Crea sito

Sfinci di Riso (Messinesi)

In Sicilia ci sono tanti tipi di frittelle e spesso vengono chiamate sfinci… ci sono quelle di San Giuseppe che fanno a Palermo, quelle marsalesi che si fanno con le PATATE e poi ci sono quelle di RISO che si fanno a Messina, chiamate anche CRESPELLE DI RISO a Catania o zeppole di riso. Si mangiano solitamente nei periodi delle festività natalizie, a Carnevale o per San Giuseppe, il 19 marzo, per la festa del papà.

Sfinci di Riso messinesi by Dieta Mediterranea
  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di riposo20 Minuti
  • Tempo di cottura30 Minuti
  • Porzioni30 sfinci
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 400 gRiso Carnaroli
  • 1 lLatte
  • 100 gFarina 00 (Molino Chiavazza)
  • 80 gZucchero
  • 1 bustinaLievito vanigliato
  • 1Scorza d’arancia (grattugiata)
  • q.b.Sale e Cannella in polvere
  • q.b.Olio di semi di arachide (per friggere)
  • q.b.Amore e Passione

Preparazione

  1. Per cominciare prendete un pentolino e versate il riso con il latte, aggiungete anche la scorza d’arancia grattugiata e correggete di sale.

    Girate il tutto e fate cuocere per circa mezzora a fiamma bassa, continuando a girare spesso il riso, fin quando il riso non avrà assorbito tutto il latte.

    Nel caso in cui il riso sia ancora crudo, aggiungete un po’ di latte fino a cottura ultimata.

    Adesso spegnete il fuoco, aggiungete lo zucchero, il lievito, la farina setacciata ed amalgamate per bene tutti gli ingredienti.

    A questo punto prendete una placca da cucina con della carta forno, stendete il composto e fatelo raffreddare per una ventina di minuti.

    Una volta trascorso il tempo di riposo, con le mani bagnate formate dei bastoncini di circa 2 cm di larghezza e 5-6 cm di lunghezza. Passateli nella farina e friggeteli in abbondante olio caldo.

    Una volta finiti, passateli nello zucchero semolato e servite ancora caldi!

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.