Archivi categoria: piatti unici

Torta rustica con prosciutto e mousse di ricotta

Torta rustica con prosciutto e mousse di ricotta: Quando ci sono giornate che non sapete davvero cosa fare per stuzzicare l’appetito dei vostri cari dovete trovare un’idea semplice ma gustosa, aprite il frigo e scegliete tra i prodotti a vostra disposizione,

Qualche giorno fa è successo proprio questo, c’era della sfoglia, ricotta, panna, prosciutto cotto affumicato e….

Così è nata lei la Torta rustica con prosciutto e mousse di ricotta partendo da un guscio di pasta sfoglia preparato con una cottura in bianco.

Ingredienti

  • 1 rotolo di pasta sfoglia
  • 150 g di prosciutto cotto affumicato tipo Praga
  • 350 g di ricotta vaccina o di pecora
  • 150 ml di panna fresca
  • 50 g di parmigiano grattugiato
  • Q.B. di sale e pepe
  • Q.B. di granella di pistacchio

Preparazione

Cominciate a preparare la sfoglia per una cottura in bianco:

Accendete il forno a 170° e portatelo a temperatura

Nel frattempo sistemate la sfoglia in una tortiera di 26 cm di diametro e bucherellate la base con i rebbi di una forchetta

Riempite la base così preparata con ceci o con le palline che si trovano in commercio proprio per questo scopo. Io tengo un sacchetto di ceci che riutilizzo ogni volta.

Fate cuocere lo scrigno di sfoglia per circa 20 minuti, dovrà risultare dorato al punto giusto

Mentre la sfoglia cuoce in forno potete preparare la mousse di ricotta

Passate al setaccio la ricotta e poi aggiungete il formaggio grattugiato, regolate di sale e pepe

Montate la panna e inseritela nella crema di ricotta utilizzando una spatola con movimenti dal basso verso l’alto

Tenete la mousse di ricotta in frigo dopo averla inserita in un sac a poche con bocchetta liscia

Quando lo scrigno di pasta sfoglia si sarà raffreddato sistemate sul fondo il prosciutto cotto spezzettato a mano

Con la sac a poche ultimate la farcitura della vostra Torta rustica con prosciutto e mousse di ricotta facendo degli spuntoni in cerchi concentrici

Rifinite per dare un tocco di colore e sapore in più spargendo la granella di pistacchio

La vostra Torta rustica con prosciutto e mousse di ricotta è pronta per essere consumata e apprezzata da tutti i vostri commensali!

Gattò di patate-ricetta siciliana

Gattò di patate-ricetta siciliana: Può anche chiamarsi gateau di patate, ma in Sicilia lo chiamiamo così, è questo il nome con cui lo ricosciamo.

Il gateau di patate, è stato italianizzato in gattò o a volte anche gatò, arrivò sulle ricche tavole del Regno delle due Sicilie alla fine del 1700.

Fu proprio la regina Maria Carolina d’Asburgo, moglie di Ferdinando I di Borbone che per non separarsi dai piatti dei monsieurs, i cuochi francesi, li portò con sé a corte nel Regno di Napoli.

Il popolo napoletano così ebbe modo di conoscere la nuova tecnica e la fece propria. Sostituì il groviera con il fior di latte, e arricchì il pasticcio con prosciutto cotto e salame e non solo. Anche il nome subì una trasformazione, da gateau di patate in gattò… e persino i monsieurs diventarono “monzù” nelle ricche famiglie del regno.

Ogni famiglia tramanda la propria versione di questo irresistibile sformato di patate, questa è quella della mia famiglia.

 

Ingredienti per 8 persone:

  • 2 kg di patate
  • 100 g di burro + Q.B. per lo stampo e i fiocchetti finali
  • 4 uova intere
  • 150 g di parmigiano reggiano
  • 50 g di pecorino grattugiato
  • 200 g di prosciutto cotto
  • 300 g di provola o scamorza
  • Q.B. di noce moscata
  • Q.B. di pane grattugiato
  • Q.B. di sale e pepe

Preparazione

Lavate bene le patate e fatele lessare in abbondante acqua salata, sbucciatele e pelatele ancora calde e poi riducetele in purea con lo schiacciapatate.

