Crea sito
I pasticci di casa mia

Gnocchi di zucca burro salvia e rosmarino

In questo periodo dell’anno le zucche abbondano, e si possono realizzare tantissime ricette. Io oggi vi propongo gli gnocchi di zucca burro salvia e rosmarino. Un primo piatto molto gustoso, ma altrettanto leggero, la zucca, ingrediente principale della ricetta, contiene pochissime calorie, il condimento, è vero che è a base di burro, ma la quantità è contenuta. Il sapore invece è delicato, ma appagante. Ve li consiglio vivamente. Sotto oltre alla ricetta scritta, inserirò anche il video e potrete vedere come sarà semplice realizzare questi gnocchi di zucca, così gustosi. Ovviamente colgo l’occasione per invitarmi ad iscrivervi al mio canale YouTube, è u canale giovane con pochi video, ma aiutatemi a farlo crescere ed io continuerò a pubblicare tante nuove videoricette.

Gnocchi di zucca burro salvia e rosmarino
  • DifficoltàMedia
  • CostoEconomico
  • Tempo di cottura5 Minuti
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti per gli gnocchi di zucca burro salvia e rosmarino

  • 600 gpolpa di zucca
  • 250 gpatate rosse (o a pasta bianca e vecchie)
  • 180 gfarina
  • 30 gparmigiano Reggiano DOP
  • q.b.sale
  • q.b.noce moscata
  • q.b.burro
  • 2 ramettirosmarino
  • 2 ciuffisalvia

Strumenti

  • 1 Ciotola
  • 1 Spianatoia
  • 1 Tarocco in metallo
  • 3 Vasetti Weck da 580 ml
  • 1 Vassoio
  • 1 Tovaglia oppure un telo
  • 1 Pentola
  • 1 Padella
  • 1 Mestolo a ragno
  • 1 Cucchiaio di legno
  • 1 Forchetta

Preparazione degli gnocchi di zucca burro salvia e rosmarino

  1. Per prima cosa dovete preparare le puree di zucca e di patate. Io ho preparato entrambe cuocendo i due ortaggi in vasocottura. Per la ricetta delle patate leggete l’articolo “Come lessare le patate senz’acqua“, per la zucca guardate l’articolo “Zucca in vasocottura“. In alternativa potete utilizzare la cottura tradizionale in forno, procedendo in questo modo:, lavate e sbucciate le patate e tagliatele a cubetti, sbucciate la zucca, privatela di semi e filamenti tagliate anche questa a cubetti. Sistemate gli ortaggi su una leccarda ricoperta da carta forno e cuocete in forno preriscaldato per circa 20/30 minuti, comunque sino a che non risulteranno morbide.

    Schiacciate separatamente zucca e patate con una forchetta o se preferite potete usare lo schiacciapatate.

    In una ciotola unite le due puree, il sale, la noce moscata e il parmigiano.

    Con l’aiuto di una forchetta amalgamate gli ingredienti.

    A questo punto aggiungete anche la farina, impastate velocemente, poi rovesciatela sulla spianatoia e con l’aiuto di un tarocco finite di impastare. Il composto si presenterà abbastanza appiccicoso volendo potete aggiungere ancora un po’ di farina, ma non andate oltre i 250 gr. totali.

    Staccate un pezzo di impasto, e sul piano infarinato formate un cordone, da cui ricaverete gli gnocchi.

    Man mano appoggiate gli gnocchi su un vassoio ricoperto da un telo o da una tovaglia, che siano comunque privi di odore di detersivo. Io utilizzo una vecchia tovaglia di Natale che lavo a mano con del sapone naturale biologico, privo di profumazione.

    Al termine mettete a bollire l’acqua per la cottura degli gnocchi.

    Lavate 2 rametti di rosmarino e due steli di salvia.

    In una larga padella fate fondere del burro a cui avrete aggiunto le erbe aromatiche e fatele rosolare

    Salate, io ho usato il mio sale al rosmarino per rendere ancora più aromatico il burro.

    Levate le erbe aromatiche .

    Quando l’acqua arriverà a bollore versate gli gnocchi, senza rimestare, dovranno prendere consistenza. Quando qualcun inizierà a salire a galla, potete rimescolare.

    Quando gli gnocchi inizieranno a schiumare, con l’aiuto di un ragno, scolateli direttamente nel burro, rimescolateli e serviteli subito in tavola.

    Potete aggiungere una spolverata di pepe e/o parmigiano.

    Un consiglio, gli gnocchi preparateli al momento, le puree di zucca e patate potete prepararle il giorno prima. Gli gnocchi crudi potete tenerli massimo un paio di ore. Si sconsiglia anche la congelazione.

    Un modo per poterli conservare sarebbe quello di cuocerli in acqua senza condimento, metterli in un unico strato su un vassoio e congelarli. Una volta induriti potete versarli in un sacchetto gelo. Al momento dell’utilizzo potete rituffarli ancora surgelati in acqua bollente e poi condirli, oppure direttamente nel condimento, sempre comunque congelati.

  2. Se vi piacciono le mie ricette seguitemi anche su Facebook sulla mia pagina I pasticci di casa mia rimarrete sempre aggiornati su tutti i miei articoli. Mi raccomando per visualizzare i miei articoli cliccate mi piace sulla pagina, grazie. Per qualche chiarimento o commento, c’è il pulsante whatsapp, dove potete contattarmi in tempo reale.

    Potete iscrivervi anche sul mio canale Telegram dove ogni giorno posto nuove e vecchie ricette e sul mio canale Youtube, mi raccomando iscrivetevi, facciamolo crescere.

    Ciao e alla prossima ricetta.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!
Sommario
recipe image
Nome ricetta
Gnocchi di zucca burro salvia e rosmarino
Nome autore
Pubblicato il
Tempo si preparazione
Tempo di cottura
Tempo totale

Pubblicato da ipasticcidicasamia

Mi chiamo Silvana, non più giovanissima, sposata, con due figli ormai grandi, Fabio e Valentina. Fabio vive e lavora lontano da casa, Valentina, studentessa universitaria, vive ancora in famiglia. Ho un lavoro a tempo pieno da ben 36 anni, in una pubblica amministrazione e una grande passione: la cucina. In questa mia passione ho coinvolto Valentina che si diletta con me in cucina. Siamo due pasticcione impunite. Ci divertiamo molto a cucinare insieme, ma sopratutto a bisticciare. Vi chiederete perchè pasticcione, semplice, non abbiamo entrambe alcuna cognizione sulla coreografia del piatto, riusciamo a fare buone ricette, ma la presentazione lascia sempre molto a desiderare. Il nostro motto: Non sempre belli, ma sempre buoni. Mi auguro che anche voi, sperimentando le nostre ricette, concordiate con noi sulla bontà e non sull'aspetto. Dimenticavo una cosa importante, ma mi raccomando non ditelo a Valentina, spesso io mi prendo il merito delle sue ricette :) La nostra pecca? La coreografia dei piatti è per noi qualcosa di veramente sconosciuto. Pazienza, la speranza è l'ultima a morire. Un giorno, forse.... miglioreremo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »