Liquore al finocchietto selvatico siciliano

Liquore al finocchietto selvatico siciliano,

questo tipo di distillato  è molto semplice da preparare e in più aiuta la digestione , l’ideale è consumarlo dopo un pasto ricco ..

Sponsorizzato da Carni crude e cotte macelleria gastronomia

Liquore al finocchietto selvatico siciliano
  • Preparazione: 3 settimane di macerazione , 1 settimana di riposo Minuti
  • Cottura: Minuti
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni:
  • Costo: Medio

Ingredienti

  • 80 g Finocchietto selvatico
  • 1 l Alcol puro
  • 1 l Aqua
  • 600 g Zucchero (Semolato)

Preparazione

  1. Liquore al finocchietto selvatico siciliano

    Pulire per bene il finocchietto e adagiarlo in un contenitore di vetro con l’alcol puro , chiudere e macerare il contenuto per 3 settimane in un luogo buio e asciutto. 

    Trascorsi , preparare lo  sciroppo versando in un contenitore l’acqua e lo zucchero , dopo che sono raggiunti ad ebollizione così da permettere allo zucchero di sciogliersi completamente , miscelare lo sciroppo all’alcol filtrato più volte ( io in questo caso uso uno trofinaccio piegato su se stesso ) e imbottigliate, quindi tappare ermeticamente , a lavoro ultimato fate riposare il liquore di finocchietto selvatico siciliano per una settimana prima di consumarlo ..

  2. con i semi di finocchietto selvatico potere prepararvi in una manciata di minuti un ottima tisana  PROVATELA..

Note

Il liquore  al finocchietto selvatico va servito freddo da  freezer ..

spero abbiate gradito per altre mie ricette cliccate Qui

Visitate la mia pagina Facebook cliccate Qui e non dimenticate il like per non perdere nessuna delle mie prossime ricette..

1,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Carmelo Molino

Ciao siamo Carmelo e Mariella, gestiamo la nostra attività macelleria gastronomia da moltissimi anni ed amiamo questo lavoro, Il nostro obiettivo è condividere le nostre ricette di cucina con molta più gente sia possibile...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.