Man mano che ottenete la purea inserite il burro a pezzetti in modo che cominci a sciogliersi.

Quando avrete ottenuto tutta la purea di patate mescolate bene per fare sciogliere tutto il burro e inserite le uova, procedete poi con una metà di parmigiano e continuate con il pecorino, regolate di sale e pepe.

Aggiungete anche un po’ di noce moscata grattugiata secondo il vostro gusto.

Dovete ottenere un composto soffice e ben amalgamato.

Imburrate uno stampo di 26 cm e spargete una manciata di pangrattato per farlo aderire bene al fondo e alle pareti.

Con un terzo dell’impasto di patate fate un primo strato sul fondo della teglia e poi fate uno strato di prosciutto

e uno di provola ricoprite il tutto con una manciata di parmigiano.

Ricoprite con un terzo di impasto e fate ancora una farcitura come le precedente.

Ricoprite il tutto con la parte restante di patate e livellate bene.

Spargete ancora l’ultimo formaggio grattugiato e una manciata di pangrattato.

Ancora qualche fiocchetto di burro e il gattò di patate è pronto per essere infornato in forno già caldo a 180° per circa 50 minuti o anche un’ora.

Il gattò di patate deve risultare dorato e con una bella crosticina.

Sfornate il gattò di patate e lasciatelo intiepidire per circa 20 minuti prima di consumarlo.

Vedrete che sarà un piatto che amerete moltissimo e lo preparerete tantissime volte!

Cavolfiore a ghiotta-ricetta tipica messinese

Cavolfiore a ghiotta-ricetta tipica messinese: Un piatto  della mia terra che si prepara con gli ingredienti tipici della ghiotta.

Per fare la ghiotta che sia di pesce o ortaggi servono capperi, olive, cipolle pomodori e gambi di sedano.

Tutti i classici ingredienti mediterranei che fanno grande la cucina siciliana!

Non posso dirvi quanto sia buono il Cavolfiore a ghiotta-ricetta tipica messinese perché potrei sembrare di parte, ma vi invito a prepararlo ed assaggiare questa variante della ghiotta con il cavolfiore che vi stupirà.

Si può utilizzare il classico cavolfiore bianco, ma anche quello viola o il verde romanesco. addirittura la nuova variante arancione che ormai si trova spesso sui banchi del mercato.

Si può consumare come contorno sia di carne che di pesce alla griglia o anche come piatto unico per un pasto vegetariano.

 

 

Ingredienti

  • 1 kg di cavolfiore
  • 3 coste di cuore di sedano
  • 1 cipolla
  • 10 pomodorini ciliegini
  • 1 manciata di capperi disssalati
  • 100 g di olive verdi o nere in salamoia
  • 1 pezzetto di peperoncino o se preferite pepe nero
  • Q.B. di olio EVO

Preparazione

Il Cavolfiore a ghiotta-ricetta tipica messinese si prepara molto semplicemente, come diciamo noi “tuttu d’intra”, che significa vi starete chiedendo, nulla di più facile:

Preparate tutte le verdure tutte tritate e sistematele in una casseruola abbastanza larga, versate un bel giro di olio EVO e cominciate a far stufare a fuoco dolcissimo.

Staccate tutti i ciuffetti di cavolfiore  e affiancateli in piedi sul battuto di verdure, cospargete con due  prese di sale e coprite con un coperchio.

Continuate la cottura così dolcemente senza mai toccare Cavolfiore a ghiotta-ricetta tipica messinese con cucchiai o utensili vari. dovrete di tanto in tanto scuotere la casseruola e quasi a fine cottura tenendo ben saldo il coperchio fate roteare la ghiotta.

L’unica attenzione che dovete avere e di non fare attaccare la vostra ghiotta, se vi sembra che ci sia poco liquido di cottura aggiungete qualche cucchiaio di acqua calda.

Ecco un contorno o un piatto unico che non vi stancherà mai perché sapido al punto giusto e quindi molto piacevole al palato

Panelle-ricetta originale-street food palermitano

Panelle-ricetta originale: Streed food d’eccellenza di Palermo e della Sicilia tutta, rettangoli di frittelle fatte con la farina di ceci che vengono servite sempre in un piccolo panino coperto di sesamo o con le famose mafalde, da mangiare passeggiando nelle zone tipiche della città, come il famoso mercato di Ballarò.

