Petto di pollo con spinaci ed emmenthal

Se devo mangiare carne, la mia scelta ricade quasi esclusivamente sul pollo. Molti la trovano una carne noiosa, mentre secondo me si presta molto bene alle mie invenzioni e spadellamenti.

Questa ricetta però non è mia, o almeno l’idea non lo è, io l’ho un po’ modificata, come sempre faccio, tant’è che spesso non riesco a cucinare due volte un piatto nello stesso modo.

Su questo mio marito ne parla spesso, soprattutto del mio polpettone, che una volta ho preparato prendendo tutti gli ingredienti a caso trovati nel frigo e che secondo me potevano essere abbinabili… lui lo ha definito il miglio polpettone mangiato in vita sua….

Purtroppo non ho segnato gli ingredienti, quindi mai saprò riprodurlo….


Petto di pollo con spinaci ed emmenthal

 

Ingredienti

  • 2 petti di pollo
  • 100 gr di spinaci tritati
  • 100 gr quark o ricotta
  • 2 cipollotti
  • 1 spicchio d’aglio
  • sale, pepe
  • 4 cucchiai di emmenthal grattugiato

 

In una padella scaldare l’olio, soffriggervi l’aglio e poi toglierlo.

Versare gli spinaci e i cipollotti affettati e cuocere finchè le verdure non saranno appassite. Aggiungere il quark, mescolare bene e far raffreddare.

Sgrassare e tagliare a metà il petto di pollo togliendo l’ossicino centrale, praticare dei tagli longitudinali senza affondare il coltello fino in fondo, aprendo così delle tasche nella carne.

Riempire le tasche con gli spinaci e ricompattare bene il petto di pollo.

Adagiare i petti di pollo in una teglia da forno, cospargerli con emmenthal e cuocere a 180° per 20 minuti.

 

Precedente Cornetti vegani con yogurt di riso Successivo Pasta con broccoli e pancetta