Vol-au-vent di Polenta

I Vol-au-vent sono involucri di pasta sfoglia adatti per contenere vari tipi di ripieno, sia dolce che salato. Io ne ho preparato una diversa versione, i Vol-au-vent di Polenta, una ricetta originale e simpatica, per servire in modo nuovo la polenta e renderla una simpatica alternativa al solito contorno o un antipasto caldo molto particolare.

Vol-au-vent di polenta
Vol-au-vent di polenta

Vol-au-vent di Polenta

Ingredienti: 300 grammi di farina di mais, 50 grammi di burro, 150 grammi di prosciutto cotto, 150 grammi di formaggio asiago o emmental, olio evo, pane grattugiato, sale.

Procedimento: Portate a bollore in un tegame un litro di acqua salata, l’acqua non deve bollire forte, ma fremere appena. Versate a pioggia la farina di mais, mescolando con un cucchiaio di legno o una frusta. Abbassate la fiamma al minimo e cuocete per circa 50-60 minuti mescolando spesso. Per evitare di mescolare continuamente, posate il tegame su una bistecchiera di ghisa, sempre a fuoco basso. 

Versate la polenta in una teglia rettangolare (di almeno 20×25 cm) foderata con un pezzo di carta da forno bagnato, strizzato e unto con un cucchiaio di olio. La sciate raffreddare la polenta per circa 2 ore a temperatura ambiente. Preparate il ripieno, tritando il formaggio e il prosciutto. Fare i vol-au-vent: capovolgete il rettangolo di polenta sul piano di lavoro, staccate la carta da forno, con un tagliabiscotti premete sulla polenta fino a toccare il piano di lavoro.

IMG_1342

Sfilate il tagliabiscotti, premendo con le dita per far uscire la formina di polenta. Procedete nello stesso modo, fino ad ottenere tutte le formine possibili dal rettangolo di polenta. Con una formina tonda piccola ricavate una cavità dalle formine di polenta, senza arrivare al fondo.

IMG_1343

Mettete i Vol-au-vent di polenta in una pirofila imburrata e riempitene la cavità con il prosciutto e il formaggio.

IMG_1344

Sciogliete il burro e spennellate i vol-au-vent, cospargete di pane grattugiato e infornate per 10-15 minuti in forno caldo a 200°C. Servite ben caldi. 

Precedente Il Dizionario Gastronomico Successivo Pardulas - Dolci tipici sardi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.