Burro alla barbabietola

Burro alla barbabietola

Ho preparato il burro alla barbabietola per puro caso, in uno di quei momenti in cui la creatività ti suggerisce di fare un esperimento. Non che pensassi di essere proprio io ad averlo inventato, ma certo non immaginavo di condividere l’idea con il grandissimo Alessandro Borghese. Certo da quando l’ho scoperto sono ancora più contenta di aver provato a preparare il burro alla barbabietola. È bellissimo e ne vado fiera.

Con questo panetto di burro rosa alla barbabietola potremo preparare fantastici tramezzini, condire la pastasciutta, rosolare gli asparagi e molte altre cose a cui, forse, ora non penso. Sicuramente vorrei preparare un dolce e sono sicura che la resa sarebbe differente dai dolci che ho già preparato con il succo di barbabietola.

Se ti piace cucinare con la barbabietola leggi:
Tartare di barbabietola e mango – Antipasto vegano
Torrette di barbabietola e feta con noci e miele caldo
Panini morbidi alla barbabietola – Pink burger buns
Torta marmorizzata barbabietola e pistacchio

  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di riposo12 Ore
  • Porzioni10
  • Metodo di cotturaSenza cottura
  • CucinaItaliana

Cosa occorre per il burro alla barbabietola

Servono solo due ingredienti.
Da qualche tempo ho scoperto un burro superlativo. Veramente divino, un burro che ti ruba il cuore e non te lo restituisce… Lo trovi all’Arbanella, è biologico e si vende sfuso: puoi comperarne un etto o due, mezzo chilo o un chilo e mezzo.

125 g burro (morbido)
40 g barbabietole rosse, cotte, bollite

Da oggi puoi ricevere tutte le ricette nuove sul canale Telegram del mio blog. È gratuito e per iscriverti ti basterà semplicemente aprire questo link: in questo modo sarai sempre aggiornato su ricette, segreti, consigli e novità. Potrai ricevere sul tuo telefono tutte le ricette, senza rischiare di perderne alcuna e senza bisogno di inserire nessun numero di telefono o indirizzo mail; se poi dovessi desiderare uscire dal canale, sarà sufficiente eliminarlo.

Che strumenti occorrono per il burro alla barbabietola?

Serve una grattugia per il taglio julienne. E occorreranno una ciotola ed una forchetta.

Come preparare il burro alla barbabietola

Il procedimento è semplicissimo.
Procuriamoci una ciotola di vetro e una grattugia per il taglio julienne (quella con cui grattugiamo le carote), quindi grattugiamo nella ciotola la barbabietola riducendola ad una poltiglia irregolare. Aggiungiamo il burro morbido e mescoliamo con una forchetta, fino ad ottenere un composto morbido ed omogeneo.

Prendiamo un piccolo contenitore ermetico rettangolare, foderiamolo di carta forno umida e ben strizzata. Versiamo il burro di barbabietola e premiamo bene, in modo da eliminare le bolle d’aria e da livellarne la superficie. Copriamo con un piccolo pezzo di carta forno di misura, prima di chiudere il coperchio.
Infine riponiamo il panetto di burro in freezer per almeno due o tre ore. Trascorso questo tempo, se il burro sarà morbido e compatto, potremo adoperarlo. Diversamente il burro alla barbabietola si conserva in freezer fino al momento dell’uso.

Burro alla barbabietola. Colorato e buonissimo per un effetto WOW garantito
Burro alla barbabietola

I segreti della Regina

Il burro aromatizzato si prepara con molte erbe diverse e con le spezie: prezzemolo e aglio, rosmarino, cannella, curcuma o curry. Questo però è diverso, perché non aggiungiamo spezie in polvere o in foglia ma vera e propria polpa di verdura. Per questo io consiglio di conservarlo in freezer, in modo da averlo sempre disponibile. L’effetto scenico di questo burro coloratissimo è sorprendente, e io consiglio di adoperarlo per il panettone gastronomico, alternandolo con burro alla curcuma e burro prezzemolato. Otterremmo un panettone arcobaleno buonissimo con effetto WOW garantito.

Torna alla HOME per conoscermi meglio leggendo Chi sono, scopri i Piatti vegetariani, le Ricette liguri, e tutte le cose buone che prepara la Regina in cucina.
Seguimi su Facebook, su Instagram, e d’ora in poi anche su Telegram: vedrai che non ti capiterà più di essere senza idee per cena!

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da lareginadelfocolare

Mi chiamo Silvia e vivo a Genova. Da tanti anni cucino per amore. Se volete conoscermi meglio, venite a fare quattro chiacchiere in cucina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.