Crea sito
I pasticci di casa mia

Zucca in vasocottura

Un paio di settimane fa volevo provare a fare gli gnocchi di zucca e ne ho approfittato per provare a cuocere la zucca in vasocottura. Cerco sempre di ottimizzare tempo, fatica e soprattutto costi, voglio sempre ottenere il massimo risultato col minor spreco. La vasocottura come sempre mi è di aiuto, i tempi di preparazione si riducono ad un decimo, non devo badare a nulla, non consumo energia elettrica con forno acceso per lungo tempo. Per gli gnocchi occorreva della polpa di zucca asciutta, in forno avrei dovuto tenerla circa mezz’ora, quindi tra preriscaldamento del forno e cottura l’avrei tenuto acceso almeno 40 minuti, col microonde in 5 minuti ho ottenuto lo stesso risultato o forse anche migliore. Con questo sistema ho utilizzato la zucca per realizzare gli gnocchi, ovviamente anche le patate le ho preparate in vasocottura, senza aggiunta di acqua, per la ricetta cliccate qui. Valentina, ha utilizzato della zucca cotta con questo metodo per realizzare una bavarese, non vi sto a dire quanto era buona, spero mi dia la ricetta. Sotto vi darò tutti i consigli utili e vi aggiungerò anche la video ricetta.

CostoMolto economico
Tempo di riposo25 Minuti

Ingredienti per la zucca in vasocottura

Quantità per un vasetto
  • 250 g zucca

Strumenti

  • Vasetto weck da 580 gr
  • coltello

Istruzioni per la realizzazione della zucca in vasocottura

  • Pulite accuratamente la zucca, privandola di buccia, semi e filamenti.

    Tagliatela a tocchetti regolari.

    Versate la zucca così ottenuta nel vasetto adatto alla vasocottura, non riempite oltre i 3/4 di vasetto.

    Ripulite accuratamente il bordo, chiudete il vasetto con i ganci, inseritelo nel microonde e fate cuocere per 5 minuti.

    Al termine della cottura, lasciate riposare per circa 20/25 minuti prima di aprire. Non appoggiate i vasetti su una superfice troppo fredda per evitare sbalzi termici, potete lasciarli nel microonde spento.

    Al termine del riposo, aprite il vasetto, scolate dal liquido che si è formato sul fondo e versate la zucca in un colino per farla sgocciolare ulteriormente. Lasciatela così per almeno due o tre ore, io l’ho lasciata tutta la notte. Vedrete che rilascerà molto liquido. Dopo questo periodo la zucca sarà perfetta, per essere usata in qualsiasi impasto vogliate fare.

  • Se vi piacciono le mie ricette seguitemi anche su Facebook sulla mia pagina I pasticci di casa mia rimarrete sempre aggiornati su tutti i miei articoli. Mi raccomando per visualizzare i miei articoli cliccate mi piace sulla pagina, grazie. Per qualche chiarimento o commento, c’è il pulsante whatsapp, dove potete contattarmi in tempo reale.

    Potete iscrivervi anche sul mio canale Telegram dove ogni giorno posto nuove e vecchie ricette e sul mio canale Youtube, mi raccomando iscrivetevi, facciamolo crescere.

    Ciao e alla prossima ricetta.

Sommario
recipe image
Nome ricetta
Zucca in vasocottura
Nome autore
Pubblicato il
Tempo si preparazione
Tempo di cottura
Tempo totale

Pubblicato da ipasticcidicasamia

Mi chiamo Silvana, non più giovanissima, sposata, con due figli ormai grandi, Fabio e Valentina. Fabio vive e lavora lontano da casa, Valentina, studentessa universitaria, vive ancora in famiglia. Ho un lavoro a tempo pieno da ben 36 anni, in una pubblica amministrazione e una grande passione: la cucina. In questa mia passione ho coinvolto Valentina che si diletta con me in cucina. Siamo due pasticcione impunite. Ci divertiamo molto a cucinare insieme, ma sopratutto a bisticciare. Vi chiederete perchè pasticcione, semplice, non abbiamo entrambe alcuna cognizione sulla coreografia del piatto, riusciamo a fare buone ricette, ma la presentazione lascia sempre molto a desiderare. Il nostro motto: Non sempre belli, ma sempre buoni. Mi auguro che anche voi, sperimentando le nostre ricette, concordiate con noi sulla bontà e non sull'aspetto. Dimenticavo una cosa importante, ma mi raccomando non ditelo a Valentina, spesso io mi prendo il merito delle sue ricette :) La nostra pecca? La coreografia dei piatti è per noi qualcosa di veramente sconosciuto. Pazienza, la speranza è l'ultima a morire. Un giorno, forse.... miglioreremo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »