VELLUTATA DI FINOCCHI E BARBABIETOLA

E dopo due settimane di bagordi culinari tra Natale, Capodanno e l’Epifania, finalmente si ritorna ai regimi di sempre, quelli di una sana alimentazione, ricca di vitamine e sali minerali che solo zuppe e minestre possono regalarci! E allora eccomi qui a proporvi un piatto davvero gustoso e leggero, a dispetto di chi dice o crede che mangiare a base di sole verdure sia triste e deprimente! Basta farlo con fantasia, abbinando sapori, spezie e aromi, che è la cosa che a me riesce meglio! Come molti di voi ormai sanno, sono un’appassionata di vellutate, ne preparo sempre di diverse e tutte davvero appaganti. Oltretutto questa influenza mi ha devastata, ne sto ancora pagando lo scotto, quindi quale miglior modo di questo per contrastare il freddo mese di Gennaio e recuperare le energie? La foto, lo so, non le rende giustizia, il pomeriggio fa già buio presto, ma sono certa che mi crederete sulla parola se vi dico che questo accostamento di sapori è davvero corposo ed unico! Io ho aggiunto dello zenzero in cottura e crostini aromatizzati alla curcuma e zenzero come rinforzo al piatto, il tutto spolverizzato da semi di papavero e del buon pecorino sardo o romano per i più golosi. Una ricetta detox, con tutte le qualità digestive e depurative dei finocchi e quelle rimineralizzanti e rinfrescanti della barbabietola, utile per cuore, fegato, colon e apparato vascolare.

  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di cottura30 Minuti
  • Porzioni4
  • Metodo di cotturaBollitura
  • CucinaItaliana

Ingredienti:

  • 5Finocchi
  • 1Barbabietole
  • 1Porri
  • 1 lBrodo vegetale
  • 100 gYogurt greco
  • 20 gZenzero fresco
  • 1 ramettoRosmarino
  • 1 ciuffoPrezzemolo
  • 20 gSemi di papavero
  • q.b.Olio extravergine d’oliva
  • q.b.Pepe nero
  • q.b.Sale

Preparazione:

  1. Pulite i finocchi, eliminando le foglie esterne più rovinate ma non le barbette, quindi divideteli in quarti e lavateli abbondantemente sotto l’acqua corrente (fig. 1).

  2. Mondate il porro e tagliatelo a rondelle (anche la parte verde). Fatelo imbiondire in una pentola capiente con un giro di olio e 2-3 cucchiai di acqua (fig. 2).

  3. Sgocciolate i finocchi e aggiungeteli al porro, quindi coprite interamente con il brodo vegetale molto caldo e aromatizzato con foglie di rosmarino spezzettate (fig. 3).

  4. Fate cuocere a partire dall’ebollizione circa 25′, aggiungendo dell’altro brodo solo all’occorrenza e una grattugiata di zenzero. I finocchi dovranno risultare molto morbidi. Spegnete, aggiustate di sale, eliminate il brodo in eccesso, ma senza gettarlo, quindi fate intiepidire e frullate con il minipimer (fig. 4).

  5. Dovrete ottenere la consistenza di una crema che potrete allungare con il brodo di cottura messo da parte qualora fosse troppo denso (fig. 5).

  6. Nel frattempo, pelate la barbabietola e tagliatela in quarti. In foto ne ho usate 3 per altre preparazioni (fig. 6).

  7. Fate bollire in acqua salata per 30′, quindi scolate e frullate con due cucchiai di acqua di cottura. Incorporate quindi anche lo yogurt, salate e pepate (fig. 7).

  8. Riprendete a frullare fino ad ottenere una crema densa e omogenea (fig. 8).

  9. Servite la vellutata di finocchi ben calda con qualche cucchiaio di quella alla barbabietola sempre fumante, un giro di olio a crudo, una spolverata di semi di papavero e del prezzemolo fresco. Io ho aggiunto anche dei crostini aromatizzati alla curcuma e zenzero sbriciolati qua e là. E voilà…la vostra vellutata di finocchi e barbabietola è pronta per essere gustata!

    Buon Appetito dalla cucina di Fefè!

Per una versione più golosa, potrete sostituire lo yogurt greco con lo stesso quantitativo di robiola e servire il tutto con pecorino grattugiato. Sublime!

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.