Pur essendo ottime le Panelle si preparano con pochissimi ingredienti e in modo semplice cominciando da una sorta di polenta fatta solo con farina di ceci e dopo aver spianato la massa ottenuta formando dei rettangolini da friggere in olio ben caldo.

Ingredienti per circa 40/45 panelle

  • 500 g di farina di ceci
  • 1,5 lt di acqua
  • mezzo cucchiaio di sale fino
  • un mazzetto di prezzemolo tritato o finocchietto selvatico
  • Q.B. di pepe
  • Q.B. di olio di semi di arachide

Preparazione

Sciogliete in una pentola la farina di ceci gradualmente con l’acqua fredda, aggiungete il sale e il pepe mescolando molto  bene con la frusta.

Mettete la pentola sul fuoco

e mescolate a lungo finché l’impasto sarà diventato compatto e si stacca dai bordi della pentola, ci vorrà circa mezz’ora, non dimenticate di raschiare bene sul fondo!

Tritare finemente il prezzemolo, ma in alternativa potete utilizzare anche del finochietto selvatico, e aggiungete all’impasto all’ultimo minuto

Togliete la pentola dal fuoco, versate il composto su della carta da forno o direttamente sul marmo della cucina se l’avete e coprite con un altro foglio di carta.

Questo procedimento vi faciliterà il compito per stendere bene il composto per le panelle  con l’aiuto di un matterello in uno strato molto sottile, non più di 3 al massimo 5 mm.

Dovete lavorare velocemente in questa fase altrimenti non riuscirete a stendere bene la massa.

Lasciate raffreddare completamente.

Una volta che il composto si sarà ben raffreddato, tagliate le panelle di ceci in rettangoli di circa 5 centimetri per 6.

Più l’impasto è sottile, più si gonfia in cottura e più diventa croccante, tutto qui il segreto!

Friggete le panelle in abbondante olio di semi.

Servite le panelle ancora calde, con qualche spicchio e succo di limone al naturale o mangiate dentro un buon panino al sesamo

 

Se volete preparare dei fantastici panini al sesamo date un’occhiata qui 

 

 

Sfogliata contadina con besciamella

Sfogliata contadina con besciamella: Non è la solita torta rustica, ma direi quasi un bel piatto completo, ricco di sapore  e con tante verdure.

Dovete solo provare a farla per assaggiare il suo sapore intenso e corposo, anche chi non ama molto gli ortaggi di stagione scoprirà un sapore e una bontà che non si aspetta!

Ingredienti per uno stampo da 26 cm

  • 1 sfoglia rotonda
  • 2 melanzane medie
  • 2 peperoni medi
  • 50 g di parmigiano grattugiato
  • 50 g di provolone
  • 3 uova medie
  • un mazzetto di prezzemolo
  • Q.B. di olio EVO
  • Q.B. di sale

Per la besciamella

  • 500 ml di latte
  • 50 g di burro
  • 50 g di farina
  • Q.B. di sale e pepe
  • Q.B. di noce moscata

Preparazione

Bisogna cominciare preparando la besciamella e troverete qui tutta la ricetta, e fin qui niente di difficile…

Poi proseguite tagliando a dadini le verdure dopo averle lavate e spuntate

 

Saltate in padella con un po’ di olio EVO prima le melanzane e poi i peperoni, non insieme, per esaltarne i sapori all’interno della Sfogliata contadina con besciamella

A questo punto non vi resta che assemblare gli ingredienti :

In una ciotola capiente sbattete le uova alle quali dovete aggiungere il parmigiano grattugiato e anche il provolone a dadini piccoli, potete anche provare a grattugiare il provolone per accelerare il tutto

Mescolate bene adesso le uova con la besciamella  e quando tutto sarà omogeneo aggiungete gli ortaggi saltati e il prezzemolo tritato

Foderate con la sfoglia, utilizzando anche la carta forno in dotazione lo stampo, vi consiglio di fare delle piccole pieghe con le dita  sul bordo della sfoglia per evitare che durante la cottura cada malamente sulla torta

riempite lo scrigno ottenuto con il composto preparato

Rigirate i bordi della pasta sfoglia verso l’interno

infornate a 200° per 40 minuti circa, comunque fino a quando vedrete che la Sfogliata contadina con besciamella avrà assunto un bel colore dorato

