Pandolce genovese basso

Il Pandolce genovese basso è un dolce che si fa durante il periodo di Natale a Genova.

A differenza del pandolce alto, che è un dolce molto antico a lunga lievitazione, questo invece  è a lievitazione istantanea e si prepara con il lievito per dolci. Infatti questa versione del pandolce genovese basso è nata nell’800 quando si cominciò ad usare i lieviti chimici.

Questo dolce è veramente facile da fare ed è anche molto buono, potrete prepararlo, incartarlo bene e portarlo in regalo ad amici e parenti, farete un figurone, garantito!

Se vi interessa la versione di una genovese Doc vi consiglio di andare a leggere la ricetta di Fernanda Demuru, dal blog Il leccapentole e le sue padelle, QUI troverete la ricetta.

Questa è la → HOMEPAGE del mio blog, basterà che tu ci clicchi sopra per leggere tutte le mie ricette!

Sono anche su PINTEREST e INSTAGRAM 

TI ASPETTO ANCHE SULLA MIA PAGINA FACEBOOK: LA PASTICCERA MATTA

Pandolce genovese basso
  • Difficoltà:
    Molto Bassa
  • Preparazione:
    20 minuti
  • Cottura:
    40 minuti
  • Porzioni:
    10-12 persone
  • Costo:
    Medio

Ingredienti

  • 450 g Farina 00
  • 120 g Burro
  • 120 g Zucchero
  • 2 Uova
  • 50 g Latte
  • 100 g Uvetta
  • 50 g Arancia candita (o cedro o mista)
  • 40 g Pinoli
  • buccia di 1 limone (grattata)
  • buccia di 1 arancia (grattata)
  • Acqua di fiori d’arancio (facoltativa)
  • 1 bustina Lievito in polvere per dolci
  • 1 pizzico Sale

Preparazione

  1. 1) Si comincia mettendo a bagno in acqua bollente l’uvetta, ci si lascia per circa 15 minuti, poi si scola e si mette su della carta assorbente, infine si infarina.

    2) Far ammorbidire il burro in una ciotola e poi unire lo zucchero, lavorare con una forchetta e aggiungere le uova, la buccia del limone e dall’arancio grattata, il sale e mescolare bene.

    3) Adesso si unisce la farina e il lievito e si inizia a lavorare con le mani; unire il latte, l’acqua di fiori d’arancio e continuare a lavorare e mettere l’impasto sulla spianatoia, impastare bene per qualche minuto, aggiungere i canditi tritati, i pinoli e l’uvetta, distribuire la frutta secca all’interno della pasta in maniera omogenea e fare una palla.

    4) Mettere della carta forno sulla leccarda e appoggiare il pandolce, appiattire appena la superficie del pandolce e con un coltello incidere una croce sopra, infornare a 180° per circa 40 minuti.

(Visited 1.150 times, 1 visits today)
Precedente Biscotti di vetro di Natale Successivo DOLCI NATALIZI ANCHE DA REGALARE