Arrubiolus di ricotta

Questi giorni sentivo nell’aria il profumo di frittura.

Un profumo che mi ha portata a dei ricordi di infanzia, ricordi di carnevale,i s’arrubiolus di ricotta, delle palline di ricotta fritte, dei dolci tipici di carnevale che facciamo in Sardegna, dove la delicatezza della ricotta incontra l’aroma dell’arancia e dello zafferano.

Con l’aiuto di Emma ho preparato queste delizie.

Una vera squisitezza, unica pecca! che una pallina tira l’altra.

Provatele e fatemi sapere.

  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione30 Minuti
  • Tempo di cottura30 Minuti
  • Porzioni40 palline circa
  • Metodo di cotturaFrittura
  • CucinaItaliana

Ingredienti

500 g ricotta
500 g farina 00
1/2 bicchierino sambuca
120 g zucchero
scorza di 2 arance
1 bustina zafferano
1 bustina Lievito per dolci
Un pizzico di sale
3 uova

Per la frittura

1 l Olio di girasole

Per la decorazione finale

100 g zucchero

Passaggi

Con una frusta sbattete bene la ricotta (se usate ricotta un pochino asciutta mettete un po meno farina, la consistenza dell’impasto finale non deve risultare molto asciutto ) con lo zucchero, incorporare le uova, la scorza delle arance e lo zafferano.

Dopo aver ottenuto una bella cremina aggiungere la sambuca, poi poco alla volta la farina setacciata con il lievito.

Finire l’impasto con un cucchiaio in legno o con le mani.

Bagnati le mani nell’acqua tiepida e formate delle palline, scaldate l’ olio fate friggere le palline.

Una volta pronte mettetele nella carta assorbente poi passatele nello zucchero.

Se volete potete dare più gusto aggiungendo 1 bustina in più di zafferano.

4,8 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Irene pasticci in cucina

Mamma e moglie a tempo pieno, amante della buona cucina, semplice e tradizionale. Tempo fa mi sono messa in gioco su Instagram, con buoni risultati. Ora mi metto in gioco anche nel Blog Giallo Zafferano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.