Crea sito
I pasticci di casa mia

Panna cotta allo zafferano e gelatina di more

Panna cotta allo zafferano e gelatina di more. Avevo della panna in scadenza, ne avevo preso in eccesso quando ho preparato lo zuccotto al cioccolato bianco. Scadeva proprio ieri, lo sapevo da giorni, ma non riuscivo a decidere cosa farne. Alla fine ho optato per una panna cotta, ma la volevo particolare, un dolce diverso dal solito. Poi mi sono ricordata che l’anno scorso, Valentina preparava nel ristorante dove lavorava il gelato allo zafferano e mi sono detta, se il gelato è buono, perché non può essere buona la panna cotta. E panna cotta allo zafferano sia, ma cosa ci accosto? Ho gironzolato un po’ in rete e ho visto che viene accostata spesso ai frutti rossi e se fossero viola?! Ho la mia gelatina di more, sarà perfetta. Proviamoci e vediamo cosa ne esce. Il risultato è stato sorprendente, un gusto insolito per un dolce, ma molto accattivante, vi consiglio di provare.

Panna cotta allo zafferano e gelatina di more
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di riposo3 Ore
  • Tempo di cottura5 Minuti
  • Porzioni6
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti per la panna cotta allo zafferano e gelatina di more

  • 500 mlpanna fresca liquida
  • 130 gzucchero a velo
  • 2 gzafferano in pistilli (oppure una bustina )
  • 2.5 gagar agar (oppure 6 g. di gelatina in fogli)
  • 5 gbrandy (oppure altro liquore o acqua)
  • gelatina di more

Strumenti

  • 1 Bilancia pesa alimenti
  • 1 Pentolino
  • 1 Frusta
  • 6 Stampini
  • 1 Colino a maglie fitte
  • 1 Boccale con beccuccio
  • Pennello ( in silicone)

Preparazione per la panna cotta allo zafferano e gelatina di more

  1. Ora vi darò le spiegazioni per la realizzazione della ricetta con l’agar agar, sotto poi vi darò le varianti con la gelatina in fogli.

    Pesate l’agar agar con un bilancino di precisione. In un pentolino, setacciate insieme l’agar agar con lo zucchero a velo aggiungete poca panna e con la frutta cercate di stemperare le polveri, poi pian piano aggiungete la restante panna, senza fare grumi.

    Mettete sul fuoco e portate a bollore, rimescolando cuocete per circa un minuto. Levatela dal fuoco e filtratela attraverso un colino, in un boccale con il beccuccio.

    Inumidite gli stampi con un pennello, potete usare acqua o del liquore io ho usato pochissimo brandy e versate subito il composto di panna.

    Lasciate rassodare in frigorifero per almeno tre ore prima di servire.

    Servite accompagnando la panna cotta con un cucchiaio di gelatina di more, oppure altra composta ai frutti rossi. Potete mettere in tavola una ciotola con la confettura scelta per permettere ai commensali di servirsene ancora.

    Per la preparazione con gelatina in fogli procedete in questo modo:

    1) mettete a bagno la gelatina in fogli in acqua fredda per almeno 10 minuti

    2) Portate quasi a bollore la panna con lo zucchero a velo, poi levatela dal fuoco e aggiungete la gelatina ben strizzata,

    3) Rimescolate energicamente con una frusta per far sciogliere la gelatina, poi passatela comunque al setaccio, nel caso siano rimasti pezzettini on completamente sciolti.

    4) versate negli stampi inumiditi e lasciatela rassodare in frigorifero circa 5 o 6 ore.

    59 Servitela come la versione con agar agar.

    Se vi piacciono le mie ricette seguitemi anche su Facebook sulla mia pagina I pasticci di casa mia rimarrete sempre aggiornati su tutti i miei articoli. Mi raccomando per visualizzare i miei articoli cliccate mi piace sulla pagina, grazie. Per qualche chiarimento o commento, c’è il pulsante whatsapp, dove potete contattarmi in tempo reale.

    Potete iscrivervi anche sul mio canale Telegram dove ogni giorno posto nuove e vecchie ricette

    Ciao e alla prossima ricetta.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da ipasticcidicasamia

Mi chiamo Silvana, non più giovanissima, sposata, con due figli ormai grandi, Fabio e Valentina. Fabio vive e lavora lontano da casa, Valentina, studentessa universitaria, vive ancora in famiglia. Ho un lavoro a tempo pieno da ben 36 anni, in una pubblica amministrazione e una grande passione: la cucina. In questa mia passione ho coinvolto Valentina che si diletta con me in cucina. Siamo due pasticcione impunite. Ci divertiamo molto a cucinare insieme, ma sopratutto a bisticciare. Vi chiederete perchè pasticcione, semplice, non abbiamo entrambe alcuna cognizione sulla coreografia del piatto, riusciamo a fare buone ricette, ma la presentazione lascia sempre molto a desiderare. Il nostro motto: Non sempre belli, ma sempre buoni. Mi auguro che anche voi, sperimentando le nostre ricette, concordiate con noi sulla bontà e non sull'aspetto. Dimenticavo una cosa importante, ma mi raccomando non ditelo a Valentina, spesso io mi prendo il merito delle sue ricette :) La nostra pecca? La coreografia dei piatti è per noi qualcosa di veramente sconosciuto. Pazienza, la speranza è l'ultima a morire. Un giorno, forse.... miglioreremo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »