). Per primi, inserite nel bicchierone acqua, olio, lievito e un cucchiaino raso di zucchero o di malto di riso, che facilitano la lievitazione. A seguire aggiungete la farina e il sale. Poi fate partire, all’inizio a intermittenza per poi passare alla frullata continua, che dev’essere energica e veloce.

    La pasta è pronta. Le dosi dovrebbero essere giuste, ma se così non fosse, basta correggere con un cucchiaio di acqua o di farina, a seconda delle necessità.

    In questo caso l’impasto va messo a riposare al calduccio per circa due ore, poi conviene rompere la lievitazione e dare alla pasta ancora un’ora di tempo per farla crescere nuovamente.

Lievitazione, piegature e cottura

  1. Fatto questo, ho messo la pasta sulla spianatoia infarinata. L’ho allargata con garbo e ho fatto piovere piano su tutta la larghezza i fiori di lavanda e la buccia di limone. Che profumo, una meraviglia…

    Poi ho piegato in tre la pasta, l’ho ristesa e ripiegata tre volte. Questa operazione, che si chiama piega a tre, non è indispensabile, ma molto utile per avere una focaccia gonfia e morbida.

    Ho trasferito la pasta in una teglia tonda da 24 cm unta d’olio. Quindi ho lasciato che la focaccia crescesse fino ad occupare tutta la teglia; intanto il forno si scaldava fino ad arrivare a 200°, temperatura perfetta per cuocerla bene.

    Prima di infornare, ho bucato la pasta con le dita e ho sparso sulla superficie un cucchiaio raso di sale grosso. In un barattolo avevo preparato un’emulsione di acqua e olio (la salamoia), che ho scosso molto molto bene e ho versato tutta sulla focaccia.

    Cuoce mezz’ora nella parte centrale del forno.

Vi dico un segreto sottovoce…

A Genova c’è un trucco per avere una focaccia perfetta (quasi perfetta) anche a casa. Una volta uscita dal forno, bisogna girarla a testa in giù e lasciarla raffreddare così. In questo modo resterà croccante sotto e morbida sopra.

Secondo segreto: quando mangiate la focaccia, mettetela di nuovo sottosopra, con il sale sulla lingua, sarà molto più buona.

TORNA ALLA HOME, per scoprire la ricetta della focaccia genovese nel forno di casa e molto altro ancora. Se ti piacciono le mie ricette, seguimi su FacebookInstagram, troverai un breve video esplicativo sulla piega a tre (o a libro) e molto altro.

4,2 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da lareginadelfocolare

Mi chiamo Silvia e vivo a Genova. Da tanti anni cucino per amore. Se volete conoscermi meglio, venite a fare quattro chiacchiere in cucina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.