Crea sito

Pupe di zucchero per i morti

Il 2 Novembre: frutti di Martorana e Pupi ri zuccaru (pupe di zucchero)

Questo e per ricordare la tradizione Siciliana che ormai e nel dimenticatoio.Questo articolo lo trovato nel web,per capire,la storia antica della Sicilia

Il 2 Novembre, giorno consacrato alla celebrazione dei defunti, per i fanciulli siciliani è la “festa dei morti”. Una antica tradizione vuole che i genitori regalino loro dolci e giocattoli, dicendo che sono stati portati in dono dalle anime dei parenti morti. L’origine ed il significato di questa usanza si collega certamente ad antichi culti pagani ed al banchetto funebre un tempo comune a tutti i popoli indo-europei, di cui si ha ancora un ricordo nel consulu siciliano. E’ stato osservato che il significato della strenna dei morti è duplice: offerta alimentare alle anime dei defunti e offerta simbolica nei dolci a forma umana, con raffigurazione delle anime dei defunti “in maniera che cibandosi di essi, è come se ci si cibasse dei trapassati stessi”

 Pupe di zuccheroDi questi dolci, antropomorfi, sono celebri a Palermo le “pupe di zucchero”, decorate con colori sgargianti e vivaci. I personaggi raffigurati sono vari: dragoni, paladini, bersaglieri, coppie di sposi, dame del settecento. Le pupe di zucchero o di pasta di miele, sono comuni in tutta la Sicilia. A Palermo, però, in occasione della festa dei morti, appare nelle vetrine dei negozi un altro dolce caratteristico, originariamente non collegato alla celebrazione dei defunti.

Si tratta dei caratteristici “frutti” di pasta di mandorle, o pasta reale, che comunemente vanno sotto il nome di “frutti di MArtorana” che, nati a Palermo, sono ormai diffusi anche nel resto della Sicilia, varcando lo stretto, sia pure come prodotto di importazione.Pupe di zucchero

Nel Settecento, una delle curiosità della vita monastica era che ciascun monastero, quasi fosse un distintivo, aveva una Piatta, coè un manicaretto. A Palermo erano celebri le Feddi (fette) del Cancelliere, la conserva di scurzunera delle Montevergini, la Cucuzzata ed il Biancomangiare di Santa Caterina, il pane di Spagna della Pietà, le sfinci ammilate delle Stimmate, la caponata dei Sett’Angeli, le ravazzate con ricotta di Santa Elisabetta, e tanti altri dolciumi quali cannoli, cassate, ecc. che invano i pasticcieri della città tentavano di imitare. Il Monastero della Martorana era arcinoto per i suoi frutti di pasta di mandorle, che prendevano proprio il nome dall’edificio religioso. Le pie monache confezionavano frutta di pasta reale di ogni tipo, cercando di imitare alla perfezione quella naturale.

IMG_20131030_170503

Una tradizione vuole che in una circostanza imprecisata, le monache della Martorana abbiano manifatturato frutta di qualità diversa che si produce in varie stagioni e che l’abbiano appesa sugli alberi di un piccolo chiostro del loro monastero. I “frutti della Martorana” entrarono ben presto a far parte dei dolci dei morti, e dopo la soppressione delle Corporazioni religiose, avvenuta nel 1866, l’attività e la produzione dolciaria del monastero divenne patrimonio dei pasticcieri della città che, puntualmente, ogni anno, in occasione della celebrazione dei defunti, ne continuano ad adornare le loro vetrine.

Pupe di zucchero e frutti di Martorana scompariranno soltanto se un giorno verrà a cessare l’uso di fare le strenne ai fanciulli il 2 Novembre, e le anime sante, quelle dei parenti defunti, non torneranno più sulla terra a portare doni ai bambini

Soltanto quel giorno, i fanciulli siciliani si accorgeranno che i loro morti, in verità, sono “morti per sempre”

https://www.facebook.com/lamiapassioneriscoperta.juli?ref=hl

Pubblicato da Juli

Salve,non sono cuoca ma ho aperto questo blog per passione,scusate gli errori.

Una risposta a “Pupe di zucchero per i morti”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.