ARROSTO DI VITELLO AL VIN SANTO

Arrosto di vitello al vin santo,  un modo diverso di cucinare un classico piatto della domenica che piace sempre. L’aggiunta di pinoli e uvette lo rendono particolare.
Cucinarlo e facile, il risultato finale dipende tutto dalla bontà della carne

Arrosto di vitello al vin Santo

ARROSTO DI VITELLO AL VIN SANTO

Ingredienti per 5-6 persone:
1 kg di carré di vitello disossato (o di codino)
1 bicchiere di vin santo
1 manciata di uvetta + 1 di pinoli
30 g burro per rosolare
sale
1 cucchiaio di farina
1 piccola cipolla o 2 scalogni
1 rametto di rosmarino
3 dl circa di brodo vegetale

Legate o fatevi legare dal macellaio la carne; toglietela dal frigorifero 20 minuti prima di cucinarla.
Infarinatela leggermente e fatela rosolare nel burro per 5-6 minuti a fuoco vivace.
Eliminate il burro cotto rimasto nella casseruola (basta asciugare il fondo della pentola con carta da cucina).

Aggiungete il vino, non versandolo direttamente sulla carne, ma facendolo scendere dalle pareti della pentola. Fate sfumare molto bene, ci vorranno 10 minuti circa.
Salate, aggiungete la cipolla o lo scalogno tagliati a pezzettoni, il rosmarino e un po’ di  brodo.
Aggiungete il resto del brodo quando lo riterrete necessario; ogni tanto girate l’arrosto.

Mentre la carne cuoce lavate l’uvetta e tostate i pinoli.

Dopo circa un’ ora l’arrosto sarà cotto.
Per controllare la cottura è molto utile un termometro da alimenti; in mancanza punzecchiate la carne e, se esce un liquido rosato proseguite la cottura, se è chiaro la carne è cotta.
Togliete l’arrosto dalla pentola, copritelo con un foglio di alluminio e fatelo riposare per circa 15 minuti.

Eliminate il rosmarino, poi frullate il fondo di cottura, non è necessario sgrassarlo (è stato cotto senza grassi), riscaldatelo insieme ai pinoli e all’uvetta.

Tagliate l’arrosto, rimettetelo nella pentola e riscaldatelo per un minuto: la carne assorbirà il sugo e diventerà ancora più buona; completate il piatto con delle patate.

Ciao!

Facebook

Precedente TONNO DI GALLINA Successivo PASTA RIPIENA IN BRODO IN CROSTA DI SFOGLIA

Lascia un commento