Fusilli alle triglie e asparagi.

Fusilli_alle_triglie_e_asparagi

  • Ingredienti: per 4 persone

320 g di fusilli
8 filetti di triglia
200 g di pomodori
300 g di asparagi
1 bicchierino di vino bianco secco
1 mestolo di brodo vegetale
foglioline di menta
1 spicchio di aglio
4 cucchiai di olio di oliva
sale, pepe

Preparazione: 15′

Cottura: 25’

  • Pulite gli asparagi, tagliate a tocchetti i gambi e tenete le punte intere.
  • Scottate per un istante i pomodori in acqua bollente, poi scolateli, pelateli, divideteli a metà ed eliminate i semi e l’acqua di vegetazione; tagliate la polpa a dadini.
  • In una padella scaldate l’olio e doratevi lo spicchio di aglio pestato, i filetti di triglia e i tocchetti di asparagi; bagnate il tutto con il vino, salateli e pepateli.
  • Aggiungete le punte di aspara­gi e i dadini di pomodoro, versate il brodo caldo e proseguite la cottura per cinque minuti, mescolando ogni tanto con un cucchiaio di legno.
  • In una pentola portate a ebollizione in abbondante acqua e quando bolle, salatela.
    Tuffatevi i fusilli e lessateli al dente; scolateli e conditeli con i sugo di triglie e asparagi.
  • Spolverizzateli con le foglioline di menta e serviteli.
Leggi anche:  Garganelli al profumo di limone.

Vino Consigliato: Vermentino di Gallura (Sardegna), un bianco interessante al palato per la sua morbidezza ed ele­ganza

Quanto nutre una porzione: 540 calorie

Se ti è piaciuta la ricetta, iscriviti al feed cliccando sull’immagine per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

Trovato questo articolo interessante? Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook, Linkedin, Instagram, Facebook o Pinterest. Diffondere contenuti che trovi rilevanti aiuta questo blog a crescere. Grazie! CONDIVIDI SU!

I miei preferiti su Pinterest

I miei preferiti su Instagram


Ti potrebbero anche interessare altre ricette simili

Leggi anche:  Come si organizza un menu di Natale a prova di bomba: Carbonara di zucchine.
 
Precedente Quando la pastiera napoletana diventa una vera e propria opera d’arte. Successivo Strozzapreti con pesto calabrese e pomodorini.

Lascia un commento