Crea sito

Castagne: ecco tutti i SEGRETI per ogni tipo di cottura

Quando si parla di CASTAGNE o CALDARROSTE (castagne arrostite), ci viene subito in mente il loro profumo inconfondibile che si sprigiona in autunno in tutti angoli delle strade delle nostre città ed il calore del focolare domestico. Tuttavia spesso ci si domanda come prepararle con gli strumenti che abbiamo a disposizione a casa… ma se non avete la classica “padella forata”, ecco delle ricette e dei consigli su come preparare le castagne al meglio, sia per chi le vuole calde e croccanti, sia per chi le preferisce morbide morbide. Cosa scegliere dunque? Padella, forno o microonde? Di seguito eccovi svelati tutti i SEGRETI per una cottura sempre ottimale delle castagne e dei marroni!

Castagne by Dieta Mediterranea
  • DifficoltàBassa
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Porzioni4 persone
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 1 kgcastagne
  • q.b.Amore e Passione

Caldarroste in PADELLA

  1. Con il metodo della CARTA FORNO

    Per cominciare prendete le castagne e sciacquatele per bene, poi prendete un coltello dalla lama affilata ed incidetele orizzontalmente dalla parte bombata con dei tagli di circa 2 o 3 cm (così da evitare che durante la cottura scoppino per il loro aumento di volume), quindi ponetele in ciotola con dell’acqua fredda ed una manciata di sale e fatele riposare per 1 o 2 orette.

  2. Trascorso il tempo di riposo eliminate l’acqua, adagiate le castagne su un canovaccio (così da assorbire l’acqua in eccesso) e ponetele in una padella capiente.

  3. Adesso, prima di saltarle in padella, vi svelo un trucchetto che ho scoperto in rete e che rende le castagne morbide, profumate e facili da sbucciare…

    Prendete un foglio di CARTA FORNO, bagnatelo e strizzatelo per bene, quindi poggiatelo sulle castagne in padella e cuocetele a fuoco medio per mezz’ora circa, rigirandole di tanto in tanto e ripetendo la procedura di bagnare e strizzare a la carta forno, via via che si va asciugando… ovviamente ogni volta riadagiate la carta forno, avendo cura di coprire interamente le vostre castagne.

    Una volta cotte, prendete un canovaccio umido ed avvolgetele qualche minuto, prima di servirle ancora calde.

  4. Castagne al SALE GROSSO

    In alternativa, una volta che avrete sciacquato, inciso e lasciato in ammollo le castagne come scritto sopra, prendete una padella, varsatevi uno strato spesso e compatto di sale SALE GROSSO e scaldatelo, quindi aggiungete le castagne incise, coperchiate e cuocetele a fiamma media per 30 minuti, girando come sempre di tanto in tanto.

    Una volta cotte, procedete come sopra, cioè prendendo un canovaccio umido ed avvolgendovi le castagne qualche minuto, prima di sbucciarle e servirle ancora calde!

  5. Cottura nella PADELLA FORATA

    Anche in questo caso sciacquate per bene le castagne, incidetele orizzontalmente dalla parte bombata con dei tagli di circa 2 o 3 cm, mettetele 1 o 2 ore in ammollo con acqua fredda ed una manciata di sale, scolatele, asciugatele e disponetele nella padella forata, una accanto all’altra con l’incisione rivolta come sempre verso l’alto.

    Fate cuocere per 30 o 40 minuti a fuoco medio, rigirandole verso fine cottura.

    Una volta cotte avvolgetele in un panno umido per una decina di minuti, sbucciate e servite calde!

Castagne al FORNO

  1. Così come per le castagne in padella, per prima cosa sciacquate le castagne, poi con un coltello dalla lama affilata incidetele orizzontalmente dalla parte bombata con dei tagli di circa 2 o 3 cm e lasciatele in ammollo in acqua fredda ed una manciata di sale per circa 1 o 2 ore (nel caso in cui qualche castagna dovesse salire a galla, apritela perché potrebbe esserci al suo interno qualche abitante al suo interno).

