Sgombri grigliati con mele fritte.

Per preparare gli sgombri grigliati con mele fritte sono state scelte le mele Granny Smith per la loro consistenza e il gusto un po’ acidulo.

In mancanza di esse, qualsiasi mela che abbia le stesse caratteristiche può andare bene. Fra le ultime nate, la Pink Lady è quella che meglio corrisponde a questo identikit.

A cosa deve il suo nome questa aspra, deliziosa mela verde ? Si dice che la sua scoperta fu fatta casualmente da Maria Smith,una donna inglese, nell’Australia della metà del 19° secolo. La signora Smith, dando una sistemata al frutteto di famiglia, strappò delle – secondo lei – erbacce dalle radici di alcuni meli del giardino, gettandole in un angolo. Solo dopo del tempo si accorse che quei rametti vecchi e secchi stavano germogliando…e stavano dando delle piccole mele di un verde splendente. Subito si mise ad “accudire” le nuove piante e ben presto ebbe una serie di piccoli meli dai frutti aspri, ma succosi;scoprì anche che la nuova varietà ben sopportava i lunghi viaggi e la conservazione.

Leggi anche:  Filetti di trota alla fontina.

Ingredienti: per 4 persone

4 sgombri di 200/250 g cad
2 dl d’aceto di vino bianco
un kg di mele verdi (Granny Smith)
100 g di farina,
un limone non trattato
abbondante olio per friggere
sale
pepe

Preparazione: 25’

Cottura: 25’

  • Private del torsolo le mele e tagliatele a fette sotti­li.
  • Passatele nella farina e friggetele in una padella con abbondante olio ben caldo.
  • Adagiatele su carta as­sorbente da cucina a perdere l’unto in eccesso.
  • Puli­te gli sgombri, eviscerateli e lavateli con l’aceto di­luito con mezzo litro d’acqua.
  • Cuoceteli sulla griglia ben calda per circa 5 minuti per lato.
  • Disponete i pe­sci su di un letto di mele fritte, spargetevi sopra la scorza grattugiata e il succo di un limone.
  • Salate, in­saporite con una macinata di pepe e servite.

Se ti è piaciuta la ricetta , iscriviti al feed cliccando sull’immagine per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

cucina15

Trovato questo articolo interessante? Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook, Linkedin, Instagram, Facebook o Pinterest. Diffondere contenuti che trovi rilevanti aiuta questo blog a crescere. Grazie! CONDIVIDI SU!

Leggi anche:  Uova ripiene al verde.

I miei preferiti su Pinterest

I miei preferiti su Instagram


 
Precedente Peperoni e melanzane in salsa serbo-bosniaca. Successivo Gnocchi al gorgonzola con il radic­chio di Treviso.

Lascia un commento