Lasciate intiepidire la Sfogliata contadina con besciamella e servitela come piatto unico accompagnata da una fresca insalatina o anche come antipasto in porzioni più piccole

La Sfogliata contadina con besciamella starà benissimo anche in un bel buffet per le vostre cene d’estate con  quel tocco morbido e croccante allo stesso tempo

 

Chiocciola di sfoglia a sorpresa

Chiocciola di sfoglia a sorpresa: Vi capitano quelle giornate in cui non avete voglia di stare a spignattare a lungo, ma volere comunque qualcosa di buono e sorprendente? Per stasera io ho pensato a questa deliziosa Chiocciola di sfoglia a sorpresa, un sapore che non ti aspetti ma che è veramente buona.

L’idea nasce come piatto unico ma può andare benissimo in porzione ridotta come antipasto, apericena e anche in bellavista in un buffet rustico.

 

Ingredienti

  • 1 rotolo di pasta sfoglia rettangolare
  • 600 g di zucchine romanesche
  • 1 piccola cipolla o 1 scalogno
  • 50 g di mortadella affettata fine
  • 150 g di formaggio filante
  • Q.B. parmigiano grattugiato
  • Q.B. di burro
  • Q.B. olio EVO
  • Q.B. sale e pepe

Preparazione

Cominciate a preparare le zucchine per il ripieno:

Dopo avere spuntato le zucchine tagliatele a dadini e mettete in tegame con la cipolla già imbiondita.

Lasciate cuocere per qualche minuto, finché le sentirete meno croccanti, è meglio che non siano troppo cotte perché continueranno a cuocere nel forno

Regolate con sale e pepe e spegnete la fiamma perché si intiepidiscano

Dividete la sfoglia in due parti per tutta la lunghezza e sovrapponetela leggermente sul lato corto, tirate leggermente con il matterello per allungarla un po’ e renderla più sottile stando attenti a non bucarla

Distribuite su tutta la lunghezza perfettamente al centro tutte le zucchine

Coprite con la mortadella

e poi sui laterali con il formaggio a listarelle

A questo punto non dovete far altro che attaccare fra di loro tutti i bordi creando un lungo serpentello ed arrotolarlo a spirale

Spolverizzate con parmigiano grattugiato a vostro piacere, io ne ho messo un bel po’… e qualche fiocchetto di burro

Mettete in forno già caldo a 200°  per una mezz’oretta, fino a quando vedrete la  Chiocciola di sfoglia a sorpresa bella dorata

Lasciate intiepidire per qualche minuto e tagliate a fette come se fosse una torta.

 

Tortini di zucchine e tonno

Tortini di zucchine e tonno: Siamo ancora relegati in casa e dobbiamo cercare di variare la nostra dieta anche con ciò che abbiamo in casa, limitare le uscite per andare a fare la spesa è molto importante per evitare di restare in casa ancora per molto tempo, io ci vado mediamente una volta ogni 15 giorni ottimizzando gli acquisti per riuscire a preparare cose buone anche con poco….

Eccoci quindi a preparare questi semplici ma buonissimi Tortini di zucchine e tonno, bastano pochi ingredienti ed anche poco tempo, ottimi sia come piatto unico arricchiti con altre verdure o come antipasto e se preparati negli stampini piccoli anche come aperitivi.

Ingredienti per 10 tortini
  • 400 gr zucchine
  • 150 gr tonno sott’olio
  • 2 uova medie
  • 200 gr farina 0
  • 3 g di sale
  • 100 ml di  latte
  • 50 ml di acqua
  • 1/2 bustina lievito per torte
Preparazione

Lavate  e tagliate a julienne le zucchine.

Sbattete un pochino le uova

Mescolate le zucchine  con il  tonno e le uova.

Unite la farina setacciata con il lievito, a questo proposito posso consigliarvi di sostituire parte della farina, diciamo circa un terzo con farina integrale per ottenere un aspetto più rustico dei tortini.

e alternate con il latte e l’acqua  mescolando molto bene, aggiungete per ultimo il sale.

