Crea sito

Pane alla zucca

Viste le restrizioni e il maggior tempo a casa, molti si sono cimentati nella preparazione del pane.
Pure io visto che mi è sempre piaciuta la panificazione e ho frequentato dei corsi.
Anticamente si preparava il pane una volta all’anno, bisognava quindi mantenerlo a lungo, facendolo seccare e per precauzione guardavano anche la luna. Stessa cosa valeva per il lievito che non si acquistava; si faceva in casa e si teneva una parte di impasto crudo da essiccare e utilizzare l’anno successivo. Alcune famiglie aggiungevano degli ingredienti per renderlo più ricco e più saziante come la frutta secca, le patate e la zucca.
Vi propongo proprio un pane soffice alla zucca che si conserverà morbido per diversi giorni, ma vi assicuro che è talmente buono che finirà subito. Con un po’ di spago potrete renderlo più bello dandogli la forma di una zucchetta.
Potrete produrlo con il lievito di birra, ma io vi consiglio l’utilizzo del lievito madre attivo essiccato di “chenadura” che io preferisco per il sapore e la digeribilità, in più renderà il vostro pane ancora più tenero.
La zucca potrete cuocerla al forno o al vapore in base alla quantità di acqua che ha la vostra, perché il forno tende a seccarla e sarà meno pastosa, come per la Butternut o la trombetta di Albenga.
Questo pane può essere adatto anche ai vegetariani, basterà sostituire il latte con una bevanda vegetale ( “latte”).
Con questa ricetta otterrete 2 pagnotte; ho preso spunto da quella di “E’ sempre mezzogiorno” di Fulvio Marino.

  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione30 Minuti
  • Tempo di riposo3 Ore
  • Tempo di cottura18 Minuti
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

Potete sostituire la farina “0” con la farina “00” , ma rimarrà meno elastico e consistente perché avrà una minor quantità di glutine. Con la farina “00” potrete ridurre un po’ i tempi di lievitazione
Se volete potete aggiungere all’interno dei semi di zucca e un grissino o altro per fare il picciolo della zucca.
  • 500 gfarina 0
  • 300 gzucca
  • 100 glievito madre (essiccato)
  • 75 glatte
  • 10 gmiele millefiori
  • 15 golio extravergine d’oliva
  • 12 gsale fino

Strumenti

  • 1 Ciotola
  • 1 Cucchiaio
  • 1 Teglia
  • 1 Canovaccio
  • 1 Spago da cucina

Preparazione

  1. Mondate e tagliate la zucca. Fatela cuocere in forno a 200° o al vapore fino a quando non risulterà bella morbida. Se avete una zucca poco acquosa vi consiglio la cottura al vapore così sarà più tenera. Frullatela così da ottenere una purea.

  2. Impastate con l’aiuto di un cucchiaio o una frusta danese la farina, il lievito, il miele, la purea di zucca e un po’ di latte. Dopo qualche minuto aggiungete il sale, l’olio e il restante latte se necessario. Il sale va sempre aggiunto alla fine perché blocca la lievitazione e rende meno estensibile la maglia glutinica.

    Continuate ad amalgamare fino a quando non sarà omogeneo e della giusta consistenza. Se è poco malleabile aggiungete del latte.

  3. Lasciate lievitare un’ora a temperatura ambiente in una ciotola coperta da pellicola.

    Dividete l’impasto a metà e create due palline. In questo momento potete inserire i semi all’interno.

  4. Legate le pagnottine con lo spago creando la forma della zucca e lasciate lievitare per 2 ore su una teglia coperte da un canovaccio.

    Potete inserire un grissino o quello che preferite sopra la zucca per creare il picciolo.

  5. Cuocete in forno preriscaldato a 230° C per 18 – 20 minuti. Dovrà risultare bello dorato.

    Tagliate lo spago e buon appetito!

Conservazione

Il pane resterà morbido per qualche giorno.

Varianti

Potete sostituire la farina “0” con la farina “00” , ma rimarrà meno elastico e consistente perché avrà una minor quantità di glutine. Con la farina “00” potrete ridurre un po’ i tempi di lievitazione.

Se utilizzate il “latte” vegetale sarà adatto ai vegetariani.

Se volete potete aggiungere all’interno dei semi di zucca e un grissino o altro per fare il picciolo della zucca.

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da lameurca

"Ogni erba ha la sua virtù" era il motto della mia nonna e adesso è il mio. Amo i fiori e le erbe nei piatti. Super golosa, adoro fare i dolci e i prodotti da forno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.