Come conservare gli alimenti a temperatura ambiente con il processo di liofilizzazione .

Il processo di liofilizzazione consente di conservare molti alimenti a temperatura ambiente anche per un lungo periodo di anni.

Esso si basa sul principio per cui, togliendo la componente di acqua presente in ogni alimento in quantità variabile, esso si conserva senza rischi di degenerazione o contaminazione da germi.

L’acqua infatti viene eliminata completamente, impedendo ai germi, patogeni e no, di riprodursi e contaminare i cibi.

La perdita quasi totale di acqua (circa il 98%) non compromette le proprietà nutritive e i sapori dei cibi. La moderna tecnica di liofilizzazione prevede l’eliminazione dell’acqua operando dapprima a bassissime temperature, quindi sotto vuoto, garantendo uno standard igienico molto elevato. La grande diffusione dei prodotti liofilizzati si deve alla facilità di conservazione (a temperatura ambiente) e di trasporto e immagazzinamento (sono molto leggeri e facilmente trasportabili in grandi quantità).

L’elevato standard igienico ne ha fatto uno dei metodi più efficaci per la preparazione e la conservazione dei cibi per i neonati. La liofilizzazione lascia inalterati, oltre al contenuto proteico, anche caratteristiche nutritive più delicate, come le vitamine e i sali minerali, oltre a lasciare immutati il sapore e gli aromi contenuti negli alimenti.

Leggi anche:  Le ricette piú visitate e votate sul blog La Cucina di Susana Giallo Zafferano nel 2018

Una volta messo a contatto con l’acqua, l’alimento liofilizzato riacquista tutta la sua consistenza senza alcun bisogno di aggiungere ulteriori ingredienti. I casi più comuni di alimenti liofilizzati sono il latte in polvere e altri a base di verdure, carne e pesce per l’infanzia.

Il processo di liofilizzazione prevede tre fasi: la preparazione degli alimenti, la surgelazione e la sublimazione. Quindi il prodotto liofilizzato è pronto per essere inscatolato e confezionato. La fase di preparazione dipende ovviamente dal tipo di alimento e ha lo scopo di ottenere un cibo sminuzzato in piccole parti; per esempio, la frutta viene affettata e la carne o le verdure sono ridotte in piccoli cubetti. Quindi si effettua la surgelazione che porta il cibo a una temperatura compresa tra –30 °C e –40 °C.

Il processo di estrazione dell’acqua avviene per sublimazione, ovvero l’acqua divenuta ghiaccio per la bassa temperatura passa direttamente dallo stato solido a quello aeriforme (vapore). Il vapore viene raccolto su una superficie a temperatura inferiore a quella del prodotto, una parete fredda chiamata condensatore.

Leggi anche:  Frittelle di fiori di zucca, un classico napoletano.

Quindi viene progressivamente ridotta la pressione all’interno dell’autoclave, in modo da raccogliere il vapore formatosi e allontanarlo dal prodotto liofilizzato. Al termine, il suo contenuto di acqua non può essere maggiore del 2%.

La liofilizzazione richiede un processo industriale notevolmente sofisticato e ciò è un’ulteriore garanzia di controlli accurati e di alto standard igienico. Inoltre, poiché la sola eliminazione dell’acqua è una garanzia di conservazione, non è necessario aggiungere conservanti o additivi.

Trovato questo articolo interessante? Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook, Linkedin, Instagram, Facebook o Pinterest. Diffondere contenuti che trovi rilevanti aiuta questo blog a crescere. Grazie! CONDIVIDI SU!

I miei preferiti su Pinterest

I miei preferiti su Instagram


Ti potrebbero anche interessare altre ricette simili

Leggi anche:  Triglie alla livornese con pomodorini e sedano.
Precedente La pasta alla carbonara è un piatto caratteristico del Lazio, e più in particolare di Roma. Successivo I surgelati hanno riscosso una notevole fortuna nella moderna alimentazione.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.