Trionfo d’anguria con gocce di cioccolato.

gelato d'anguria

Consigli:

questo gelato si può preparare anche il giorno prima; i dischi d’anguria si conservano in frigorifero ben avvolti nella pellicola e il tutto va montato al momento.

Le gocce di cioccolato si possono sostituire con cioccolato fondente tritato grossolanamente.

  • Ingredienti: per 12 persone

un’anguria, circa kg 2,500
un piccolo melone
zucchero semolato g 500
un limone
un albume
gocce di cioccolato

 

Preparazione: 40′ + il raffreddamento

  • Dividete l’anguria a metà con un taglio orizzontale, ricavatene 3 dischi di uguale diametro e di circa cm 2 di spessore cad., che inciderete a zig-zag lungo la circonferenza per ottenere il bordo dentellato.
  • Tenete i dischi in frigorifero.
  • Eliminate i semi dalla restante polpa d’anguria, quindi recuperatene kg 1,500 che frullerete, a bassa velocità, con g 450 di zucchero e il succo filtrato di un limone.
  • Trasferite il frullato nella gelatiera e avviate l’apparecchio; quando il gelato inizierà ad addensarsi, aggiungetevi mezzo albume montato a neve con g 50 di zucchero e, alla fine, nel gelato ormai pronto, incorporate una manciata di gocce di cioccolato, per ottenere l’effetto “semi d’anguria”.
  • Tenete il gelato in freezer fino al momento di servirlo.
  • Guarnite allora con palline del medesimo i dischi d’anguria, quindi sovrapponeteli sfalsandone la dentellatura; decorate il “trionfo” con spicchietti di melone, accomodatelo quindi nel piatto da portata e servitelo immediatamente.
Leggi anche:  New York cheesecake, un dolce delizioso che che reca il nome della Grande Mela.

Se ti è piaciuta la ricetta , iscriviti al feed cliccando sull’immagine per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

cucina1

Trovato questo articolo interessante? Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook, Linkedin, Instagram, Facebook o Pinterest. Diffondere contenuti che trovi rilevanti aiuta questo blog a crescere. Grazie! CONDIVIDI SU!

I miei preferiti su Pinterest

I miei preferiti su Instagram


 
Precedente Calamari ripieni al vino bianco. Successivo Pesto e anguria? La pasta sta fresca.

Lascia un commento