Crea sito
I pasticci di casa mia

Cappellacci alla zucca e funghi

Se siete alla ricerca di un’idea per il cenone o il pranzo di capodanno, io vi consiglio i cappellacci alla zucca e funghi. Io li ho preparati per il pranzo di Natale e sono piaciuti veramente a tutti. Va beh, date le restrizioni, quest’anno non abbiamo avuto invitati, eravamo solo noi quattro, ma credo conti anche il nostro parere. Sono piaciuti veramente tanto che mi era avanzato un po’ di ripieno, con qualche aggiunta dopo qualche giorno l’ho utilizzato per farci una pasta al forno. Divorata anche quella e vi dirò di più, a Valentina sono piaciuti davvero tanto che ora che è potuta andare a trovare il suo ragazzo, e forse ve l’ho già detto essere uno chef, ha preparato per lui la pasta al forno ovviamente, non si sarebbe mai messa a fare ravioli o cappellacci. Passiamo alla ricetta, che sembra lunghissima da scrivere, ma è molto semplice da fare. Sotto vi metto anche il video, così potete vedere con i vostri occhi e già che ci siamovi invito ad iscrivervi al mio canale. In fondo alla ricetta troverete il link.

Cappellacci alla zucca e funghi
  • DifficoltàMedia
  • CostoEconomico
  • Tempo di cottura5 Minuti
  • Porzioni4
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti per i cappellacci alla zucca e funghi

  • 300 gsemola di grano duro
  • 3uova (medie)
  • 300 gzucca (già mondata)
  • 130 gpatate rosse
  • 100 gfunghi cardoncelli (già mondati)
  • 10 gfunghi porcini essiccati
  • 1/2cipolla bianca
  • 1/2 bicchierevino bianco
  • 1 spicchioaglio
  • 1/2 cucchiainorosmarino
  • q.b.burro
  • 1 ramettosalvia
  • q.b.sale
  • q.b.pepe
  • q.b.olio extravergine d’oliva
  • q.b.brodo vegetale

Strumenti

  • 1 Tegame
  • 1 Pentola
  • 2 Padelle
  • 2 Ciotole
  • 1 Cucchiaio di legno
  • 1 Coltello
  • 1 Frullatore a immersione
  • 1 Tazza
  • 1 Tagliere
  • 1 Sac a poche oppure un cucchiaino

Preparazione dei cappellacci alla zucca e funghi

  1. Per prima cosa puliamo la zucca, togliendo buccia, semi e filamenti. Io ho utilizzato la varietà hokkaido, la cui buccia è commestibile, per cui l’ho lavata accuratamente e non l’ho sbucciata. Tagliate la zucca a cubetti.

    Sbucciate e lavate le patate e tagliate anche queste a cubetti.

    Affettate grossolanamente la cipolla.

    In un tegame, scaldate qualche cucchiaio di olio e fate soffriggere la cipolla. Aggiungete poi patate e zucca e fatele rosolare qualche minuto.

    Aggiungete quindi il brodo vegetale caldo oppure acqua calda, incoperchiate, portate a bollore, abbassate la fiamma e fate cuocere sino a che non risulteranno morbide, ma soprattutto il liquido non si sarà completamente asciugato. Quasi a fine cottura aggiungete il rosmarino e regolate di sale e pepe.

    Mentre la zucca cuoce, in una tazza mettete ad ammollare i funghi secchi in poca acqua tiepida. Nel frattempo mondate i funghi freschi, aiutandovi con una spazzolina e un panno umido, non immergeteli mai in acqua, i funghi sono come spugne, assorbirebbero molto liquido, compromettendo la cottura.

    Strizzate i funghi secchi, controllateli che non abbiamo terriccio o parti ammaccate ,quindi tagliateli a pezzettini.

    In una padella, fate fondere una noce di burro insieme all’aglio, aggiungete poi i funghi e fateli rosolare. Sfumate poi con poco vino bianco, regolate di sale e pepe e metteteli da parte.

    Con l’aiuto di un frullatore ad immersione, riducete a purea la zucca con le patate.

    A questo punto, iniziate a preparare la pasta, in una ciotola o sulla spianatoia, unite le uova alla semola, o alla farina da voi scelta ed impastate sino ad ottenere una palla soda, elastica e non appiccicosa. Mettetela a riposare sotto una ciotola capovolta o avvolta da pellicola da cucina, per almeno mezz’ora.

    Nel frattempo preparate il ripieno, unite alla purea di zucca, i funghi e rimescolate, controllate di sale e pepe.

    Passata la mezz’ora riprendete la pasta e stendetela in una sfoglia di circa un millimetro, con un coppapasta o un bicchiere, ricavatene dei dischi.

    Su ogni disco mettete un po’ di ripieno, richiudete a mezzaluna, poi unite le due punte. Se guardate il video, vi risulterà molto più semplice.

    Una volta terminato di formare i cappellacci, metteteli a cuocere in abbondante acqua bollente salata.

    In una larga padella fate fondere del burro insieme ad uno spicchio d’aglio e ad un ciuffetto di salvia e fate insaporire, il burro deve assumere un leggero colore nocciola. Con un mestolo a ragno, scolate i cappellacci direttamente nel condimento, rimescolate e servite subito in tavola.

  2. Se vi piacciono le mie ricette seguitemi anche su Facebook sulla mia pagina I pasticci di casa mia rimarrete sempre aggiornati su tutti i miei articoli. Mi raccomando per visualizzare i miei articoli cliccate mi piace sulla pagina, grazie. Per qualche chiarimento o commento, c’è il pulsante whatsapp, dove potete contattarmi in tempo reale.

    Potete iscrivervi anche sul mio canale Telegram dove ogni giorno posto nuove e vecchie ricette e da oggi anche sul mio canale Youtube, mi raccomando iscrivetevi, facciamolo crescere.

    Ciao e alla prossima ricetta.

Potrebbero interessarvi anche

  1. Ravioli ai funghi porcini
5,0 / 5
Grazie per aver votato!
Sommario
recipe image
Nome ricetta
Cappellacci alla zucca e funghi
Nome autore
Pubblicato il
Tempo si preparazione
Tempo di cottura
Tempo totale

Pubblicato da ipasticcidicasamia

Mi chiamo Silvana, non più giovanissima, sposata, con due figli ormai grandi, Fabio e Valentina. Fabio vive e lavora lontano da casa, Valentina, studentessa universitaria, vive ancora in famiglia. Ho un lavoro a tempo pieno da ben 36 anni, in una pubblica amministrazione e una grande passione: la cucina. In questa mia passione ho coinvolto Valentina che si diletta con me in cucina. Siamo due pasticcione impunite. Ci divertiamo molto a cucinare insieme, ma sopratutto a bisticciare. Vi chiederete perchè pasticcione, semplice, non abbiamo entrambe alcuna cognizione sulla coreografia del piatto, riusciamo a fare buone ricette, ma la presentazione lascia sempre molto a desiderare. Il nostro motto: Non sempre belli, ma sempre buoni. Mi auguro che anche voi, sperimentando le nostre ricette, concordiate con noi sulla bontà e non sull'aspetto. Dimenticavo una cosa importante, ma mi raccomando non ditelo a Valentina, spesso io mi prendo il merito delle sue ricette :) La nostra pecca? La coreografia dei piatti è per noi qualcosa di veramente sconosciuto. Pazienza, la speranza è l'ultima a morire. Un giorno, forse.... miglioreremo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »