Lasagne al pesto, ricetta tradizionale della Liguria.

Lasagne_al_pestoRicetta tradizionale della Liguria

Nell’antica Roma, era molto in voga un piatto simile alle lasagne (chiamato lagana). Il grande oratore Cicerone ne era alquanto ghiotto, specialmente in tarda età poichè, essendo un piatto molto morbido, poteva gustarlo senza difficoltà.

Ingredienti: per 4 persone

400 g sfoglia di pasta all’uovo fresca (anche già pronta)
80 g burro fuso
60 g parmiggiano grattugiato

Per il pesto:

2 mazzetti di foglie di basilico
1 spicchio d’aglio
2 cucchiai parmiggiano grattugiato
1/2 bicchiere olio d’oliva
Sale

Preparazione: 40′

  • Mettete nel mortaio gli spicchi d’aglio, il basilico, un pizzico di sale e i due tipi di formaggio grattugiato.   
  • Pestate a lungo sino ad ottenere un composto omogeneo, che diluirete con l’olio versandolo a filo.   
  • Tagliate quindi la pasta a quadrati (o a rettangoli) e fatela lessare al dente in abbondante acqua salata.
  • Scolate con il mestolo forato e disponete la pasta su un canovaccio asciutto.
  • Aggiungete al pesto due cucchiai dell’acqua di cottura della pasta e mescolatelo bene.   
  • Nel piatto di servizio riscaldato mette un po’ di burro fuso, poi uno strato di lasagne, un po’ di pesto e formaggio grattugiato.   
  • Continuate così a strati fino ad esaurimento degli ingredienti.
  • Servite subito, con piatti caldi.
Leggi anche:  Torciglioni con sugo di verdure.

Consigli pratici: in commercio si trovano i quadrati di pasta già pronti da lessare, anche secchi confezionati in pacchi. Allo stesso modo si possono condire le trenette.

Nota dietetica: E’ una ricetta molto calorica che si può consumare come piatto unico con l’eventuale aggiunta di verdure cotte o crude. E’ meglio cibarsene nel pasto di mezzogiorno, per non affaticare il corpo con una difficile digestione notturna. Ricordiamoci che i nostri sogni sono più belli se il pasto serale è più leggero! Sconsigliato in caso di elevato tasso di colesterolo, ipertensione, iperglicemia, arteriosclerosi, malattie del fegato e cure dimagranti.

Vini consigliati:
Vermentino di Imperia (Liguria) a 11° C
Chiaretto di Moniga (Lombardia) a 15° C
Marsicano rosato (Lazio) a 15° C

Se ti è piaciuta la ricetta, iscriviti al feed cliccando sull’immagine per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

Trovato questo articolo interessante? Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook, Linkedin, Instagram, Facebook o Pinterest. Diffondere contenuti che trovi rilevanti aiuta questo blog a crescere. Grazie! CONDIVIDI SU!

Leggi anche:  Gnocchi al gorgonzola con il radicchio di Treviso.

I miei preferiti su Pinterest

I miei preferiti su Instagram


 
Precedente Bucatini all'amatriciana. Successivo Carciofi gratinati con spinaci.

Lascia un commento