Ravioli di ricotta fritti

Questi sono dei ravioli dolci ripieni di ricotta, tipici sardi.

È un dolce che si faceva per lo più nel periodo di carnevale, ma ora si fa ormai tutto l’anno come tanti altri dolci, un dolce anche molto semplice da fare.

Questi ravioli hanno un involucro croccante e un ripieno morbido di ricotta.

Dopo fritti si possono spolverizzare con dello zucchero a velo oppure dell’ottimo miele.

  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione1 Ora
  • Tempo di riposo30 Minuti
  • Tempo di cottura30 Minuti
  • Porzioni50 pezzi
  • Metodo di cotturaFrittura
  • CucinaItaliana

Ingredienti

Per la pasta

500 g farina 0
200 ml acqua
70 g strutto
1 albume
5 g sale

Per il ripieno

500 g ricotta
1 scorza d’arancia
1 scorza di limone
70 g zucchero
1 tuorlo

Per la frittura

1 l olio di semi

Per la copertura

q.b. zucchero a velo
q.b. miele

Strumenti

Passaggi

Cominciate ad impastare la farina con lo strutto l’albume e il sale, aggiungere poco alla volta l’acqua, impastate fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo, coprite e lasciate riposare 30 minuti.

Cominciate ad impastare la farina con lo strutto l’albume e il sale, aggiungere poco alla volta l’acqua, impastate fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo, coprite e lasciate riposare 30 minuti.

Nel frattempo preparate il ripieno, mettete la ricotta in una ciotola, aggiungete la scorza di arancia e la scorza di limone, con una forchetta schiacciate e mischiate, aggiungete il tuorlo e lo zucchero e mischiate bene il tutto.

Stendete la pasta sottile e mettete il ripieno e chiudere a forma di raviolo.

Scaldate l’olio e friggete i ravioli.

Spolverizzate con dello zucchero a velo oppure con del miele.

Non credo ne avanzino ma se ne avanzano potete tenerli per un paio di giorni chiusi nella pellicola

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Irene pasticci in cucina

Mamma e moglie a tempo pieno, amante della buona cucina, semplice e tradizionale. Tempo fa mi sono messa in gioco su Instagram, con buoni risultati. Ora mi metto in gioco anche nel Blog Giallo Zafferano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.