Crea sito

I segreti della Nonna in Cucina

Le nonne sono da sempre state la nostra fonte di saggezza, sempre pronte a dispensare i loro consigli di vita utilissimi per far fronte a tutti i piccoli inconvenienti che si verificano ogni giorno. Io ho voluto raccogliere tutti I segreti della Nonna in Cucina in un articolo per dispensare anche a voi queste piccole perle di saggezza popolare e se voi conoscete altri segreti sarò felicissima di leggerli. Piccoli rimedi e piccole astuzie dettate dalla necessità e dal buon senso che le nostre nonne avevano in abbondanza. Ormai le tradizioni e le usanze vanno scomparendo, ma forse io sarò irrimediabilmente romantica a volerne ancora conservare il ricordo, che oggi voglio raccontare anche a voi: I segreti della Nonna in Cucina…

I segreti della Nonna in Cucina

i segreti della nonna in cucina

Perché un fritto sia croccante l’olio dev’essere bollente. Per controllare la temperatura dell’olio prendete una mollica di pane e tuffatela nell’olio, se inizia a sfrigolare potete iniziare a friggere.

Quando una minestra è troppo liquida, lessate una patata, schiacciatela e incorporatela alla minestra. Otterrete subito la giusta densità.

Passare le Banane sotto l’acqua corrente prima di sbucciarle eviterà che anneriscano, utile quando si prepara una macedonia.

Quando avete della frutta acerba, mettetela in un cesto con delle mele. L’etilene prodotto fa maturare più velocemente la frutta.

Quando pulite le verdure che tendono ad annerire, come il carciofo, le patate o le carote, immergetele in una soluzione di acqua e limone.

Quando il gelato non si stacca dal cucchiaio, tenete vicino un bicchiere di acqua fredda ed immergetelo prima nell’acqua e dopo nel gelato.

Se il vostro brodo o il vostro arrosto è troppo salato aggiungete una patata cruda.

Come spellare facilmente un peperone arrostito? Avvolgetelo caldo in un foglio di carta di giornale, lasciatelo per 15 minuti e dopo si spellerà facilmente.

Un pizzico di zucchero nel sugo, attenua l’acidità del pomodoro rendendolo perfetto.

Vi piace il cavolfiore, ma non sopportate il suo odore? Aggiungete qualche noce nell’acqua di cottura.

Non buttate via le bucce delle arance:  fatele seccare e mettetele in un sacchetto di garza nell’armadio, sono un ottimo antitarme e profumano i vestiti.

Se vi avanza del vino, mettetelo nella vaschetta per fare i cubetti di ghiaccio. Avrete delle dosi già pronte per insaporire sughi, carni, pesce e pietanze varie.

Se mentre rompete le uova vi cade un pezzetto di guscio nel piatto, usate un pezzo di guscio più grande per recuperarlo, lo attirerà come una calamita.

Come avere una Brioche come appena sfornata? Tuffatela rapidamente nel latte e passatela 2 minuti nel forno caldo.

Stanchi della puzza di frittura nella vostra cucina? Prima di iniziare a friggere mettete un pezzo di mela con la buccia nella padella e avrete risolto il problema.

Limoni e arance daranno più succo se prima di spremerli si strofinano sul tavolo o si riscaldano brevemente nel microonde.

Quando bollite il riso per farlo rimanere bianco e soffice aggiungete all’acqua di cottura qualche goccia di limone.

Per far in modo che il latte bollito non fuoriesca dal pentolino, appoggiatevi sopra un colino di metallo.

Per eliminare gli odori dalla cucina fate bollire qualche chiodo di garofano in un pentolino d’acqua. La vostra cucina avrà un delizioso profumo.

Per rendere le fragole più pulite e profumate aggiungete qualche cucchiaio di aceto all’acqua per lavarle.

Se conosci anche tu dei piccoli Segreti della nonna in cucina, lasciami un commento a questo articolo e sarò felice di inserirli qui

Cerchi consigli, notizie e curiosità dalla cucina e non solo? Leggi la sezione del mio Blog Per saperne di più

Segui la mia Pagina su Facebook e resta sempre aggiornato sulle mie ricette

L’immagine di questo articolo è tratta dal web

Pubblicato da lacucinadiloredana

Spero di riuscire a rallegrare con le mie ricette e i miei consigli la tua Tavola e la tua Vita.

4 Risposte a “I segreti della Nonna in Cucina”

  1. Macchie di vino rosso deturpano le vostre tovaglie, tovaglioli, camice etc. Versateci sopra alcune gocce di grappa, aspettate due ore e lavate normalmente. La macchia sparirà.

    Se volete tenere lontani i parassiti dalle vostre piante, sbriciolate il tabacco di alcune sigarette nell’acqua per l’annaffiatura, lasciate macerare 2 giorni prima di usarla. Si può anche usare spruzzata sulle foglie e fiori.

    Canditi d’arancia e limone: tagliate la buccia a striscioline eliminando la pellicina bianca, mettete le scorzette a bagno nell’acqua per una notte. Scolatele, versatele in una casseruola con una quantità di zucchero pari al loro peso e fatele bollire finchè il liquido zuccherino si sarà consumato. Fatele asciugare sulla carta forno, saranno una bontà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.