Ecco come si presenta l’impasto alla fine

Ungete o foderate con i pirottini, 10 stampini per muffin e riempiteli per 3/4 con il composto preparato per i Tortini di zucchine e tonno.

Fate cuocere in forno già caldo a190° per circa 35 minuti.

Fateli dorare fino al punto giusto!

Ecco i vostri buonissimi Tortini di zucchine e tonno, una vera scoperta!

Sformato di verza e patate con besciamella

Sformato di verza e patate con besciamella: Ci sono molti modi per preparare i nostri prodotti dell’orto, cercare di variare spesso è una mia priorità e per questo ho associato la verza bella saporita con besciamella poco incisiva, ma legante, e patate. Non mancano però altre caratterizzazioni come le cipolle e la pancetta affumicata, credo stiano tutti molto bene insieme. Ma andiamo a vedere come combinare il tutto…

Ingredienti per 4/6 persone
  • 1 verza piccola
  • 500 g di patate
  • 500 g di cipolle bianche
  • 500 g di besciamella già pronta
  • 100 g di pancetta affumicata a cubetti
  • 80 g di parmigiano reggiano
  • olio Evo Q.B.
Preparazione

Preparate la besciamella utilizzando la mia ricetta 

Sfogliate la verza e lavatela bene

Sbucciate le patate e affettale a 3 mm di altezza

Portate a bollore una pentola capace di acqua e salatela

Mettete a cuocere le foglie di verza per pochi minuti e scolatele

Nella stessa acqua sbollentate anche le patate e prelevatele delicatamente con un mestolo forato per non romperle

Prelevate dalle foglie di cavolo verza la nervature centrale più coriacea

Mettete in una padella appena oleata le cipolle affettate a rondelle e la pancetta affumicata e cuocete fino a doratura

Tritate la parte che avete asportato alla verza e unitela alle cipolle

Accendete il forno a 200°

Montate adesso il vostro Sformato di verza e patate con besciamella:

Stendete uno strato di besciamella sul fondo della teglia (25X30 circa)

Sistemate un primo strato di patate che velerete con un po’ di besciamella e una spolveratina di parmigiano

Adesso è il turno delle foglie di verza ben allineate, coperte anch’esse di besciamella e formaggio

Distribuite parte dell’intingolo di cipolle, circa un terzo, e procedete così fino alla fine della verza

Ultimate lo Sformato di verza e patate con besciamella con le fettine di patate coperte di besciamella e parmigiano

Infornate e cuocete per circa mezz’ora, fino a completa doratura della crosticina finale.

fate riposare almeno 10 minuti prima di servire il vostro Sformato di verza e patate con besciamella

Lo Sformato di verza e patate con besciamella nasce come contorno ma diventa con una porzione maggiorata un buon piatto unico davvero sostanzioso e delizioso.

Topinambur e Patate alle mandorle gratinati

Topinambur e Patate alle mandorle gratinati: questa ricetta preparata da Giuliana Fabris per Passiamole in rivista di MTC mi è talmente piaciuta che l’ho subito preparata e oggi ve la propongo tale e quale senza alcuna variazione. Vi consiglio di prepararla oggi stesso e non ve ne pentirete!

Ingredienti per 4 persone:
  • 700 g di topinambur
  • 500 g di patate
  •  2 cucchiai di farina di mandorle
  • 1 spicchio d’aglio
  • 200 g di formaggio Chèvre
  •  noce moscata grattugiata Q.B.
  • sale Q.B.
  • una noce di burro

Per la crema di mandorle:

  • 80 g di mandorle pelate
  • 250 ml di panna fresca
Preparazione

Preparazione della crema di mandorle:
Tritate in polvere le mandorle in un mixer, mettetele in una ciotolina e aggiungete la panna un po’ per volta mescolando fino ad ottenere una crema densa ma fluida.

Sbucciate sia le patate che i topinambur, lavate e asciugate bene tutto. Affettate gli ortaggi in fettine sottili con una mandolina tenendoli però separati.

Scottate in acqua salata sia le patate che i topinambur, lasciateli cuocere separatamente per qualche minuto e  poi scolateli.

Pelate l’aglio, e strofinatelo sul fondo e sulle pareti della pirofila che userete per la cottura, oppure se volete un sapore più deciso tritatelo e lasciatelo sul fondo.

