Risotto con verza e pancetta

Questa mattina sono passata dal mio contadino di fiducia, uno dei tanti agricoltori  diretti che offrono prodotti di stagione a km 0  e devo dire che non c’è niente di meglio che acquistare prodotti freschi e che volendo puoi coglierli da solo direttamente nel campo. Siamo nel periodo giusto per acquistare cavoli, broccoli, cime di rapa, broccoletti, cavolo viola, cavolo romanesco, verza liscia o riccia…e molte altre specialità. 

Credo che ormai mi conoscete e sapete che amo i prodotti genuini e di stagione, comperare dal contadino piuttosto che prendere frutta e verdura proveniente da chissà dove.

Quindi oggi ci facciamo un buon risotto con verza e pancetta.


Ingredienti per quattro persone:

500 gr di riso (quello che più preferite)

1/2 cipolla

200 gr di pancetta

300 gr di verza

1 litro di brodo vegetale

Olio extravergine di oliva

Sale

Pepe

 

Preparo la verza tagliandola e striscioline dopo ever tolto le foglie esterne.

La lavo bene e la lascio in ammollo in abbondate acqua fredda.

In una pentola capiente verso qualche cucchiaio di olio extravergine la pancetta a cubetti e la cipolla tagliata finemente. Faccio rosolare tutto per qualche minuto quando è pronto tolgo la metà del composto e lo lascio da parte. Nella stessa pentola verso il riso che faccio tostare per un paio di minuti, ed questo punto scolo bene la verza e la metto nella stessa pentola. Mescolo  bene ed inizio ad aggiungere il brodo un poco alla volta facendo assorbire il liquido prima di aggiungerne altro.

Aggiusto di sale e pepe se occorre e porto a cottura. Cercate di lasciare il riso morbido all’onda… come di sul dire.

Servo il risotto con la pancetta che avevamo lasciato da parte e una spolverata di pepe macinato al momento.

Piatto unico, Primi, Risotti , ,

Informazioni su lacuocatascabile1

Voglio mangiare solo cose...buone...vi propongo ricettine veloci, semplici e della cucina di casa, tradizioni, sapori e profumi che riportano alla mia infanzia... al profumo di sugo che si sentiva per la casa...quello dell'arrosto a casa dei nonni... profumi che restano impressi nella mente...e che ognuno di noi ricorda,... Master chef lasciamolo agli altri!!

Precedente TOMASONI Successivo Stella di polenta