ARANCINI DI RISO E FORMAGGIO

Arancini di riso e formaggio: un buonissimo secondo piatto che si può preparare utilizzando del risotto avanzato, qualsiasi risotto.
Per questa ricetta ne ho usato uno alle melanzane, più provolone e come accompagnamento una salsa di pomodoro fresco.
Se utilizzate un risotto alle zucchine, alla parmigiana o allo zafferano potete aggiungere all’impasto dei piselli e, invece del provolone, della mozzarella.
Questo piatto offre infinite possibilità e varianti, secondo i nostri gusti.

arancini di riso e formaggio

ARANCINI DI RISO E FORMAGGIO

Ingredienti per circa 15-18 arancini

400 g di risotto
50 g di parmigiano grattugiato
100 g di provolone
foglie di basilico
sale
farina 00
pane grattugiato
1 uovo
5-6 pomodori da sugo
olio

olio per friggere (arachidi)

Sbollentate i pomodori per un paio di minuti, passateli al passaverdura, versate la salsa in un colino per un attimo affinché si asciughi un po’.

Preparatevi tre piatti fondi: uno per la farina, uno per il pane grattugiato e uno con l’uovo ben frullato.

Tagliate il formaggio a cubetti, unitelo al riso, insieme al parmigiano e a qualche foglia di basilico spezzettata, mescolate.

Preparate con il riso delle palline non troppo grandi, passatele nella farina 00 e tenetele da parte.
Quando saranno tutte infarinate passatele nell’uovo frullato, poi nel pane grattugiato.

Riscaldate l’olio.
Per sapere se ha raggiunto la giusta temperatura per poter friggere, immergete nell’olio un cucchiaio di legno e, quando vedrete che si formeranno delle bollicine intorno al manico è pronto: empirico ma valido.

Friggete gli arancini in olio profondo e utilizzando una pentola non troppo grande o ve ne servirà troppo.
Quando saranno dorati scolateli con una schiumarola e fateli asciugare su carta da cucina.

Mentre friggete riscaldate la salsa di pomodoro, salatela, aggiungete alcune foglie di basilico spezzettate e un po’ di olio. La salsa va cotta molto brevemente.

Gli arancini vanno mangiati caldi con la salsa di pomodoro come condimento.

Ciao!

Se ti fa piacere puoi seguirmi su Facebook

 

 

Precedente TORTA CON LE CILIEGIE, senza burro né olio Successivo Tè freddo alla pesca

Lascia un commento