Spargete anche qualche fiocchetto di burro sul fondo.

Fate uno strato di topinambur, aggiungete la crema di mandorle stendendola bene su tutto lo strato, poi regolate con un pizzico di noce moscata e un pochino di sale,  coprite tutto con uno strato di patate, spalmate di nuovo un pochino di crema di mandorle e continuate fino ad esaurimento degli ingredienti alternando sempre le patate ai topinambur e la crema di mandorle.
Finite con un altro pizzico di noce moscata.

Mettete in forno già caldo a 200° ventilato e lasciate cuocere per circa 30 minuti.

Togliete la teglia dal forno e distribuite sulla superficie il formaggio Chèvre tagliato a fettine non troppo sottili.

Spolverate la superficie con la farina di mandorle e rimettete in forno ancora per 10 minuti,  fino a quando si sarà formata una crosticina dorata.


Servite ben caldo per assaporare al meglio i nostri Topinambur e Patate alle mandorle gratinati.

Pallotte cacio e uova-casc e ove-ricetta abruzzese

Pallotte cacio e uova-casc e ove-ricetta abruzzese: Una meravigliosa ricetta regionale di origine contadina che conquista al primo assaggio. Di facile esecuzione perché chi non sa fare le nostre famose in tutto il mondo polpette al sugo? Queste sono però senza carne ma ricchissime di formaggio, quindi amanti dei formaggi fatevi sotto…

Ingredienti per 4 persone

per le pallotte

  • 120 g di pane raffermo
  • latte Q.B.
  • 200 g di pecorino
  • 200 g di formaggio vaccino tipo caciocavallo
  • 4 uova
  • pepe nero Q.B.
  • uno spicchio di aglio
  • prezzemolo tritato, Q.B.
  • olio EVO Q.B.
per il sugo
  • 400 grammi di passata di pomodoro fatta in casa
  • 200 ml di brodo vegetale caldo
  • uno spicchio di aglio
  • una cipolla piccola
  • basilico Q.B.
  • olio Evo Q.B.
  • sale Q.B.
  • pepe nero Q.B.

Preparazione

Mettete per cominciare, a bagno nel latte, quello necessario per coprirlo appena, il pane raffermo, meglio se casereccio e privato dalla crosta.

Nel frattempo grattugiate a mano i due formaggi. Questo passaggio è fondamentale perché quelli grattugiati con mezzi meccanici vengono grattati troppo finemente e la compattezza delle polpette ne risentirebbe.

Tritate aglio e prezzemolo e impastateli bene con il pane strizzato dal latte, aggiungete le uova già sbattute a parte e i due formaggi, anche una grattatina di pepe nero ci sta benissimo.

Meglio non aggiungere sale se i formaggi sono saporiti.

Impastate bene tutto per ottenere un composto compatto e omogeneo.

Lasciate riposare l’impasto ottenuto in frigorifero per almeno un’oretta coperto con pellicola a contatto.

Trascorso il tempo previsto preparate delle polpette belle rotonde grandi poco più di una noce, per facilitarvi l’operazione bagnatevi le mani con acqua fredda.

 

Quando le pallotte cacio e uova saranno pronte friggetele in olio extravergine di oliva, al limite si può usare anche quello di arachide. E’ preferibile non superare la temperatura di 140° perché le pallotte cacio e uova possano cuocere bene all’interno e rimanere leggermente dorate all’esterno. Scolate man mano le polpette su carta assorbente.

Mettete abbondante olio EVO in un tegame, sarebbe meglio se fosse di coccio, aggiungete lo spicchio di aglio schiacciato e anche la cipolla tritata molto finemente. Rosolate a fuoco dolce e quando saranno dorati eliminare l’aglio, aggiungete infine la passata di pomodoro e se vi piace ed è in stagione anche il basilico. Aggiungete il sale e il pepe appena macinato. Cuocere la salsa per 10 minuti e poi aggiungete le pallotte cacio e uova fritte coprendole con il brodo vegetale bollente.

Lasciate cuocere ancora per altri 15 minuti circa. Servite in ciotole di coccio

ed accompagnate eventualmente con fettine di pane casereccio per fare la scarpetta finale!