Crea sito

Spigola all’acqua pazza

Oggi voglio raccontarvi una ricetta semplice e deliziosa per preparare il pesce: la Spigola all’acqua pazza. Ho mangiato per la prima volta il pesce preparato in questo modo circa 25 anni fa in un ristorante con cucina partenopea. E da allora mi piace molto preparare in questo modo il pesce, sia la spigola che l’orata, ma penso che anche altri pesci possano andare bene per questa ricetta. Il sughetto che si forma è veramente delizioso e sarà veramente impossibile resistere dal raccogliere ogni traccia di sugo dalla pentola con una fetta di pane. Questa ricetta si presta sia ad una cottura in padella, che ad una cottura in forno, scegliete pure quella che preferite, vi assicuro che viene buonissima in entrambi i modi. I primi a cucinare il pesce in questo modo furono i pescatori dell’isola di Ponza, che invece del vino bianco utilizzarono direttamente l’acqua di mare, che con la sua schiumetta rendeva l’acqua del pesce pazzerella. Corriamo allora in cucina e prepariamo insieme una deliziosa Spigola all’acqua pazza

Spigola all’acqua pazza

spigola all'acqua pazza
  • Difficoltà:Bassa
  • Preparazione:15 minuti
  • Cottura:25 minuti
  • Porzioni:Per 2 persone:
  • Costo:Medio

Ingredienti

  • Branzino (spigola) 800-900 g
  • Pomodorini 150 g
  • Vino bianco mezzo bicchiere
  • Olio extravergine d’oliva
  • Aglio 2 spicchi
  • Prezzemolo 1 ciuffo
  • Origano
  • Sale q.b.

Preparazione

  1. Pulite il pesce, lavatelo sotto l’acqua corrente e squamatelo. Mettete all’interno di ogni spigola qualche pezzetto di aglio, un pizzico di sale, del prezzemolo e 2 pomodorini tagliati a metà. Io preferisco fare 2-3 tagli sul dorso del pesce per farlo cuocere meglio all’interno.

  2. Ora mettete il pesce in una larga padella, unite lo spicchio d’aglio, il vino bianco, 3.4 cucchiai di olio evo, i pomodorini tagliati a metà, il prezzemolo tritato, un pizzico di origano e un pochino di sale.

  3. Aggiungete anche un bicchiere di acqua e portate a bollore.  Ora lasciate cuocere il pesce per circa 20 minuti a fiamma bassa con un coperchio. Non tenete la fiamma alta per evitare che si rompa in cottura la pelle del pesce.

  4. Per la cottura in forno preparate il pesce  nello stesso modo e mettetelo poi con tutti gli ingredienti in una pirofila, coprite con un foglio di carta stagnola o di carta forno e lasciatelo cuocere nel forno caldo a 190° per circa 15 minuti, poi scopritelo e lasciatelo cuocere ancora 3-4 minuti.

     

Note e Consigli:

L’aggiunta dell’origano è una mia personale rivisitazione della ricetta con un pizzico del sapore tipico della mia terra di origine, la Puglia

Seguimi anche sulla mia pagina Facebook cliccando QUI e non perderai nessuna mia ricetta. Torna alla HOME PAGE

Leggi anche la ricetta del mio Baccalà al pomodoro con olive e uvetta

Leggi anche la ricetta delle mie Alici ripiene fritte

Pubblicato da lacucinadiloredana

Spero di riuscire a rallegrare con le mie ricette e i miei consigli la tua Tavola e la tua Vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.