Crea sito
I pasticci di casa mia

Dita della strega

Anche da noi ormai c’è la moda di festeggiare Halloween e come è ovvio che sia anche il cibo deve rispecchiare l’atmosfera. Oggi vi propongo le dita della strega, dei biscottini a forma di dita, molto simpatici ed anche molto buoni. Possiamo offrirli ai bambini, ma anche ai nostri ospiti in accompagnamento al caffè. Qua sul blog ho altre ricette ideali per questa giornata: zucca al forno, vellutata alla zucca al rosmarino, risotto alla zucca, biscotti cuor di zucca, e nei prossimi giorni ne faremo altre.

Dita della strega
DifficoltàFacile
CostoEconomico
Tempo di riposo30 Minuti

Ingredienti per le dita della strega

  • 500 g pasta frolla
  • q.b. mandorle spellate

Ingredienti per la pasta frolla

  • 300 g farina 00
  • 125 g zucchero
  • 125 g burro
  • 1/2 cucchiaio miele
  • 1/2 bicchierino liquore Strega
  • 5 g lievito per dolci
  • 1 uovo
  • 15 mandorle spellate

Strumenti

  • 1 robot da cucina
  • 1 spianatoia
  • 1 teglia
  • 1 tarocco
  • pellicola per alimenti
  • 1 foglio di carta forno

Istruzioni per le dita della strega

  • Pesate direttamente nel bicchiere del robot da cucina, la farina setacciata insieme al lievito e il burro freddo di frigorifero tagliato a cubetti. Azionate il robot e frullate sino a che non otterrete un composto sabbioso.

    A questo punto aggiungete, lo zucchero, l’uovo, il miele e il liquore e rimettete in funzione sino a che tutti gli ingredienti non siano perfettamente amalgamati.

    Rovesciate il composto sul piano di lavoro, compattate, senza lavorare troppo la pasta. Formate un panetto, appiattitelo, avvolgetelo nella pellicola e mettetelo a riposare in frigorifero minimo una mezz’ora.

    Passato il tempo di riposo, riprendete la pasta frolla e stendetela in uno spessore di 1 cm, ritagliate dei bastoncini di lunghezza variabile larghi 1 cm.

    Date ad ogni bastoncino una forma arrotondata, cercando di simulare tutte le dita di una mano. Su una estremità di ogni bastoncini attaccate una mandorla a formare l’unghia, con la parte a punta verso l’esterno. Fate dei solchi per simulare le nocche.

    Cuocete in forno preriscaldato a 180° per 15 minuti circa, comunque sino a che non risulteranno dorati.

  • Se vi piacciono le mie ricette seguitemi anche su Facebook sulla mia pagina I pasticci di casa mia rimarrete sempre aggiornati su tutti i miei articoli. Mi raccomando per visualizzare i miei articoli cliccate mi piace sulla pagina, grazie. Per qualche chiarimento o commento, c’è il pulsante whatsapp, dove potete contattarmi in tempo reale.

    Potete iscrivervi anche sul mio canale Telegram dove ogni giorno posto nuove e vecchie ricette e sul mio canale Youtube, mi raccomando iscrivetevi, facciamolo crescere.

    Ciao e alla prossima ricetta.

Pubblicato da ipasticcidicasamia

Mi chiamo Silvana, non più giovanissima, sposata, con due figli ormai grandi, Fabio e Valentina. Fabio vive e lavora lontano da casa, Valentina, studentessa universitaria, vive ancora in famiglia. Ho un lavoro a tempo pieno da ben 36 anni, in una pubblica amministrazione e una grande passione: la cucina. In questa mia passione ho coinvolto Valentina che si diletta con me in cucina. Siamo due pasticcione impunite. Ci divertiamo molto a cucinare insieme, ma sopratutto a bisticciare. Vi chiederete perchè pasticcione, semplice, non abbiamo entrambe alcuna cognizione sulla coreografia del piatto, riusciamo a fare buone ricette, ma la presentazione lascia sempre molto a desiderare. Il nostro motto: Non sempre belli, ma sempre buoni. Mi auguro che anche voi, sperimentando le nostre ricette, concordiate con noi sulla bontà e non sull'aspetto. Dimenticavo una cosa importante, ma mi raccomando non ditelo a Valentina, spesso io mi prendo il merito delle sue ricette :) La nostra pecca? La coreografia dei piatti è per noi qualcosa di veramente sconosciuto. Pazienza, la speranza è l'ultima a morire. Un giorno, forse.... miglioreremo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »