Salsa fuego

La salsa fuego è un perfetto accompagnamento per gli hot dog (nella foto si tratta di würstel vegetali). La ricetta mi è  stata passata da un’amica… Non ne conosco la provenienza…quindi se è stata copiata mi spiace non poter citare la fonte…
Non ho indicato la quantità di peperoncino perchè va a gusti personali, ma salsa fuego significa salsa di fuoco, quindi consiglio di non aver paura e abbondare. (magari assaggiando via via la salsa).
Due parole sul peperoncino e qualche rimedio per spegnere gli incendi sprigionati dopo un assaggio di salsa fuego!

La sensazione di bruciore, deriva dalla capsaicina che agisce stimolando alcuni recettori presenti nelle mucose. Questi si attivano e il nostro corpo reagisce in maniera standard con sudorazione e dolore localizzato. Per effetto di questa reazione il cervello produce endorfine, sostanze analgesiche e eccitanti, allo scopo di rilassarci, con effetti piacevoli e benefici.

Ecco svelato il mistero del masochismo da piccantezza: siamo dipendenti dalle endorfine rilasciate del cervello dopo aver ingerito capsaicina sotto forma di peperoncino.

Se il rilascio delle endorfine tarda ad arrivare o non disinnesca la fornace ardente che avete in bocca,  esistono rimedi abbastanza efficaci per domare l’incendio senza chiamare i pompieri!!!!

La capsaicina è un composto che si lega bene ai grassi, è solubile nell’alcool, non troppo nell’acqua. Di conseguenza bere mille mila litri d’acqua non spegnerà l’incendio da capsaicina.

Quali sono allora i rimedi antincendio più efficaci contro l’esplosione del piccante?

PANE: Il pane non ha un effetto decisivo nell’alleviare il bruciore provocato dalla capsaicina, ma serve per rimuoverla a livello meccanico, “raschiandola” via dalla mucose interessate. Forse non sarà la migliore, ma sufficiente in caso di fastidio contenuto.

 

MIELE E ZUCCHERO: la composizione molecolare del miele e dello zucchero si lega con la capsaicina, aiuta dunque a togliersi la sensazione di piccante dal palato. Diluire dello zucchero o del miele in un bicchiere d’acqua, usando il beverone per lavare via la capsaicina dalla cavità orale.

 

ALCOL: Non so se sarà una buona notizia che anche l’alcol si lega alla capsaicina e può essere un alleato nel debellarla. Una pinta di birra o un bicchiere di vino non contengono abbastanza alcol per essere efficaci. Quindi l’effetto di una birra fresca è molto parziale.

OLIO: Trattandosi di un grasso, l’olio è una buona soluzione per combattere il bruciore. Nessuno consiglia di tenere  un bicchiere d’olio accanto al piatto per sorseggiarlo durante il pasto, ma una buona soluzione potrebbe essere inzuppare d’olio una, due… dieci fette di pane.

 

LATTE:  è considerato il rimedio più efficace per alleviare il senso di bruciore che invade la bocca dopo l’assunzione di peperoncino, soprattutto il latte intero. Grazie ai grassi contenuti, in particolare alla caseina, il latte è in grado di rimuovere la capsaicina dal cavo orale abbastanza rapidamente. Sono efficaci anche i formaggi, specie quelli grassi e cremosi

PANNA ACIDA: è uno dei migliori antidoti al piccante. Per questo motivo nei paesi orientali le pietanze piccanti vengono spesso accompagnate dalla panna acida o da prodotti equivalenti tipo lo yogurt, il cui gusto si adatta comunque bene al piccante.

 

Ora che sapete come domare gli incendi, potete abbondare con il peperoncino e assaporare la salsa fuego che è veramente buona…
Io l’ho usata anche sopra gli hamburger e come condimento per dei bocconcini di pollo sugli hot dog vegetali e non….e anche spalmata sul pane condito con delle semplici zucchine grigliate.

Salsa fuego

Salsa fuego

Ingredienti
  • 4 pomodori maturi (io ho usato la passata)
  • 2 funghi champignon belli grandi
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1 cipolla rossa
  • peperoncino piccante
  • 1 cucchiaino di paprika
  • 1 cucchiaino di curry
  • 1 cucchiaino di origano
  • 2 cucchiai di salsa di soia
  • 1 cucchiaio di zucchero
  • Sale
  • Olio
Frullare i pomodori nel mixer, pulire i funghi e tritare i molto finemente.
Stufare la cipolla anch’essa tritata finemente insieme all’aglio nell’olio.
Unire il pomodoro e i funghi, gli aromi, e i restanti ingredienti.
Mescolare e regolare di sale.
Lasciar cuocere finché la salsa non si addensa un po’.

Precedente Semifreddo al melone Successivo Mousse snella alle fragole