  2. Trascorso il tempo di riposo eliminate l’acqua, adagiatele su un canovaccio (così da assorbire l’acqua in eccesso) e ponetele su una teglia o su una leccarda rivestita con della carta forno e cuocete in forno a 250° per 35/40 minuti o a 230° per 25 minuti, se usate il forno ventilato.

    Di tanto in tanto giratele, così da ottenere una cottura più omogenea.

  3. Appena saranno cotte fatele riposare per 15 minuti, in modo tale da riuscire a togliere la buccia più facilmente e servitele ancora calde!

  4. N.B. Se le castagne sono piccole, possono bastare anche 15/20 minuti, ma se sono grosse o se usate dei marroni, allora avrete bisogno fino a 40 minuti di cottura.

Castagne al MICROONDE

  1. Per chi ha poco tempo a disposizione, ma non vuole rinunciare al tepore delle castagne, può provare la cottura al microonde…

  2. Per cominciare sciacquate ed asciugate per bene le castagne, incidetele sempre dal lato bombato, in senso orizzontale e con dei tagli di 2 o 3 cm, cercando di incidere soltanto la buccia e non la polpa (così sarà più facile sbucciarle una volta cotte).

  3. A questo punto, per ammorbidire la buccia, ponetele in una bacinella colma di acqua fredda ed una manciata di sale e lasciatele in ammollo per una decina di minuti.

    Trascorso il tempo scolatele ed adagiatele sul piatto del microonde (con il taglio rivolto verso l’alto) e cuocetele a 750-800 W per 5 minuti.

  4. Appena saranno cotte ponetele dentro un sacchetto di carta ben chiuso, lasciatele riposare per 5 minuti e servitele ancora calde!

Castagne BOLLITE dette anche BALLOTTE

  1. Sciacquate ed asciugate le castane, poi munitevi di un coltellino affilato e togliete con cura la buccia dalle castagne, quindi lasciatele in ammollo in acqua fredda ed una manciata di sale per tutta la notte.

    OPPURE

    Incidete le castagne dal lato bombato, in senso orizzontale e con dei tagli di 2 o 3 cm ed eliminate la buccia quando le castagne saranno cotte ed ancora calde, stando attenti ovviamente a non scottarvi!!! Per farlo il segreto è scolarle tutte per bene, lasciando un po’ di acqua calda nella pentola, così da evitare che asciughino. Per sbucciarle in modo ancora più facile, pratico e veloce, potete aggiungere anche 1 cucchiaio di olio nell’acqua di cottura.

  2. Il giorno seguente, mettetele in una pentola e cuocetele a fiamma media in acqua salata. A piacere potete aggiungere una foglia di alloro, così da renderle più aromatizzate.

  3. In base alla dimensione delle castagne, cuocetele tra 20 e 35 minuti, ma per cuocerne 1 kg, il tempo può variare dai 40 ai 60 minuti!

Vini e Conservazione

Che VINO abbinare alle castagne?

Le castagne si abbinano sempre con un bel calice di vino rosso giovane, ma vanno anche bene i vini dolci e i passiti. Se le castagne sono in padella o al forno, consiglio di abbinarlo con un un rosso Piceno Doc o una Schiava del Trentino… se invece sono bollite con un Chianti Novello!

Come si CONSERVANO le castagne?

Le castagne CRUDE, si possono conservare in una cesta fino ad un massimo di 2 settimane, oppure si possono congelare crude e cuocerle al forno senza doverle prima scongelare.

Le castagne COTTE invece vanno consumate sempre ben calde… in alternativa (ancora calde) sbucciatele e congelatele, così da riutilizzarle successivamente, facendole scaldare lentamente nel forno.

Le castagne BOLLITE invece potete conservarle per un massimo di 3 giorni a temperatura ambiente o per 1 settimana nel frigorifero… in alternativa potete conservarle negli appositi sacchetti sottovuoto o congelarle nei sacchetti per alimenti.

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Miriam Scalici

Food Blogger, Singer-Songwriter, Webmistress, Web Designer - Per maggiori info visitate il mio Sito Web www.miriamscalici.altervista.org

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.