Conserva di lampascioni

La Conserva di lampascioni, è una ricetta tipica della Puglia e della Basilicata. Si tratta di una pianta erbacea, il cui bulbo, è considerato cibo da intenditori. Sono una sorta di cipolle selvatiche, che si trovano a circa 12-20 cm nel sottosuolo. Crescono spontaneamente nei campi incolti, ma per raggiungere la dimensione giusta, devono rimanere nella terra per circa 5 anni. Ecco spiegato il perché del loro costo elevato.

Conserva di lampascioni
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoAlto
  • Tempo di preparazione2 Ore
  • Tempo di riposo1 Giorno 12 Ore
  • Tempo di cottura1 Ora
  • Porzioni
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 2 kgLampascioni
  • 1 lAceto di vino bianco
  • q.b.Pepe nero in grani
  • q.b.Sale
  • q.b.Olio extravergine d’oliva

Preparazione

  1. Mettete a bagno, la sera prima, i lampascioni: in questo modo la terra e la prima pellicina, verranno via più facilmente.

    Indossate dei guanti, e sfogliate i lampascioni, come fareste con una semplice cipolla.

    Eliminate anche parte del torsolo, ma incidetelo a croce, perché in questo modo, perderà più sostanza amara.

    Rimetteteli a bagno per altre 24 ore, ma cambiando di tanto in tanto l’acqua, affinché venga eliminato l’amaro in eccesso.

    Mettete a bollire un litro di acqua, ma anche un litro di aceto, e una bella manciata di sale.

    Dopo una trentina di minuti, controllate che si siano ammorbiditi, pur restando ancora sodi, ma che non siano ancora troppo amari, così se necessario, aggiungete circa 2 o 3 cucchiai di zucchero

    Scolateli, versateli in un recipiente,  e conditeli, con olio, aceto e pepe in grani.

    Fateli insaporire, ma per un giorno intero, mescolandoli di tanto in tanto.

    Invasateli in barattoli precedentemente sterilizzati, e aggiungete ancora olio, fino a ricoprirli.

    Metteteli a sterilizzare, in una pentola, per almeno 40 minuti, da quando l’acqua inizia a bollire.

    Trascorso questo tempo, spegnete e lasciate raffreddare.

    Etichettate la vostra  Conserva di lampascioni e conservatela in un luogo fresco e asciutto.

Note

Consiglio:  consumate i lampascioni anche solo con olio e aceto, arrostiti nella cenere o cotti nel forno, alla brace, nella frittata, fritto in purezza o in pastella.

Se amate fare le conserve, non perdetevi la prossima ricetta:https://blog.giallozafferano.it/lappetitovienmangiando/confettura-di-castagne-e-rum-2/

Vi è piaciuta la mia ricetta Conserva di lampascioni? Seguitemi sulla pagina Facebook per non perdere nessuna novità!!

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.