La crescia, ricetta marchigiana pasquale

crescia pasquale

Nelle Marche settentrionali e centrali, il nome di crescia è usato per indicare delle torte salate alte, come la crescia pasquale tipica del pesarese, con un impasto insaporito da formaggio pecorino, che le dona un colore dorato ed un sapore forte e gustoso. La crescia o pizza di Pasqua dell’anconetano e del maceratese unisce alla ricetta pesarese grossi pezzi di formaggio pecorino, che durante la cottura si gonfiano e lasciano degli alveoli all’interno della crescia; il formaggio che cola all’esterno diventa croccante, e rende particolarmente saporito l’impasto. La crescia si sposa con i salumi perfettamente.

[banner size=”468X60″]

Tra le curiosità, è interessante ricordare che ad Offagna (Ancona) esiste un’Accademia della Crescia, che organizza le locali Feste medievali. Questo alimento era così importante, in passato, da dare il nome ad una moneta d’uso corrente, il cresciolo.

Avevo gia’ fatto la crescia umbra, ricetta che mi aveva dato una mia amica di Perugia, ma poi quando ho letto la ricetta nel blog  “Nella cucina di Martina” della cara Martina Spinaci  ho deciso di provarla e devo dire che la sua ricetta e’ migliore, viene piu’ morbida, ecco gli ingredienti e la preparazione ( io ho solo sostituito il parmigiano con il pecorino perche’ amo i sapori piu’ forti)

 

Ingredienti

500 gr di farina 00

150 gr di pecorino

1/2 bicchiere di latte

150 gr di olio d’oliva

5 uova

1 lievito di birra

1 cucchiaino di zucchero

10 gr di sale

pepe

Preparazione

In una ciotola  capiente sbattere le uova con un po’ pecorino, sale, pepe , l’olio e lo zucchero quindi aggiungere  il latte tiepido dove avrete sciolto il lievito e un po’ alla volta la farina setacciata e  il pecorino rimanente. Trasferite l’impasto su un piano di lavoro infarinato e lavoratelo con le mani per una diecina di minuti.

Mettete l’impasto ottenuto in uno stampo cilindrico tipo quello dei panettoni , coprite con la pellicola trasparente e mettete a crescere sotto al forno spento ma con la luce accesa finche’ non raddoppia di volume (ci vogliono circa 2 ore) e cuocete a 180° per circa 1 ora (fate la prova stecchino e se vedete che la superficie si colora troppo mentre cuoce coprite con un foglio di alluminio). Accompagnatela a salame, ricotta salata, uova sode etc etc e buon appetito!!!!!!

crescia pasquale

[banner]

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Precedente Crostata di tagliolini, ricetta di Pasqua Successivo Pasqua menu' tradizionale napoletano

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.