Crea sito

Cantucci o Quaresimali

CONDIVIDI con i tuoi amici ヅ
  • 2
    Shares

La Befana in Sicilia e i Cantucci

In Sicilia la Befana distribuisce ai bambini regali e dolci tipici a base di mandorle, noci, nocciole e frutta secca, ecco perché tra questi ci sono anche i Cantucci, biscotti fatti prevalentemente da nocciole o mandorle. 

Storia ed Origine dei Cantucci

Oltre ad essere biscotti tipici delle festività natalizie e dell’Epifania, i Cantucci (o Quaresimali) sono appunto i dolcetti quaresimali per antonomasia. In Sicilia originariamente venivano preparati dalle monache per essere mangiati nel periodo quaresimale, poiché sono privi di grassi e vengono serviti con un vino liquoroso come il Marsala.

Si possono preparare in diversi modi, ad esempio al posto delle mandorle si possono usare le nocciole, si possono aromatizzare con buccia d’arancia e si possono fare anche al cioccolato o al caffè.

I miei Ricordi…

Scavando tra i ricordi della mia infanzia, mi vengono in mente tante immagini colorate di mille sfumature di rosso, di giallo e di blu… mi sembra ancora di vivere l’atmosfera calda e gioiosa delle fiere di Natale e di vedere le tante luci colorate tra le vie della mia città. Sento ancora i profumi dei dolciumi delle bancarelle e il vociare e le risa della gente.

Tuttavia ci sono dei ricordi che tengo più a cuore… percepisco ancora l’emozione della bimba che ero, e che nel profondo della mia anima vive ancora, di quando, con curiosità ed impazienza, aspettavo di aprire i regali… e la lunga attesa della mezzanotte nella Vigilia di Natale.

Ma per la Befana dovevo attendere poco, perché potevo aprire la mia calza la mattina di quello stesso giorno e, a svegliarmi, più del pensiero dei regali era l’odore dei dolcetti preparati dai miei genitori.
Ed ecco buccellati, cantucci e tetù, ma anche cannoli e tante altre prelibatezze. La cura e l’attenzione usata nel prepararli, mi distraeva più degli stessi regali o delle caramelle che, da lì a poco, avrei trovato nella mia calza… forse perché nelle cose fatte a mano, ci si mette più cuore e sono queste cose che lasciano immagini impresse che ti seguiranno per tutta la vita.

Sono questi i ricordi che amo di più, perché rendono più dolce l’amara consapevolezza che il primo uomo che ho amato nella mia vita, ora non è più con me, ma che rimarrà per sempre vivo nel mio cuore, nei miei ricordi e nella mia anima.

Grazie papà per avermi lasciato qualcosa di bello da ricordare e per l’attenzione, la premura e l’amore che avevi per noi!

Cantucci o Quaresimali by Dieta Mediterranea
  • DifficoltàMedio
  • CostoBasso
  • Tempo di preparazione40 Minuti
  • Tempo di cottura35 Minuti
  • Porzioni6 persone
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 50 gFarina 00 (Molino Chiavazza)
  • 250 gMandorle pelate
  • 250 gZucchero (Eridania)
  • 2Albumi
  • q.b.Sale
  • q.b.Amore e Passione

Preparazione

  1. logo_befanaPrendete le mandorle, tenetene da parte 50 g e tritate il resto molto finemente.

    Versate la polvere ottenuta in una terrina e unite lo zucchero, una presa di sale e la farina, quindi setacciate e mescolate con cura.

    Ora aggiungete gli albumi montati a neve e amalgamate tutto, fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo.

    A questo punto incorporate le mandorle intere.

    Dividete l’impasto in rotoli larghi circa 3 cm e lunghi e adagiateli in una placca rivestita di carta da forno.

    Infornate la preparazione a 200° C (se ventilato a 180° C) per 15 minuti circa. Trascorso il tempo indicato, estraete la teglia e lasciate intiepidire.

    Tagliate quindi a fette il biscotto di circa 1 cm di spessore e fate raffreddare.

    A questo punto scaldate il forno a 150° C (se ventilato a 130° C) e cuocete di nuovo i cantucci per 20 minuti.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

CONDIVIDI con i tuoi amici ヅ
  • 2
    Shares

Pubblicato da Miriam Scalici

Sono Miriam e la cucina è da sempre una delle passioni che amo condividere con la mia famiglia, con i miei amici e da qualche anno anche con voi. Spero di vedervi spesso nel mio blog ❤

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.