Gli gnocchi di ricotta e spinaci, chiamati anche malfatti, sono un primo vegetariano della tradizione lombarda di facile preparazione. Non vengono preparati con le patate, ma con una piccola quantità di farina e altri ingredienti sani e nutrienti. Di solito vengono conditi con burro fuso alla salvia, ma per un piatto più leggero potete condire gli gnocchi anche con un filo d’olio extravergine d’oliva o con un semplice sugo di pomodoro.

Con questa ricetta sostengo la campagna #ceraunavoltalacena di Helpcode contro la malnutrizione infantile. In fondo alla ricetta potete leggere di che cosa si tratta e come potete dare una mano anche voi. Grazie!

Gnocchi di ricotta e spinaci malfatti vegetariano
  • Difficoltà:Bassa
  • Preparazione:30 minuti
  • Cottura:3 minuti
  • Porzioni:4
  • Costo:Basso

Ingredienti

  • spinaci surgelati 450 g
  • ricotta (eventualmente di pecora) 250 g
  • parmigiano reggiano grattugiato (oppure pecorino) 50 g
  • Uova 3
  • Farina 00 250 g
  • Pepe nero macinato fresco q.b.
  • Sale q.b.
  • Noce moscata q.b.
  • burro 75 g
  • Salvia 4 foglie
  • formaggio grattugiato (per condire gli gnocchi ) q.b.

Preparazione

  1. Lasciate scongelare gli spinaci e strizzateli bene. Tritateli grossolanamente.

  2. Mescolate gli spinaci con le uova, la ricotta e il formaggio grattugiato. Aggiungete poco sale, una bella spolverata di pepe e una puntina di noce moscata. Infine incorporate la farina.

  3. Infarinate le vostre mani e formate delle palline della grandezza di una noce. Non importa se non vengono tutti dalla stessa misura, non vengono chiamati MALFATTI per caso!

  4. Disponete gli gnocchi su un piatto infarinato senza sovrapporli, spolverateli con altra farina e copriteli con la pellicola per alimenti senza schiacciare gli gnocchi di ricotta e spinaci. Metteteli in frigorifero a rassodare per almeno 30 minuti.

  5. Nel frattempo riscaldate il burro in una capiente padella insieme a qualche fogliolina di salvia.

  6. Portate a bollore abbondante acqua salata e cuocete gli gnocchi di ricotta e spinaci, in due riprese, fino a quando vengono a galla.

  7. Trasferiteli nella padella e fateli insaporire per 1-2 minuti nel burro alla salvia.

  8. Distribuite i vostri buonissimi gnocchi di ricotta e spinaci su piatti riscaldati e conditeli con formaggio grattugiato a volontà.

  9. Buon appetito! Eet smakelijk!

C’era una volta la cena – Campagna di aiuto Helpcode

  1. gnocchi di ricotta e spinaci nel-code malfatti

    Offrire assistenza concreta ai bambini a rischio malnutrizione a causa del disagio economico delle loro famiglie è la finalità principale della campagna di raccolta fondi“C’era una volta la cena” di Helpcode, che ho deciso di sostenere anch’io.

    I fondi raccolti attraverso questa campagna hanno l’obiettivo di finanziare un progetto di “Assistenza ed Educazione Alimentare”, tramite un programma di “Cash and Voucher”, per garantire ai bambini bisognosi i mezzi per una sana e corretta alimentazione: ogni famiglia assistita riceverà, infatti, un codice che la collegherà a un supermercato, all’interno del quale verrà preselezionata una lista di prodotti salutari e idonei alla composizione familiare, selezionati dai nutrizionisti dell’Ospedale Gaslini di Genova. Le famiglie beneficiarie potranno recarsi nei supermercati convenzionati, scegliere gli alimenti necessari al proprio fabbisogno e, per pagare, presentare il codice ricevuto da Helpcode.

  2. Helpcode opererà, inoltre, anche nelle scuole tramite laboratori educativi, formazione del personale, diffusione di strumenti informativi (libri, giochi, applicazioni) per promuovere una corretta educazione alimentare e prevenire la malnutrizione.

  3. Che cosa possiamo fare per dare una mano? Per sostenere la campagna Helpcode, dal 20 gennaio al 3 febbraio è possibile effettuare una donazione inviando un sms o chiamando da rete fissa al numero solidale 45585.

    Il valore della donazione è di 2 euro per ciascun SMS inviato da cellulari Wind Tre, TIM, Vodafone, PosteMobile, Iliad, Coop Voce, Tiscali; di 5 euro per le chiamate da rete fissa TWT, Convergenze, PosteMobile; e infine di 5 e 10 euro da rete fissa TIM, Wind Tre, Fastweb, Vodafone e Tiscali.

    Grazie!

Note

Vi è piaciuta questa ricetta? Venitemi a trovare allora anche su Facebook, ne La cucina di Hanneke, risponderò personalmente a tutte le vostre domande, oppure seguitemi su Twitter e Pinterest!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.