NODINI ALLA RICOTTA – FRITTELLE

Nodini alla ricotta e al profumo d’arancia: buonissime frittelle di pasta lievitata che l’aggiunta di ricotta e anche la loro forma rende particolari. Sarebbero da provare

nodini di ricotta

NODINI ALLA RICOTTA – FRITTELLE

Ingredienti per 25-30 nodini:
270 g di farina 00 + un po’ per la spianatoia
15 g di lievito madre essiccato (si trova al supermercato ed è decisamente migliore del lievito di birra, se non lo trovate usate 1/2 cubetto di lievito di birra) 
60 g di latte tiepido
30 g di zucchero
125 g di ricotta
1 pizzico di sale
1 uovo
1 cucchiaio d’olio
la buccia grattugiata di 1 arancia non trattata

abbondante olio per friggere
zucchero a velo

Preparatevi tutti gli ingredienti che utilizzerete per l’impasto.

Riunite in una terrina o nella planetaria la farina, il lievito, il latte, lo zucchero e mescolate.
Aggiungete tutti gli altri ingredienti e incominciate a impastare. Con la planetaria ci vogliono circa 6 minuti (l’impasto si deve staccare dalle pareti), a mano circa 10-12.
Dovete ottenere una pasta liscia, elastica e ben lavorata, se lo ritenete necessario aggiungete pochissima farina.
Mettete l’impasto in una terrina, copritelo con pellicola da cucina e lasciatelo lievitare in un luogo tiepido per circa 3-4 ore: deve triplicare di volume.

*********************

Sulla spianatoia leggermente infarinata impastate brevemente la pasta lievitata affinché si sgonfi; lasciatela riposare alcuni minuti, poi stendetela: dovete ottenere una sfoglia alta circa 1/2 cm. Tagliatela a strisce larghe 1 cm e lunghe 20 cm che annoderete non troppo strettamente.

Friggete i nodini in abbondante olio bollente finché saranno dorati.
Se non avete un termometro da cucina per controllarne la temperatura, immergete nell’olio il manico di un cucchiaio di legno, quando alla sua base si formeranno delle  bollicine è caldo al punto giusto (sistema empirico ma valido!).

Togliete i nodini con la schiumarola e fateli prima scolare in uno scolapasta, poi lasciateli asciugare su carta da cucina, infine spolverizzateli con lo zucchero a velo. Sono buoni sia caldi che freddi.

Frittelle e ciambelle: tante altre ricette

Ciao.

Se ti fa pacere puoi seguirmi su Facebook

 

Precedente BISCOTTI CON FARINA DI FARRO, SENZA BURRO Successivo MERLUZZO IN CROSTA DI PISTACCHI

Lascia un commento